testata ADUC
La California cerca di pagare i tossicodipendenti perché restino sobri
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
26 agosto 2021 14:02
 
Frustrati dall'aumento fuori controllo dei decessi per overdose, le autorità della California stanno provando qualcosa di radicale: vogliono che lo stato sia il primo a pagare le persone per rimanere sobrie.
Il governo federale lo fa da anni con i veterani dell'esercito e la ricerca mostra che è uno dei modi più efficaci per convincere le persone a smettere di usare droghe come la cocaina e la metanfetamina, stimolanti per i quali non sono disponibili trattamenti farmaceutici.
Funziona così: le persone guadagnano piccoli incentivi o pagamenti per ogni test antidroga negativo per un periodo di tempo. La maggior parte delle persone che completano il trattamento senza alcun test positivo può guadagnare qualche centinaio di dollari. Di solito ottengono i soldi su una carta regalo.
Si chiama "gestione delle contingenze" e il governatore Gavin Newsom ha chiesto al governo federale il permesso di utilizzare i dollari delle tasse per pagarlo attraverso Medicaid, il programma di assicurazione sanitaria statale e federale per i poveri e i disabili che copre quasi 14 milioni di persone in California.
Nel frattempo, una proposta simile si sta muovendo attraverso la legislatura a maggioranza democratica della California. È già passato al Senato senza opposizione ed è in discussione in Assemblea, dove ha un coautore repubblicano.
"Penso che ci sia molto in questa strategia che piace a tutti", ha detto il senatore di stato Scott Wiener, un democratico di San Francisco e autore del disegno di legge. "La cosa più importante è che funziona."
Quanto costerebbe dipende da quante persone partecipano. Un programma che copre 1.000 persone potrebbe costare fino a $ 286.000, una miseria nel budget operativo totale della California di oltre $ 262 miliardi.
La San Francisco AIDS Foundation, un'agenzia senza scopo di lucro, gestisce un piccolo programma di gestione delle emergenze finanziato da privati. È dove Tyrone Clifford, che era dipendente dalla metanfetamina, si è iscritto perché hanno promesso di pagarlo per ogni test negativo nell'arco di 12 settimane.
Il suo primo pagamento è stato di $2. Che è leggermente aumentato con ogni successivo test negativo per un totale di circa $ 330.
“Ho pensato di farlo per 12 settimane. L'ho fatto prima quando il mio spacciatore era in prigione". "Quando avrò finito avrò 330 dollari per sballarmi."
Clifford ha superato il programma senza un test positivo. Ma invece di usare i soldi per comprare altra droga, ha comprato un computer portatile per poter tornare a scuola. Dice che non usa la metanfetamina da 11 anni e ora lavora come consulente presso la San Francisco AIDS Foundation, aiutando le persone che avevano gli stessi problemi di dipendenza che aveva lui.
Clifford, 53 anni, ha detto che guadagnare i soldi non importava molto. A differenza di alcuni che lottano contro la tossicodipendenza, Clifford ha sempre avuto un lavoro e una casa e non ha mai rischiato di perderlo. Ma ha detto che guardare il suo account crescere con ogni test negativo lo ha motivato più di qualsiasi altro programma di trattamento.
"Guardi quei valori in dollari salire, c'è la prova che lo sto facendo", ha detto. "In nessun modo qualcuno si arricchisce con questo programma."
Ci sono "prove chiare e convincenti" che il trattamento funziona per mantenere le persone sobrie da droghe come metanfetamina e cocaina, secondo un'analisi del California Health Benefits Review Program. Tuttavia, mentre la ricerca mostra che è efficace nel mantenere le persone sobrie durante il programma, l'effetto non dura molto oltre i sei mesi dopo la conclusione del trattamento.
Clifford ha riconosciuto che il programma non funziona per tutti, ma ha aggiunto che il suo trattamento includeva ampie sessioni di consulenza individuale e di gruppo che lo rendevano responsabile e lo faceva sentire parte di una comunità.
Clifford considera il trattamento un successo anche se le persone non lo fanno senza un test positivo. "Stanno provando qualcosa".
Se la California inizia a pagare per il trattamento di gestione delle emergenze attraverso Medicaid, secondo Clifford sarebbe un'esplosione di programmi simili in tutto lo stato.

La California, come la maggior parte del paese, ha lottato contro l'abuso di oppiacei, compresi farmaci come antidolorifici ed eroina. Ma i decessi per overdose da stimolanti in California sono quasi quadruplicati tra il 2010 e il 2019 e da allora il problema è ulteriormente peggiorato.
I dati preliminari dei primi nove mesi del 2020, quando gran parte dello stato era bloccato a causa del coronavirus, mostrano che i decessi per overdose da stimolanti sono aumentati del 42% rispetto al 2019.
Mentre gli oppioidi hanno a disposizione diversi trattamenti farmaceutici per aiutare le persone a diventare sobrie, non ce ne sono per stimolanti come la metanfetamina e la cocaina, che spesso lasciano le persone alla loro forza di volontà per liberarsi dal vizio.
"C'è un’evidente carenza nei trattamenti per chi ha un disturbo da uso di stimolanti", ha affermato Jaycee Cooper, direttore del programma Medicaid della California. "A questo punto (la gestione delle emergenze) è l'unica cosa che le persone indicano come efficace".
La gestione delle contingenze non è ampiamente utilizzata perché non è chiaro se le leggi statali e federali consentano ai soldi di Medicaid di pagarla. La California ha una legge che proibisce alle persone di trarre profitto o ricevere "compensi" dai programmi di trattamento.
La legge di Wiener chiarirebbe che la gestione delle emergenze è legale secondo la legge statale.
E’ in dubbio se violi la legge federale.
"Non pensiamo che lo faccia", ha detto Wiener, notando che l'amministrazione Biden ha mostrato interesse per il trattamento.
Il progetto di Wiener richiederebbe al programma Medicaid della California di pagare il trattamento, mentre il piano di Newsom consentirebbe alle contee di scegliere se partecipare.

(Adam Beam, Associated Press del 26/08/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS