testata ADUC
Cannabis legale. Come cresce il business in Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 dicembre 2018 12:13
 
La marijuana sta diventando un'azienda. Il produttore Marlboro Altria Group Inc. è l'ultima grande azienda ad esplorare il mercato della cannabis, così come stanno facendo produttori di bevande come Molson Coors e Heineken. Altre grandi aziende come Coca-Cola, Pepsi, Anheuser-Busch e Guinness brewer Diageo non hanno ancora deciso, ma hanno detto che stanno osservando da vicino questo mercato, inclusi i suoi estratti. Lunedì scorso 3 dicembre, il gruppo Cronos ha confermato i colloqui con Altria su un possibile investimento. Altria, con sede a Richmond, in Virginia, possiede Philip Morris USA, il più grande produttore di sigarette negli Stati Uniti. Le azioni di Cronos Group Inc., con sede a Toronto, sono aumentate del 6% martedì 4 dicembre. Si prevede che il mercato della cannabis cresca esponenzialmente man mano che la marijuana ricreativa e medica supererà gradualmente gli ostacoli legali e sociali. Si prevede che i consumatori spenderanno $ 57 miliardi all'anno in tutto il mondo per cannabis legale entro il 2027, secondo Arcview Market Research, una società di investimento che si occupa di cannabis. In Nord America, si prevede che la spesa aumenterà da $ 9,2 miliardi nel 2017 a $ 47,3 miliardi nel 2027. I produttori di sigarette e bevande, in particolare, vogliono esser presenti in un mercato che potrebbe far crescere la domanda anche per i loro prodotti tradizionali. Ad esempio, un sondaggio del governo degli Stati Uniti del 2017 ha dimostrato che l'uso quotidiano di marijuana è maggiore dell'uso quotidiano di sigarette tra gli studenti delle scuole superiori. "Riteniamo che questa sia un'altra categoria che si svilupperà in modo rapido e molto ampio e presenterà semplicemente un'altra opportunità di crescita", ha dichiarato Rob Sands, CEO di Constellation Brands in una recente conference call con degli investitori. Ad agosto, Constellation, proprietaria della birra Corona e del vino Manischewitz, ha investito 4 miliardi di dollari in cambio di una quota del 38 percento del coltivatore canadese di marijuana Canopy Growth. L'uso di marijuana ricreativa legalizzata in Canada, nel giro di un anno si estenderà anche su prodotti come cibo e bevande.
Negli Stati Uniti, è ancora illegale a livello federale, ma 10 Stati e il Distretto di Columbia hanno legalizzato la marijuana ricreativa per gli adulti, secondo la National Conference of State Legislatures. Colorado e Washington l'hanno approvata nel 2012; gli elettori del Michigan hanno approvato il mese scorso un referendum che ha legalizzato la marijuana ricreativa. Una legge su questioni agricole attualmente all'esame del Congresso potrebbe anche legalizzare la crescita della canapa a livello federale, e questo aprirebbe ulteriormente il mercato per cibo, bevande e quindi altri attori del mercato.
La canapa contiene poche le proprietà psicoattive della marijuana. Ma contiene cannabinolo, o CBD, che secondo alcuni ha effetti calmanti e curativi. All'inizio di questa estate, il governo degli Stati Uniti ha approvato un farmaco che contiene CBD derivato dalla marijuana. In alcuni stati, i consumatori possono già acquistare oli da cucina, bevande e caramelle gommose con CBD. "Non faccio nomi ma c’è una grande catena di supermercati su scala nazionale che ha mostrato interesse in merito", ha detto Ryan Stroud, co-fondatore e direttore operativo di Xanthic Beverages, produttore di bevande con sede centrale in Oregon. "Si rendono conto che è una gara e non vogliono essere lasciati indietro". Mentre alcune aziende stanno tranquillamente ricercando prodotti a base di cannabis, altre stanno esplicitando le loro intenzioni. Tilray Inc., una compagnia di marijuana medica della British Columbia, è diventata la prima azienda di cannabis a iniziare a commerciare pubblicamente quest'anno in una delle principali borse statunitensi. Il suo valore di mercato si è avvicinato rapidamente a $ 10 miliardi, circa lo stesso di The Gap o Macy's. Molson Coors ha costituito una joint venture, Truss, con Hexo Corp., un'altra compagnia canadese di marijuana, ed ha fatto sapere che se ne occuperà sempre di più, a partire dal prossimo anno con una gamma di nuovi prodotti. E nei dispensari di marijuana della California, la sussidiaria di Heineken, Lagunitas, sta già vendendo acqua frizzante con CBD, nonché il componente psicoattivo THC. Le grandi multinazionali potrebbero aiutare il mercato della cannabis finanziando la ricerca, standardizzando i prodotti e impegnandosi nella distribuzione, ha affermato Giadha Aguirre De Carcer, CEO di New Frontier Data, un gruppo di ricerca sulla cannabis. In questo momento, ad esempio, non vi è accordo sul dosaggio della CBD che dovrebbe essere utilizzato nelle bevande o sulle regole per l'etichettatura. "C'è una mancanza di visibilità in questo ambito quando si tratta di prodotti di consumo", ha detto. Ma Stroud dice che la comparsa delle multinazionali sulla scena è preoccupante per molti coltivatori artigianali di marijuana, che non saranno in grado di far fronte ad un business di tali livelli. "Un sacco di gente continua a fumare le piante del nonno, ma tutto sta per cambiare".

(da un lancio dell’agenzia Associated Press – AP del 05/12/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori