testata ADUC
Overdose di oppiacei. Arriva la 'morte grigia'
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 maggio 2017 16:02
 
 Dopo il boom dell’eroina degli ultimi trenta anni del secolo passato, gli Usa non avevano vissuto un’epidemia di oppiacei cosi devastante come l’attuale. Nel 2015 sono stati registrate 33.000 overdose mortali per consumo di cocktail di eroina e altri prodotti derivati dall’oppio. E la minaccia sta cambiando, si rinnova creando confusione nella polizia, negli scienziati e nei consumatori, che ogni volta sono sempre piu’ insicuri per quello che comprano, di cio’ che si stanno mettendo dentro il corpo. La ultima novita’ nefasta e’ la scoperta di una miscela conosciuta col soprannome “Morte grigia”.
La sostanza, di aspetto simile al cemento, a volte compatta e a volte in polvere, e’ composta di eroina, fenantil, carfenantil -un tranquillante talmente forte che si usa con tigri ed elefanti- e un oppiaceo sintetico chiamato U-47700 o Pink (rosa) o U-4. I consumatori se la iniettano, la deglutiscono, la fumano o la sniffano. La tossicita’ del composto e quella che i ricercatori dicono essere un autentico pericolo per la salute solo a toccarlo, dato che si assorbe attraverso la pelle.
Per ora la presenta non e’ in tutto il Paese. E’ stato individuato negli Stati di Alabama, Georgia e Ohio. In Georgia sono state registrate 50 overdosi legate alla Morte grigia negli ultimi tre mesi. “E’ una delle combinazioni piu’ spaventose che ho visto in 20 anni di analisi giudiziali”, ha detto all’agenzia Associated Press l’esperta Deneen Kilcrease, del governo della Georgia.
Sebbene il mercato della droga ha sempre visto la polizia un passo avanti, cosi’ come la scienza per la sua capacita’ di innovare, la nuova generazione di cocktail di oppiacei ha inaugurato un ambito chimico vorace che ogni volta si modifica piu’ rapidamente e con maggiore pericolo. I dipendenti, convinti di comprare eroina o altre miscele che conoscono, si espongono a sostanze sconosciute e per le quali non esiste nessuna minima indicazione di sicurezza sul consumo. Sono le cavie dei laboratori dei narcos.
Il procuratore dell’Ohio, Mike De Wine, ha dichiarato che al momento si potra’ avere una risposta certa scientifica solo quando questa droga sara’ analizzata: “Ti dicono: questa e’ eroina, o questo e’ fenantil, ma ora talvolta succede, almeno all’inizio, che ti dicano: Non sappiamo cos’e’” Ohio e’ stato lo Stato con piu’ morti per overdose di oppiacei nel 2016, con piu’ di 3.000.
Una dose di questa miscela mortale si puo’ comprare in strada a meno di 20 dollari.
L’epidemia di oppiacei ha le sue radici nell’esplosione di dipendenti agli oppiacei di farmacia nella prima decade degli anni 2000. La regolamentazione per il loro acquisto era debole. Quando il governo Usa ha capito la gravita’ del problema delle dipendenze ed ha stabilito norme piu’ severe per fare questi acquisti di farmaci, una gran quantita’ di consumatori si e' rivolta al mercato clandestino alla ricerca di effetti simili all’eroina e alle nuove combinazioni.
Questa ondata di morte colpisce tutta la popolazione bianca lavoratrice. Dei 33.000 morti del 2015, 27.000 erano bianchi, 2.700 neri e 2.500 latini. Legata socialmente alla depressione socio-economica della tradizionale classe media bianca, l’epidemia e’ conosciuta in Usa come quella delle “Morti per disperazione”.

(Articolo di Pablo de Llano, pubblicato sul quotidiano El Pais del 10/05/2017)
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori