testata ADUC
Cannabis legale. I primi passi in California
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
21 dicembre 2017 14:30
 
 L'imminente mercato legale della cannabis in California ha fatto un altro enorme passo in avanti, dato che il primo gruppo di permessi per uso ricreativo è stato distribuito a un certo numero di coltivatori, produttori, distributori e dettaglianti che, grazie anche alle licenze locali del caso, potranno aprire le loro attività alle 9 del mattino del 1 gennaio.
Secondo Green State, gli uffici amministrativi californiani hanno rilasciato lo scorso 20 dicembre licenze per attivita’ di cannbis ricreativa, tra cui negozi al dettaglio, produzione di estratti e commestibili, distributori e "microbusiness" - aziende legali a tutti gli effetti che coltivano, distribuiscono e vendono i propri prodotti di semi di cannabis, direttamente al cliente.
La prima azienda ad ottenere l’autorizzazione è stata la Pure CA, la nota marca di estratti di Moxie, che ora sarà in grado di distribuire i prodotti derivati dall’erba attraverso il Golden State.
Per quanto riguarda la vendita al dettaglio, KindPeoples di Santa Cruz, la 530 Cannabis di Lake Shasta e Torrey Holistics di San Diego, saranno in grado di dare il via al nuovo anno vendendo erba legale a residenti e turisti, a condizione che abbiano almeno 21 anni.
Naturalmente, tutte le aziende che hanno conseguito le licenze statali dovranno passare attraverso altre autorizzazioni a livello locale e ancora statale, assicurandosi che abbiano un numero sufficiente di partner autorizzati, compresi i laboratori di test, prima che possano fare le loro prime vendite del prodotto ricreativo, ma ciò non ha ha impedito ai vincitori del biglietto d'oro della California di fare un po’ di festeggiamenti.
"Amico, in genere sono piuttosto riservato, ma ora sto impazzendo", ha detto a Green State Khalil Moutawakkil, fondatore e direttore di KindPeoples. "È fantastico. Ho avuto i brividi sulla schiena".
Queste reazioni sono state registrate in tutto lo Stato, anche se c'è ancora del lavoro da fare.
"Non potrei essere più eccitato", ha dichiarato l'amministratore delegato di Moxie Jordan Lams all'Associated Press. "La California è stata senza regolamenti per un tempo molto lungo. Quindi ci sarà un periodo di transizione."
Per quanto riguarda le microimprese autonome, Buddy's Cannabis si unirà a KindPeoples per fornire un servizio di seed-to-sale sul posto.
Oltre alle prime licenze per uso ricreativo, l’amministrazione californiana distribuira’ le prime licenze per uso terapeutico rivedute dallo Stato, contribuendo ad un notevole balzo in avanti per l'industria che ha operato in condizione di laissez-faire da quando la marijuana medica e’ stata legalizzata per la prima volta in California nel 1996.
"Le questioni che non si volevano affrontare saranno lentamente rimosse e questo diventera’ come qualsiasi altro business", ha affermato all’Associated Press Tony Hall, proprietario e gestore di Torrey Holistics, il primo rivenditore che ha ottenuto una licenza per uso ricreativo.
Dopo solo due settimane che il mercato legale dell’erba in California e’ ufficialmente online, l’amministrazione del Golden State ha fatto sapere che sono in arrivo ulteriori autorizzazioni.
"Abbiamo in programma di rilasciarne molte altre prima del 1 gennaio", ha detto Lori Ajax, direttore dell’ufficio statale della cannabis.

(articolo di Zach Harris, pubbicato su Merry Jane del 21/12/2017)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori