testata ADUC
Il Canada in fermento per la cannabis legale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
30 giugno 2018 11:36
 
 Per una delle maggiori compagnie di cannabis legale del Canada, il recente voto in Parlamento per legalizzare la marijuana ricreativa rappresenta un'ampia opportunità per lo sviluppo di nuovi prodotti, comprese le bevande con aggiunta di marijuana.

La speranza, ha detto Adam Greenblatt, manager dell'azienda Canopy Growth, «è che tra cinque anni la gente berrà bevande alla cannabis a un cocktail party come se bevesse un buon vino».

Matteo Rossant, 21 anni, laureato alla Concordia University di Montreal, prevede anche un futuro ancora più ampio, in cui si venderà come oggi per lo sciroppo d'acero, lecca-lecca e gelatina a base di cannabis.

Ma Rémi Letendre, 81 anni, un conduttore radiofonico del Quebec in pensione, si preoccupa che le vendite e il consumo legali di marijuana lascino città come Toronto e Montreal invase da adolescenti e turisti della marijuana provenienti dagli Stati Uniti che, “fatti”, inciampano per strada.

Le persone in tutto il Canada sono state cinvolte con la legalizzazione della marijuana ricreativa lo scorso 20 giugno, no dei cambiamenti più radicali della cultura canadese negli ultimi decenni.

Il governo liberale del primo ministro Justin Trudeau aveva sostenuto che la legalizzazione era necessaria per eliminare un'industria illegale di cannabis stimata pari a 7 miliardi di dollari l'anno e per proteggere i giovani dai rischi delle droghe illegali. La legge entrerà in vigore il 17 ottobre, ha affermato Trudeau, per dare alle province il tempo di far funzionare i loro sistemi di vendita al dettaglio.

La Quebec Cannabis Company, il nuovo monopolio della marijuana provinciale, sta valutando come vendere cannabis, in virtù delle restrizioni che, ad esempio, proibiscono di promuoverla col marketing o di venderla in vetrine dietro un bancone. Mathieu Gaudreault, un portavoce della compagnia, ha detto che i clienti potrebbero almeno annusare la marijuana, che sarà venduta in bustine sigillate, "come se sentissero odore di profumo".

Sebbene il Canada abbia legalizzato la marijuana medica nel 2001, centinaia di dispensari del mercato nero hanno proliferato. Trees Station, un dispensario illegale nella zona bohémien di Kensington Market a Toronto, è stato aperto per due anni, vendendo più di 30 diversi tipi di marijuana. Il business è così vantaggioso che i proprietari hanno in programma di aprire due nuovi siti. «Continueremo a fare quello che stiamo facendo», ha dichiarato Nathan Murdock, manager del dispensario.

Vedendo la legalizzazione come una prospettiva aziendale, il sig. Rossantis ha lanciato una rivista di lifestyle sulla marijuana chiamandola Maples. E’ sua intenzione anche di produrre una varietà di prodotti a base di acero derivati dalla marijuana. «Per un giovane imprenditore come me, l'industria della cannabis è più facile da capire rispetto al settore tecnologico», ha affermato. «Inoltre, noi millennial abbiamo il know-how per quanto riguarda il pot-market: abbiamo tutta la nostra storia che gravita intorno agli spinelli.»

Un'opportunità per lo sciroppo d'acero fatto con la cannabis.

(articolo di Catherine Porter e Dan Bilefsky, pubblicato sul quotidiano The New York Times del 29/06/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori