testata ADUC
Cannabis terapeutica. Quanto costa ai pazienti?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
14 novembre 2019 11:12
 
 La questione dell'accesso dei pazienti, praticamente ovunque, si riduce non solo a un modo per ottenere facilmente la propria cannabis, ma anche a potersela permettere.
I pazienti quasi ovunque (con poche eccezioni) sono ancora alle prese con entrambi i problemi.

Negli Stati Uniti…
La cannabis non è ancora legale a livello federale. Tuttavia, l'economia in molti mercati statali, in particolare quelli ricreativi, ha continuato ad abbassare il prezzo della cannabis. Ma nonostante questo, per molti pazienti qualsiasi costo è proibitivo. Grazie alla mancanza di riforme federali, negli Stati Uniti non esiste un'assicurazione sanitaria che copra tutt'altro che il dronabinol, per non parlare del mandato di prescrivere e coprire i cannabinoidi. Aggiungendo le precise volontà in materia agli infortuni, e persino nella più grande economia statale (California), le città e i comuni possono vietare all'industria della cannabis di operare all'interno delle proprie giurisdizioni. Ciò ha già creato "deserti di cannabis" in cui i pazienti devono percorrere lunghe distanze per trovare legalmente ciò che serve loro, per non parlare del fatto che i mercati online, non registrati e quelli grigi continuano a prosperare.
I pazienti, a seconda di dove si trovano negli Stati Uniti e se possono avvalersi o meno di un’associazione senza scopo di lucro, possono pagare prezzi abbastanza bassi per la cannabis. Ma possono anche essere costretti a soluzioni costose, che sono concepite solo per il consumo ricreativo. È così ancora ovunque.

In Canada…
Finora i pazienti hanno conservato il diritto di coltivare in casa e, di conseguenza, l'accesso in Canada è finora il più facile ed economico rispetto a qualsiasi altro Paese. Tuttavia, non è così facile essere completamente "off-grid" quando si tratta di cannabis terapeutica. Finora, almeno, non esiste una copertura assicurativa obbligatoria in merito. Tutte le spese vengono dalle proprie tasche e l'aumento del supporto medico può diventare costoso, anche a casa.

Nel Regno Unito…
Supponendo che la Brexit sia ancora fattibile, questo comporterebbe un grosso problema sul fronte della cannabis. Anche se il farmaco può ora essere prescritto, sembra che fino a questo momento non un singolo paziente sia stato rimborsato dal SSN. Con il numero di prescrizioni fatte da medici che si fanno pagare fior di quattrini, c’è da aspettarsi la stessa cosa sul fronte della cannabis. Il problema continua ad essere al centro dell’attenzione, ma un medico che fa queste prescrizioni potrebbe far guadagnare ad un paziente circa $ 1.200 al mese, incluso il costo della materia prima.

In Europa…
La Germania è la più "avanzata" per quanto riguarda l'accesso dei pazienti. Tuttavia, mentre teoricamente i pazienti possono ottenere la loro cannabis medica coperta dall'assicurazione sanitaria (quindi le prescrizioni possono costare al paziente circa $ 12 al mese), la realtà è diversa per molti tedeschi. Di tasca propria, anche quando è possibile trovare un medico che faccia le prescrizioni, può facilmente costare $ 1.200 al mese. Mentre il problema della catena di approvvigionamento sta iniziando a risolversi, ci sono ancora grossi problemi per un costante approvvigionamento nella maggior parte delle farmacie tedesche.

(articolo di Marguerite Arnold, pubblicato su Cannabis Chronicle, ICBC – International Cannabis Business Conference - del 12/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori