testata ADUC
Artico. La banchisa vista dalla Nasa negli ultimi 35 anni
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
22 settembre 2019 10:13
 
 Mentre l'anno 2019 sembra cupo per il circolo polare artico, una nuova animazione della NASA mostra l'evoluzione della banchisa di ghiaccio negli ultimi 35 anni, tra gennaio 1984 e luglio 2019. Il calo visibile nella misura e lo spessore del ghiaccio legato al riscaldamento globale ci fa venire i brividi brividi. Per produrre questa animazione, la NASA ha utilizzato 35 anni di dati satellitari relativi all'età del ghiaccio - sinonimo di spessore e durata del ghiaccio della banchisa - nonché della sua estensione, tra il 1984 e il 2019. Superando estate dopo estate, il ghiaccio più antico rappresenta storicamente la maggior parte della calotta artica come la conosciamo, che disegna la Terra con un eterno cappello bianco. Di solito raggiunge i 3-4 metri di spessore. Il ghiaccio stagionale che mostra la banchisa di ghiaccio nella sua massima estensione annuale in inverno prima di sciogliersi nella successiva stagione estiva, ha uno spessore da uno a due metri. Secondo la scala di tonalità in alto a destra del video, il ghiaccio perenne, qui definito come esistente ininterrottamente per più di quattro anni, è sorprendentemente rappresentato in bianco. Al contrario, il grigio scuro si trova nel ghiaccio più recente, di meno di un anno. Una seconda scala nell'angolo in alto a sinistra riflette l'area (in milioni di chilometri quadrati) coperta settimana dopo settimana, mese dopo mese, anno dopo anno, dallo strato di ghiaccio più antico. Un indicatore verde indica l'estensione massima del ghiaccio perenne registrata dal 1984 nella settimana dell'anno considerata, mentre un indicatore viola definisce la media settimanale calcolata tra il 1984 e il 2003. Alla fine del video, queste due demarcazioni diventeranno solo ricordi lontani di un blocco di ghiaccio un tempo prospero ...

2019, un anno critico per il ghiaccio marino artico
Questa animazione è un'illustrazione scioccante di ciò che ora tutti sono (o dovrebbero essere) consapevoli: la graduale, anche accelerata, scomparsa del ghiaccio marino artico. Fragilizzato, si attenua nel corso degli anni, diventando generalmente più sottile, più piccolo e composto da ghiaccio che non sopravvive più di un'estate. Dalla seconda metà degli anni 2000, è già solo un'ombra di se stesso. Verso l'inizio del video, durante la prima settimana di gennaio 1988, nel pieno dell'inverno, l'era glaciale su quattro anni ha coperto 3.121.000 kmq, secondo una dichiarazione della NASA. Circa tre decenni dopo, durante la prima settimana di gennaio 2019, questo ghiaccio perenne copriva solo 116.000 kmq, con un calo di quasi il 96%. Il gruppo di ghiaccio artico nel suo insieme (calotte glaciali di tutte le età) ha registrato il suo record minimo annuale nel settembre 2012, con 3,39 milioni di kmq, il più basso registrato da quando sono iniziate le osservazioni satellitari nel 1979. Questo record non dovrebbe essere battuto quest'anno, anche se lo scioglimento dei ghiacci estivi è particolarmente preoccupante. Secondo i ricercatori dell’Istituto Alfred Wegener e dell’Università di Brema (Germania), per la seconda volta dal 1979, l’estensione del ghiaccio pack sarebbe scesa sotto la fatidica soglia di 4 milioni di kmq. Tuttavia, per il National Data and Ice Data Center (NSIDC) degli Stati Uniti, il 16 settembre copriva ancora 4,21 milioni di kmq.

https://www.youtube.com/watch?v=xlPVUB8svuI
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori