portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - Siae: tassa anche su telefonini e pc per remunerare i diritti d'autore. E piovono critiche
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
14 dicembre 2009 17:25
 
E dopo le connessioni Internet anche i telefonini finiscono nelle mire della Siae, che sta cercando di recuperare soldi per ridurre i danni della pirateria informatica, questa la giustificazione alla proposta, che punta ad omologare telefonini e pc a cd e dvd, supporti su cui gia' grava un costo, scaricato sugli utenti. Il presidente di Asstel (operatori telefonici), Stefano Parisi, ha preso le distanze da quella che sarebbe una sorta di 'tassa' su telefonini e pc per remunerare il diritto d'autore.
Contrari pure Luca Nicotra (Segretario dell'Associazione radicale Agorà Digitale) e Marco Cappato (Presidente, membro del Comitato Nazionale di Radicali Italiani) che hanno cosi' commentato.
"La proposta di nuove tasse da parte della SIAE sta diventando una riflesso automatico inaccettabile. Dopo quella sulle connessioni ADSL di appena qualche giorno fa, ora spunta l'imposta su cellulari e PC. Conosciamo la rodata retorica della SIAE che, riciclando dati messi in discussione ormai da numerosi studi, sostiene una perdita di circa 300 milioni di euro dovuta alla pirateria e che nel tempo ha già usato per giustificare l'introduzione delle tasse sui supporti vergini analogici, supporti digitali, videoregistratori, masterizzatori e perfino microchip, o chiavette USB. Sempre a carico dei cittadini.
Ma le tasse servono a pagare un servizio, e nel caso della SIAE abbiamo difficoltà a capire di quale servizio si tratti. Parliamo di una società che i suoi stessi associati contestano. Il cui costo di iscrizione e di rinnovo annuale è così alto che il 60% degli autori musicali è in perdita; che neppure i big riconoscono, tanto che una settimana fa 130 tra i più noti autori e 30 dei maggiori editori si sono scagliati contro di essa con una lettera aperta a cui i dirigenti dell'associazione non hanno ritenuto di dover rispondere. Una società il suo vertice è costituito al 50% da membri che non appartengono alla sua base associativa, con una massiccia ingerenza da parte dello Stato, senza alcun piano strategico e per il cui solo funzionamento vengono impiegati quasi 200 milioni di euro all'anno.
Dati che dimostrano sempre più che SIAE da ente di tutela si è tramutando in uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo del settore e che cerca di sfruttare un monopolio sempre più illegittimo e che noi radicali sosteniamo debba essere abolito. L'alternativa non è il far-west, ma un mercato tra libere associazioni per l'intermediazione dei diritti d'autore che da tempo abbiamo delineato con una proposta di legge depositata alla Camera dal deputato radicale Marco Beltrandi e che il Governo dovrebbe fare propria."


Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
14 dicembre 2009 18:53
 FRANCIA - FRANCIA - Narcosale a Parigi?
14 dicembre 2009 17:25
ITALIA - Siae: tassa anche su telefonini e pc per remunerare i diritti d'autore. E piovono critiche
Donazioni
TEMI CALDI
31 luglio 2014 (19 post)
Coltivava due piante di cannabis in casa. Assolto in Appello
31 luglio 2014 (48 post)
Decreto Lorenzin, negare la fiducia a Giovanardi
31 luglio 2014 (22 post)
Energie rinnovabili? Si', grazie
31 luglio 2014 (10 post)
Pubblico registro automobilistico, Aci, Archivio nazionale dei veicoli, Motorizzazione, Province. A che servono? A tartassare il contribuente!
31 luglio 2014 (3 post)
Il quotidiano l'Unita' chiude, perche' no, visto che non vende?
31 luglio 2014 (3 post)
Artrite giovanile. Nuove scoperte
30 luglio 2014 (11 post)
Pos partite Iva – canone Rai – Tasi... 'cosi' e' (se vi pare)'
30 luglio 2014 (6 post)
Legalizzazione cannabis. The New York Times si schiera a favore
30 luglio 2014 (20 post)
Dipartimento politiche antidroga. Radicali: smantellarlo!
30 luglio 2014 (1 post)
L'aereo e' il mezzo di trasporto meno pericoloso. Ricordiamocelo
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori