testata ADUC
Appalti. Scuole, bidelli e pulizie 
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
16 marzo 2017 11:53
 
Valgono 1,6 miliardi gli appalti per le pulizie e il decoro nelle scuole d'Italia. La domanda sorge spontanea: chi dovrebbe fare le pulizie? A nostro avviso, i bidelli. Non si dovrebbe ricorrere, a meno di situazioni particolari, ad appalti esterni che aggravano il bilancio pubblico. I bidelli, in altre parole, gli operatori scolastici, così definiti dal buonismo di turno, dovrebbero avere la funzione di vigilanti e di addetti alle pulizie, ma le pulizie non le fanno più. E' la distorsione cui ha portato un'insensata contrattualità sindacale alla quale si aggiungono gli interessi di alcune imprese e cooperative. Occorre tornare a praticare il buon senso e ridefinire il mansionario di molte categorie del pubblico impiego, altrimenti, ognuno rivendicherà il proprio "particulare", i cui costi avranno un solo pagante: il cittadino contribuente.
Si potrebbe obiettare che gli addetti del comparto sono migliaia, il che creerebbe problemi occupazionali in un momento nel quale il lavoro scarseggia. Gia', ma dare lavoro a qualcuno, sottraendolo ad altro, che mantiene lo stesso stipendio, non e' una intelligente politica lavorativa perche' si rimescola la stessa minestra.  I soldi pubblici dovrebbero essere spesi per creare nuove e non fittizie e interessate opportunità di lavoro.
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori