testata ADUC
L’80% della benzina illegale dell’Equador viene usata per le droghe
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
9 febbraio 2020 19:29
 
 Il viaggio dura quattro ore. In ogni motoscafo, le organizzazioni criminali trasportano 60 serbatoi di benzina da San Lorenzo, Eloy Alfaro o Rioverde, a Esmeraldas, a Tumaco, in Colombia. Lì vendono il carburante alle mafie del traffico di droga.
Gli agenti che monitorano il crimine del traffico di carburante sanno che l'80% della benzina commercializzata illegalmente è destinata alla lavorazione della cocaina.
Secondo una ricerca, le mafie hanno bisogno di 15 litri di benzina per produrre un chilo di droghe nei laboratori situati al confine tra i due Paesi. Pertanto, l'unità di ricerca sugli idrocarburi della polizia ha individuato una rotta di passaggio nello spazio marittimo. A queste operazioni partecipano anche gli aerei American Orion P3 e Awac, in quanto il traffico di carburante e il traffico di droga sono le principali attività illecite in mare. In quattro anni, tra il 2016 e il 2019, gli agenti hanno sequestrato 28.193 galloni in mare e hanno eseguito 40 operazioni congiuntamente alla Forza navale. Una di queste si è tenuto il 25 novembre. La Marina e la Polizia hanno intercettato un battello con quattro persone a 15 miglia nautiche da Esmeraldas. Sulla nave hanno trovato 28 container con 18 litri di benzina ciascuno. L'equipaggio non aveva documentazione per giustificare l'origine del carico. Inoltre, hanno trovato 970 chili di cocaina nascosti negli scomparti.
Un mese prima, a 12 miglia dal porto di Esmeraldas, altre quattro persone erano state arrestate su un battello in cui trasportavano 26 contenitori con idrocarburi.
Secondo la polizia, la catena del contrabbando comprende pescatori artigianali, poiché con un permesso di navigazione possono acquistare legalmente grandi quantità di benzina. Per un carro armato (55 galloni), gli artigiani pagano 50 USD. Quindi vendono i serbatoi per 80 USD l’uno alle organizzazioni criminali che li conservano in case che fungono da centri di stoccaggio o magazzini. Questo succede in Manabi ed Esmeraldas.
Gli agenti avvertono che è difficile sapere quale combustibile verrà utilizzato per le operazioni di pesca e quale per le attività illegali. Nel 2018 è stata smantellata una banda criminale, composta da 10 persone, che hanno immagazzinato benzina in tre case di Esmeraldas. Le indagini hanno indicato che il liquido sarebbe stato portato in Colombia. Dal 2016 a gennaio 2020, sono stati arrestati 107 sospetti. Solo nel 2018 sono state arrestate 63 persone.
In queste operazioni, i ricercatori hanno scoperto maggiori dettagli sul funzionamento delle reti di contrabbando.
Un altro ruolo è svolto dagli intermediari. Sono quelli che acquistano il carburante immagazzinato e lo trasferiscono in furgoni ai porti. Lì caricano i contenitori nei battelli modificati con due motori e salpano. Lo fanno di notte o al mattino presto per evitare i controlli. Nell'aprile dello scorso anno, nel settore La Tola, del cantone Eloy Alfaro, alcuni agenti hanno intercettato una barca nel porto, rinvenendo 2000 litri di carburante. Altre tre persone sono state arrestate in una circostanza simile ad ottobre 2018. Tre persone sono state catturate mentre navigavano con 2 800 galloni, grazie all’intervento de La Marina e il gruppo di salvataggio della polizia. Gli investigatori fanno0 sapere che quando arriva il carburante in Colombia, i trafficanti di droga acquistano i serbatoi a 150 USD l’uno.
Questi traffici provocano danni all'Ecuador per 212 milioni di USD all'anno.
Il 18 gennaio, la Marina colombiana ha arrestato tre persone che erano su una nave nel settore noto come "Bocana Majagual" a Tumaco, Nariño. Sul ponte della nave c'erano 815 galloni portati dalla costa ecuadoriana, e questo accadeva una settimana prima che le guardie costiere sequestrassero altre 16 contenitori nella stessa zona.
Secondo l'intelligence, quando la benzina raggiunge i laboratori clandestini viene poi trattata. In forni artigianali, il 90% dei suoi componenti viene estratto per processare narcotici.
Un altro degli scopi del traffico di carburante è quello di fornire i motoscafi che trasportano droga all'estero. Le guardie costiere ecuadoriane fanno sapere che le zone in cui operano i narcos in Colombia sono ai confini con le Isole Galapagos: In alto mare avvengono i rifornimenti e poi si dirigono in America centrale e in Nord America: le indagini della polizia fanno però sapere che in questi traffici non sono coinvolti i pescatori locali.
In Colombia, il carburante può costare fino a tre volte di più rispetto all'Ecuador.

(da un articolo di CE NoticiasFinancieras del 08/02/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori