testata ADUC
Il 10% dell'umanità è responsabile di più del 50% delle emissioni di CO2
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
29 settembre 2020 11:35
 
  Mentre i Paesi sviluppati si muovono verso un'industria più verde, più veicoli elettrici e modelli di consumo più sostenibili, le nazioni svantaggiate stanno ancora lottando per accedere alle tecnologie e a mezzi economici per consentire loro di compiere una vera transizione. Nell'Africa settentrionale e centrale, così come nell'Asia meridionale, la situazione è preoccupante, come ha osservato l'OMS nel 2016. Nel 2018, il direttore generale dell'organizzazione ha dichiarato: “L'inquinamento dell'aria ci riguarda tutti, ma le persone più povere ed emarginate pagano il costo più alto."

Più ricco, ma non più verde
Eppure, se la situazione è più preoccupante nelle nazioni svantaggiate, raramente sono queste che producono più inquinamento. Nell'agosto 2020, l'Union of Concerned Scientists ha rivelato l'elenco dei 10 Paesi più inquinanti: Cina, Stati Uniti, India, Russia, Giappone, Germania, Iran, Corea del Sud, Arabia Saudita e Indonesia. Tra questi, 9 sono tra i primi 20 del PIL mondiale (Stati Uniti, Cina, Giappone, Germania e India sono i primi 5), 3 dei quali si collocano tra i primi 20 paesi con il PIL il più alto pro capite.
Inquina di più per consumare di più
Un nuovo rapporto Oxfam rafforza questa scoperta. Secondo i loro dati, 63 milioni di persone (la percentuale della popolazione che detiene il 44% della ricchezza mondiale) hanno bruciato il 9% del bilancio del carbonio dal 1990, con una crescita tre volte superiore a quella della metà più povera dell’umanità. Il 10% più ricco è responsabile di oltre la metà delle emissioni tra il 1990 e il 2015.
"Questa estrema disuguaglianza economica fa molto di più che dividere le nostre società e rallentare il ritmo della riduzione della povertà", ha affermato Tim Gore di Oxfam. C'è un terzo costo: svuota le nostre riserve di carbonio, solo a beneficio di chi ha già tutto e vuole consumare ancora di più."

(articolo di Emma Holden su Futura-Planète del 28/09/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori