testata ADUC
Abitanti poveri e turisti ricchi tra i templi millenari del Myanmar
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 marzo 2019 15:20
 
Joseph E. Stiglitz, nel suo lavoro “Il prezzo della disuguaglianza”, sostiene che l'1% della popolazione ha ciò di cui ha bisogno il 99%. Secondo il premio Nobel per l'economia, non ci sono altre specie o sistema in natura che favoriscono una tale distanza nei privilegi di pochi individui contro lo stato impoverito di gran parte della popolazione, ed i nostri sforzi per mantenere quello stato di disuguaglianza abissale porta al fallimento economico.
Una nave da crociera di lusso che ancorata di fronte a un villaggio di pescatori in Myanmar, così come la Ferrari che corre attraverso una baraccopoli di Mumbai o un aereo privato che atterra tra le risaie in Vietnam, sono solo alcuni dei tanti esempi di estrema disuguaglianza che si manifestano in Asia.
In Myanmar, il fiume Irrawaddy (o Ayeyarwadi) diventa tranquillo e silenzioso quando passa attraverso Bagan, quasi a mostrare rispetto per le migliaia di templi che rimangono ancora nella città antica. Quella che una volta era la capitale del regno birmano e ospitava più di 10.000 edifici religiosi tra templi, stupa e monasteri. Dopo invasioni e terremoti solo circa 2.200 sono conservati, ma sono più che sufficienti per continuare ad apparire come ombre appuntite dove si perde la vista in qualsiasi direzione.
Negli anni novanta, i governanti hanno deciso di espellere gli abitanti della oggi conosciuta come Old Bagan, poiché la piana di antichi templi aveva cominciato a crescere in maniera incontrollata, con l'aumento del turismo. La maggior parte dei suoi ex coloni sono stati trasferiti in una zona vicina, a circa cinque chilometri a sud, che si chiamava New Bagan. Non tutti sono riusciti a vivere la loro vita e alcuni, come la famiglia di Cutchuna, si sono stabiliti sulle rive del fiume, al riparo dal tempio di Gawdawpalin, il secondo più alto di Bagan.
È una piccola città di circa 150 abitanti, per lo più pescatori, che hanno ereditato il nome del fiume che lo nutre: Irawadi. Circa 60 capanne di bambù sono su dei pilastri di legno, si dividono poco più di un metro di terreno protetto dalle inondazioni dei fiumi e dalle piogge torrenziali nella stagione dei monsoni, collegate da strade strette di fango indurito.
Cutchuna è uno di quei pescatori e la sua routine è la stessa da quasi 20 anni. Ogni giorno, subito dopo il tramonto, entra nel fiume per pescare e lì trascorre le sue intere notti iper circa 12 ore rilasciando e raccogliendo reti. Un groviglio di fili legati ogni paio di metri a una bottiglia di plastica che funge da boa consente all'uomo di intascare, con un po' di fortuna, circa 6.000 kyat (poco più di tre euro) al giorno. Ogni mattina all'alba Cutchuna ritorna al villaggio, lascia la sua barca sulla riva e inizia a pesare la pesca per venderla. Alcuni giorni ci sono dei compratori in alcune bancarelle vicine e in altri giorni si sposta sulla sua moto fino a Nyang U, dove si trova il più grande mercato di Bagan.
Quando arriva a casa, sua moglie, Paopa, ha già mandato i bambini a scuola e lo aspetta per fare un pisolino con lui. Paopa, che ha appena compiuto 50 anni, si prende cura con calma e dolcezza della sua casa, di suo marito e dei loro tre figli. La donna vive nell'austerità ma in pace e mantiene un umore calmo e sorridente. La terrazza della sua capanna è sempre piena di vicini che bevono tè, mangiano noccioline e chiacchierano. Ecco come passano le loro giornate.

Anche quando i prezzi sono esorbitanti, i benefici economici raramente ritornano alla popolazione locale
Ogni lunedì, i vicini vedono sul fiume un'immagine dello scafo di un'enorme barca che transita di fronte alla città. È la famosa nave da crociera di lusso The Strand Ayeyarwadi, che organizza per tre o quattro notti il tour Mandalay-Bagan o Bagan-Mandalay attraverso lo Irawadi. Tre piani che si alternano tra finestre e pareti di design emulano un piccolo hotel galleggiante. La crociera offre pasti squisiti e massaggi rilassanti a bordo. Il prezzo per camera e notte varia tra 600 e 1.500 euro, importi che la gente del posto non conosce. Durante l'attracco, dozzine di turisti attraversano la città a piedi per raggiungere delle grandi auto nere che aspettano all'ingresso della strada per portarli a visitare i templi di Old Bagan. Molti di loro, sulla loro strada, scattano foto delle capanne di bambù e dei loro abitanti esotici mentre cercano di liberarsi dai bambini che vengono sempre a vendere loro le cartoline del Myanmar.
Il fatto è che questa crociera sulla riva della loro città non significa più benefici grazie all’elemosina o alle caramelle che i turisti danno ai bambini. La merce e lo staff provengono da Nyang U. Li vedono solo mentre vanno avanti e indietro mentre una fila di bambini li circonda e li accompagna gridando "cartoline", "cartoline", "200 kyats", "Myanmar", ... Anche se molto raramente riescono a venderne.
Nel villaggio di Irawadi, le famiglie hanno in media tre bambini, "anche se ci sono quelli che ne hanno avuti fino a nove!", dice Paopa mentre si mette la mano sulla fronte. La spiegazione per aver fatto così tanti bambini nonostante la loro povertà è, secondo la donna, che molte famiglie svantaggiate li mandano a lavorare quando hanno cinque o sei anni, perché, sebbene l'istruzione nel Paese sia obbligatoria, dipende sempre dalla decisione dei genitori. Anche chi è a scuola trascorre i pomeriggi e le vacanze a vendere le cartoline ai turisti, come i tre bambini di Paopa, che frequentano ogni giorno una scuola ma che aiutano l'economia familiare nel tempo libero. Il maggiore, Koko, ha già compiuto 11 anni e accompagna il padre nelle notti di pesca durante le vacanze.
Le donne del villaggio non hanno reddito dal momento che il loro lavoro è quello di lavare i vestiti nel fiume, pulire e cucinare. Nelle loro case di bambù vivono con le loro famiglie senza molta privacy se non quella che può dare una zanzariera ai loro letti, i cui materassi non superano lo spessore di una moneta. Negli angoli gli utensili da cucina sono mescolati con biancheria da letto e per bambini e su alcune pareti ci sono immagini di giorni speciali i cui angoli mostrano l'usura del tempo. Due o tre ferri attaccati alle corde fanno da porta che si apre ogni mattina per mantenere la casa aerata. Un pannello solare dà loro un po’ luce al crepuscolo e la carica per la batteria dei loro telefoni cellulari (ne hanno uno per famiglia di quelli vecchi, con tastierino numerico). Tuttavia, mancano altri dispositivi come un TV o un frigorifero.

Il fatto che una nave da crociera sia sulla riva della tua città non significa maggiori guadagni rispetto alle elemosine
Nei giorni di pioggia le porte sono chiuse e si sentono solo i rumori dei tetti in lamiera, ma non appena smette di piovere, i bambini escono in fretta finalmente liberi dall’essere stati reclusi e la strada principale verso il fiume si riempie di grida acute. Corrono qui e là, giocano a calcio sulla riva e condividono tutto ciò che hanno. Quando la madre di uno di loro chiama per dare alcuni biscotti o del latte, si ritrova più di 20 bambini del villaggio stipati sulla porta di casa per ricevere la loro razione. Secondo Paopa, mangiano riso, frutta e verdura. Il pesce è riservato per fare soldi e se un giorno non è possibile venderlo tutto, è cucinato per gli adulti, soprattutto per gli uomini.
Quasi ogni giorno si avvicinano alla pagoda Gawdawpalin per pronunciare le loro preghiere e fare donazioni di circa 30.000 kyat (circa 17 euro) per famiglia una volta ogni due mesi: fanno i turni, ogni giorno tocca a una famiglia diversa.
La strada dalla pagoda a casa sua si snoda tra cespugli e schivando le pozzanghere Cutchuna va sulla sua moto senza difficoltà. Ogni lunedì, deve anche schivare le grandi auto nere di lusso in attesa di turisti da The Strand all'ingresso di Irawadi. Il pescatore incontra persone che spendono in tre giorni ciò che lui non spenderà in tre anni, e sorride loro mentre è in paziente attesa per aiutarli a salire sulle loro auto, chiudere le portiere e dimenticare il loro passaggio.

(articolo di Sheila Torres, pubblicato sul quotidiano El Pais del 19/03/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori