testata ADUC
Adottare animali domestici contro i disturbi depressivi?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
2 dicembre 2018 12:49
 
 Il vecchio adagio secondo cui il cane è il migliore amico di un uomo potrebbe sembrare banale e un po' sessista, ma una nuova ricerca rivela che c'è qualcosa di vero, almeno per quanto riguarda la salute mentale di qualcuno.
Secondo uno studio pubblicato sul “Journal of Psychiatric Research”, l'adozione di un animale domestico potrebbe offrire sollievo a chi ha una grave depressione con bassi tassi di remissione e non può essere facilmente trattato con farmaci antidepressivi o psicoterapia.
Due ricercatori portoghesi hanno reclutato 80 partecipanti con questo tipo di depressione, nota come "disturbo depressivo maggiormente resistente al trattamento", ed hanno scoperto che l'adozione di un animale domestico "ha potenziato" gli effetti dei farmaci antidepressivi per una significativa minoranza di essi.
Jorge Mota Pereira e Daniela Fonte alla Clínica Medico-Psichiatrica hanno invitato i partecipanti ad adottare un animale domestico, 33 hanno accettato di farlo: 20 hanno scelto cani e sette gatti.
I loro sintomi depressivi sono stati posti sotto osservazione per un periodo di 12 settimane, con controlli a quattro e otto settimane.
Alla fine dello studio, Pereira e Fonte hanno scoperto che più di un terzo del gruppo che ha adottato animali domestici ha migliorato i propri punteggi sulla scala di valutazione della depressione di Hamilton e sulla scala di valutazione globale, in modo tale che i loro sintomi potevano oramai essere considerati lievi.

I ricercatori hanno concluso che i risultati mostrano che gli animali domestici potrebbero essere usati come "efficaci coadiuvanti" per i trattamenti convenzionali per la depressione; non solo, ma coloro che si prendono cura di un animale domestico sviluppano "una forte affinità e compagnia che contribuisce fortemente alla salute mentale".
Ma in un post sul blog del “British Psychological Society Research Digest2, lo scrittore Christian Jarrett sottolinea che lo studio dipendeva dalla volontà di una persona di adottare un animale domestico piuttosto che assegnare casualmente la proprietà di un animale a determinati volontari, il che potrebbe distorcere i risultati. "Quindi, anche se chi adottava e i controlli erano abbinati ai sintomi della depressione di base, potevano esserci altri modi in cui differivano". "Ad esempio, forse c'era qualcosa di diverso nelle personalità o nelle situazioni sociali di chi adotta animali, inducendoli in tal senso e contribuendo alla loro volontà di adottare un animale domestico e ai loro più elevati tassi di remissione (aumentando la possibilità che, nel loro recupero, l'adozione dell'animale domestico non fosse il principale ingrediente attivo). "Future e più accurate ricerche potrebbero essere in grado di mettere meglio a fuoco il tutto".

(Articolo di Olivia Petter, pubblicato sul quotidiano The Independent del 02/12/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori