testata ADUC
'Il capitalismo non funziona senza cooperazione e reciprocità'
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 luglio 2020 20:44
 
L'ansia è, forse, la parola che meglio definisce ciò che sta accadendo in questo secolo in Occidente. Ansia per l'insicurezza lavorativa affrontata da coorti più giovani. L'ansia causata dalla disuguaglianza, di vedere attraverso lo schermo mobile la visione di vite alle quali molti, anche a distanza, possono aspirare a vivere; e l'ansia, ora anche di fronte ad una pandemia che minaccia di scuotere le basi sociali che sono rimaste e che sta costringendo gli stati a bruciare le riserve per evitare un'altra Grande Depressione. Vi è un consenso più o meno chiaro sulle cause di questo nuovo (o forse non più) sentimento di pessimismo e radicale incertezza: una miscela di accelerato cambiamento tecnologico con la globalizzazione della produzione, che ha lasciato grandi gruppi di persone con competenze retribuite obsolete o molto peggiori, che hanno spostato le aree più facilmente replicabili del settore verso i paesi emergenti in cerca di manodopera a basso costo e, in ultima analisi, per i bawlers di soluzioni facili e radicali a problemi complessi.

Con questa diagnosi, Paul Collier (Sheffield, Regno Unito, 71 anni), professore di Economia e politiche pubbliche all'Università di Oxford, cerca di arrivare al fondo della "sindrome da declino", il cui inizio in realtà risale quasi a cinque decenni fa. "La crisi del 2008 e del 2009 ha messo in luce il pessimismo, ma era una tendenza in crescita dalla metà degli anni '80", spiega Collier in videoconferenza. Quel pessimismo è ampiamente giustificato: oggi già metà della generazione nata negli anni ottanta vive "decisamente peggio" dei loro genitori alla stessa età, come ha raccolto nel suo ultimo libro, The Future of Capitalism (Debate, 2019).
Il capitalismo - "l'unico sistema che funziona, ma che periodicamente esce dai binari" - ha come "principali credenziali il miglioramento del tenore di vita dei cittadini senza interruzione, e ora non lo sta ottenendo con molte persone". E ha davanti a sé, osserva Collier, un pericoloso doppio divario che minaccia di farlo deragliare. Quella sociale, "di abilità e morale", che separa le famiglie "di grande successo" da quelle che "si disintegrano nella povertà" e per le quali chiede un ritorno al comunismo guidato nell'età d'oro della socialdemocrazia e della lotta continua contro l'iperindividualismo. E quello geografico, che divide quasi tutti i paesi occidentali in due blocchi chiaramente differenziati: metropoli fiorenti, socialmente ed economicamente distaccate dal resto del paese - "non sono più rappresentative della nazione di appartenenza" - e città più piccole, una volta potenti e industriali come la sua nativa Sheffield, Detroit (USA) o Lille (Francia), colpite dalla perdita di popolazione e dal trasferimento di metallurgia e produzione in paesi con costi di manodopera più bassi.
Per questo secondo crack, quello geografico, alimentato da quello sociale ed educativo, trova un solo rimedio possibile: una tassa specifica sulle megalopoli - "che beneficiano di investimenti nazionali e una dose di buona fortuna" - e dedica i proventi a rilanciare le città depresse con piani di politica industriale di design decentralizzati che ripristinino il loro status di "gruppi di lavoro produttivi e non con benefici sociali per i loro abitanti". “Le grandi città devono condividere ciò che ottengono, in larga misura, grazie ai beni pubblici che l'intera nazione fornisce, come lo stato di diritto. Non ha senso che l'apprezzamento del valore del territorio urbano metropolitano sia soggetto a tasse così basse ”.

Produttività
Anche qui, gli anni '80 sono la svolta. Da allora, con l'ascesa dell'economia della conoscenza, il differenziale di produttività tra le principali città e il resto del territorio è aumentato del 60%. “Fino ad allora, le differenze di reddito tra le regioni erano diminuite, sia negli Stati Uniti che in Europa. Ma le stesse forze che hanno spinto le metropoli hanno depresso queste città. Dov'è la nozione di obbligo reciproco?” Si chiede.
Collier sostiene un "pragmatismo" che prevale nel processo decisionale dei dogmi di Donald Trump e Marine Le Pen quando governano - ma anche, dice, alle canzoni "populiste" delle sirene di Jeremy Corbyn o Jean-Luc Mélenchon. E fa appello soprattutto al greening di un concetto, la comunità, che è stata assolutamente superata dall'individualità. Di fronte a nazionalismi esclusivi, afferma, la medicina deve essere un "patriottismo benigno" e un sentimento di "appartenenza condivisa" che serve da collante in società sempre più disunite.

"La socialdemocrazia si riprenderà solo quando tornerà alle sue radici comunitarie e al compito di ricostruire una rete di obblighi reciproci basata sulla fiducia che affronta le ansie delle famiglie lavoratrici", afferma. “Rinunciando alle storie di appartenenza basate sul luogo condiviso e ad alcuni scopi fondamentali, è stato dato spazio alle storie di appartenenza che sono divisive e di esclusione di altri. Quello che abbiamo visto nel corso degli anni è che il capitalismo, senza un alto grado di cooperazione e reciprocità, non funziona. È un errore che è iniziato con [Milton] Friedman e un'interpretazione errata di ciò che ha detto Adam Smith, e che continua ancora oggi."

Il capitalismo "sano, sociale e propositivo" che Collier difende è quello in cui vi è concorrenza e in cui i suoi membri riconoscono le responsabilità verso gli altri e il dovere di proteggere gli altri. Fu raggiunto tra la fine della seconda guerra mondiale e la fine degli anni '70, ma l'irruzione dell'individualismo ipertrofico e la separazione dei diritti e degli obblighi "furono disastrosi". “Siamo in un momento in cui sembra che lo Stato sia l'unico ad avere degli obblighi, ma non i cittadini. E lo stato è un attore troppo debole senza una forte idea comunitaria”, dice. "Lo vediamo ora con il coronavirus: una società forte si basa su obblighi reciproci. Deve essere inclusiva, ma anche stabilire obblighi reciproci tra i suoi membri."

A seguito delle nuove ansie, Collier vede anche un degrado nel comportamento di molte grandi aziende, colto da una combinazione di profitti sovradimensionati a breve termine "che non ha nemmeno giovato agli azionisti stessi". "Abbiamo bisogno di ripristinare gli scopi delle aziende e una nuova cultura aziendale: si vantano del loro scopo sociale, ma continuano a premiare i loro manager solo con una visione di aumentare i loro profitti a breve termine". Quell'asimmetria, dice, ha reso molto sottile la fiducia. "Sono ansiosi di costruire una forte reputazione sociale tra i clienti, ma quelli che sopravvivono a lungo termine sono quelli che costruiscono anche un rapporto di fiducia con i loro dipendenti e la loro comunità".

La prova di questo deterioramento degli "standard di condotta" degli affari negli ultimi decenni sono gli stipendi stratosferici di presidenti e amministratori delegati. “Hanno fissato il loro stipendio confrontandosi. Cosa fai con £ 5 milioni all'anno? Raccogliendo quelle somme, difficilmente puoi guadagnare rispetto e chiedere sacrifici alla squadra”, afferma. "Abbiamo bisogno di leader che guadagnino rispetto con sacrificio".

(articolo di Ignacio Fariza, pubblicato su El Pais del 19/07/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori