testata ADUC
Assassini e minorenni: la lotta al narcotraffico a Città del Messico
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
14 novembre 2020 21:09
 
 I recenti ritrovamenti di minori assassinati e smembrati nel centro di Città del Messico, sono il riflesso e l'orrore della violenza nel paese delle devastanti e sanguinose lotte che i cartelli della droga mettono in atto nella capitale.
Mercoledì notte, due adolescenti sono stati arrestati mentre cercavano di abbandonare una valigia con i resti di un altro quattordicenne nel quartiere centrale Guerrero della capitale.
Mentre l'ufficio del procuratore generale di Città del Messico non esclude la partecipazione di più persone al crimine, alcuni media sostengono che il cartello Unión Tepito avrebbe pagato gli adolescenti per abbandonare quel corpo.
La vicenda è avvenuta a poche strade dal luogo in cui, il 1 novembre, nel giorno dei morti, sono stati ritrovati in sacchi della spazzatura i resti di due adolescenti di 12 e 14 anni di etnia Mazahua mentre una persona li trasportava su una carriola.
In quell'occasione, il sindaco di Città del Messico, Claudia Sheinbaum, non ha esitato a sottolineare che tali atrocità "avevano a che fare con lo spaccio di droga" (traffico su piccola scala).
 La criminalità della capitale
"Senza dubbio sono fatti attribuibili alla criminalità organizzata. Sono cose di crudeltà decisamente patologica", ha detto venerdì all'agenzia di stampa EFE Javier Oliva, ricercatore in materia di sicurezza e professore presso l'Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM).
Sebbene per anni le autorità della capitale abbiano negato la presenza di cartelli in questa città e attribuito il crimine a bande minori, nessuno ne ha messo in dubbio l'esistenza.
Il governo del Messico ha individuato le operazioni di più di una dozzina di organizzazioni criminali nella capitale, al centro delle quali spiccano gli scontri tra i rivali Unión Tepito e Antiunión Tepito, all’origine di gran parte degli omicidi.
Nel luglio di quest'anno è stata dimostrata l'infiltrazione a Città del Messico del potente cartello Jalisco Nueva Generación (CJNG), il più violento del Paese, che ha fatto un attacco (fallito) contro il capo della polizia della capitale, Omar García Harfuch, ma dove comuneue sono morte tre persone.
"Siamo 20 milioni di persone qui. Si tratta di un mercato molto ampio per la criminalità (droga, pirateria, furto di ricambi auto ...). Ovviamente sono presenti grandi organizzazioni criminali", ha detto Oliva a proposito dell'area metropolitana di Città del Messico.
 Minorenni arruolati dai cartelli
In tutta questa rete, uno dei maggiori danni collaterali è quello dei minorenni più svantaggiati, che vengono arruolati dalle reti criminali.
"Attirano gli adolescenti perché non sono protetti, cercano un senso di appartenenza e a quell'età sono disposti a rompere con la loro famiglia e la comunità", ha detto a EFE Juan Martín Pérez, direttore della Rete per i diritti dell'infanzia (Redim) .
Secondo Pérez, ogni giorno sette minori vengono assassinati e altri sette scompaiono in Messico, coinvolti nell’ondata di violenza della guerra militare contro il traffico di droga iniziata da Felipe Calderón (2006-2012) e seguita da Enrique Peña Nieto (2012-2018 ) e Andrés Manuel López Obrador.
Da un decennio il Redim individua reti per il reclutamento di minorenni nell'area chiamata "el diamante", che include il centro della capitale e i popolosi comuni limitrofi di Ecatepec, Chalco e Nezahualcóyotl.
I quartieri vecchi e affollati del centro storico, molto vicini a luoghi turistici come il Palacio de Bellas Artes, sono diventati aree a rischio per i minorenni.
"L'obiettivo di questi crimini è generare terrore esponendo i corpi nel cuore politico dello Stato messicano, a soli 10 minuti dal Palazzo Nazionale (residenza presidenziale) e dal municipio", ha detto Pérez.
E non sono solo i casi dei giovani smembrati. Il 27 ottobre è stato assassinato il figlio di un operatore dell'Unione Tepito e il 10 novembre è stato ritrovato il corpo di un adolescente torturato.
 I tentacoli della criminalità organizzata
Alla luce dei recenti eventi che hanno sconvolto la capitale, il governo di Città del Messico ha annunciato giovedì un programma chiamato “Barrio Adentro” per impedire che bambini e adolescenti cadano nelle reti criminali. Si tratta di attività educative, culturali e sportive con assistenti sociali che andranno di casa in casa per venire incontro ai bisogni dei circa 6.000 minorenni che son stati indivduati come coinvolti in queste vicende.
Nel 2011, il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia ha raccomandato allo Stato messicano, tra le altre misure, di preparare un censimento dei minorenni reclutati per il crimine e di prevedere questo reclutamento come reato penale.
"Finché queste raccomandazioni non saranno adottate e si continueranno a prendere misure mediocri, la violenza aumenterà", ha detto il direttore di Redim.
Il Messico ha battuto il suo record storico con più di 34.600 omicidi nel 2019, mentre un nuovo picco è stimato per il 2020 con circa 40.000 crimini, secondo il governo.
(articolo su Clarin.com del 13/11/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori