testata ADUC
Cocaina. L’invasione europea passa dalla Spagna
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 luglio 2018 15:51
 
 Da alcuni mesi, le spiagge della Linea de la Concepción sembrano una ribalta televisiva. La ribellione dei clan di hashish, che hanno scelto di scontrarsi con la polizia e adottare un metodo più tipico del cartello di Sinaloa per il contrabbandato all'ombra di Gibilterra, ha concentrato su quelle coste di Cadice i media e la polizia. Ma è a 20 chilometri di distanza, nel porto di Algeciras, dove i grandi sbarchi si svolgono in silenzio.
La cocaina in Spagna come gateway dell’Europa
Nascosti tra le più di quattro milioni di container che arrivano ogni anno nel porto, nascosto tra banane, surgelati o semplicemente zaini, migliaia di chili di cocaina provenienti per lo più dalla Colombia stanno inondando le strade europee come non mai. L'ultimo rapporto dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), pubblicato pochi giorni fa, spiega che circola più cocaina che mai. E non è una frase fatta. La quantità di polvere bianca sequestrata nel 2016 (ultimo anno disponibile) -di migliaia di tonnellate superiore rispetto al passato- sta battendo tutti i record. Il traffico di cocaina, avvertono le Nazioni Unite, è già un'epidemia.
"E' una valanga è molto grossa", ha detto un agente di primo piano dei GRECO, gruppi di risposta speciale contro la criminalità organizzata della polizia nazionale. "Non abbiamo mai visto nulla di simile." Dall'altra parte della legge, un veterano spacciatore della Galizia, con una tazza di caffè in mano, su una terrazza di Vigo, ha annuito: "C'è troppa cocaina, ora ci sono negozi anche a Madrid e Siviglia, dove viene ammucchiata in attesa di essere distribuita .." Poi si lamenta: "il prezzo ha toccato il fondo. qui si è sempre pagato tra i 32.000 e 35.000 euro per un chilo, ora è tra 27 e 28". Oltre a Algeciras, gli altri porti spagnoli del Mediterraneo (in particolare Valencia e Barcellona) e , come sempre, la costa della Galizia, sono diventate autentiche piste di cocaina in Spagna.
La maggior parte della droga proviene dalla Colombia, dove si trova il 68% delle coltivazioni mondiali. V'è una sovrapproduzione, dovuta in gran parte agli accordi di pace che hanno portato alla smobilitazione delle FARC -seguite anche dai paramilitari, maora decine di ettari liberi sono controllati da nuovi gruppi di spacciatori che, a differenza di quelli di un tempo che si mettevano sempre in mostra, hanno scelto la discrezione del denaro. Se uno o due anni fa c'erano due o tre raccolti all'anno, ora ce ne sono fino a sei. Il crollo del confine con il Venezuela, inoltre, consente una raffinazione senza problemi del prodotto.
"C'è stata anche una mutazione nelle strutture criminali", spiega Ignacio de Lucas, procuratore antidroga della Corte Nazionale, "non hanno più le rigide gerarchie del passato. Non sono più mafie, ma una specie di franchigie con strutture più flessibili, più dinamiche, con persone che entrano ed escono, e che rende molto difficile formulare accuse contro di loro, visto che si muovono come un'organizzazione criminale".
L'Europa è la destinazione preferita da anni. Il Regno Unito è il terzo maggior consumatore di cocaina al mondo (il 2,3% della sua popolazione la consuma) e la Spagna il quarto (2%). Ma la Spagna è diventata il gateway principale, solo paragonabile all'Olanda. E i porti sono l'accesso prioritario. "Al porto di Valencia", spiega Javier Cortés, capo del Servizio di vigilanza doganale (SVA) di Valencia, "arrivano quasi 5 milioni di container all'anno. Monitorare tutto è un'utopia. Ma ci abbiamo provato". Più che un'utopia, è impossibile, come afferma il procuratore Ignacio de Lucas: "I grandi porti - o Algeciras, Valencia, Anversa o Rotterdam - sono veri buchi neri".
Il container è il veicolo preferito per le organizzazioni che trafficano nella droga. Dall'America Latina, spiega Cortés, i container a volte portano borse sportive con cocaina, e vengono raccolte nei porti spagnoli da bande chiamate soccorritori. I soccorritori aprono il container, raccolgono le borse, mettono un sigillo simile e prendono la droga. Fanno pagare mille euro al chilo. Di solito prendono tra i 100 e i 300 chili. Questa tecnica è chiamata “gancio cieco”. Non è l'unica.
"Ciò che richiede maggiore impegno è che le aziende - quasi sempre latinoamericane - sono costituite in modo professionale per importare cocaina", afferma un dirigente della SVA nel suo ufficio a Madrid. Sono aziende di frutta o di pesce che usano i canali commerciali legali per inviare la droga. Le FARC hanno costituito dozzine di queste società anni fa, alcune delle quali con molta presenza e successo commerciale in Europa. L'accesso ai canali commerciali è estremamente complesso perché, a detta di tutti, sono aziende perfettamente legali. La cocaina si insinua in Spagna tra il resto dei prodotti, come un altro.
Per cercare di far luce su un buco nero, Ignacio de Lucas e altri magistrati spagnoli partecipano alla Rete dei procuratori antidroga dell'America Latina. "Sappiamo tutti", ammette De Lucas, "che non vinceremo mai la guerra contro il traffico di droga, ed è per questo che dobbiamo darle la priorità. O andiamo per il piccolo traffico di droga nell'angolo o andiamo per le grandi organizzazioni. Perché, né in Spagna né in nessun altro Paese, ci sono risorse per tutto ".
Galizia, l'altro focus
Come un nostalgico che resiste alla pensione, la Galizia continua a essere una delle porte stellari della coca in Europa. E, come ogni vecchia gloria, mantiene la tecnica dei motoscafi, noti come alianti. "Con il container qui arriva poco. Continuiamo ad usare le barche ", dice un narco galiziano seduto al tavolo di un ristorante nell'estuario del Vigo. "Siamo sul mare. E i colombiani vogliono che si faccia così: una nave da pesca o da carico con le merci, siamo andati con le barche fino all’oceano e abbiamo traghettato bella di cocaina. Quindi gli alianti vengono salvati. Alcuni in Mauritania. Sono così potenti che arrivano in poche ore."
Ad oggi, quattro grandi trafficanti di droga controllano la Galizia. Decidono quanto e come la cocaina entra, grazie ad alleanze forgiate da bande colombiane che esistono da decenni. Sono uomini discreti la cui ossessione è di passare inosservati. Alcuni svolgono il ruolo di imprenditori onesti di successo e fanno transazioni puntuali con dozzine di aziende legali. Altri sono concittadini che non hanno mai lasciato la loro città costiera
"Non sanno cosa fare con i soldi. Non vogliono riciclarlo se poi vengono comunque catturati, non vogliono avere intere case con colonne di banconote che raggiungono il soffitto", dice un membro del GRECO della Galizia. "Vogliono essere invisibili, e il traffico di cocaina continua. Chi controlla è molto intelligente. "Più che svegli e pronti a tutto, secondo il procuratore anti-droga, sono molto intraprendenti." E’ il caso di Sito Miñanco "spiega," che è accusato di aver portato 3.000 chili su una barca, e due mesi dopo, 600 chili in un'altra barca e quattro mesi ... Sono imprenditori di progetti continui. Alcuni vanno bene e altri sbagliano, ma non si fermano. Fino a quando non smantellerai completamente la tua organizzazione, non fermarti. Il problema secondo me è che qui misuriamo il successo con molta preoccupazione e questo non può essere l'indicatore. Troppe volte è preferibile effettuare indagini a livello locale per ottenere risultati rapidi ed effetti facili rispetto a indagini complesse che richiedono risorse e tempo. Vogliamo raggiungere il successo molto rapidamente e quindi non possiamo affrontare il problema ".
De Lucas fornisce due dati che fanno pensare. Il numero di casi contro i trafficanti di droga è diminuito lo scorso anno - come si può vedere nella memoria dell'ufficio del pubblico ministero - e solo l'8% di questi casi è stato archiviato per riciclaggio di denaro sporco. E poiché i procuratori antidroga di Cadice e il Campo di Gibilterra, Ana Villagómez e Macarena Arroyo lavorano sul territorio, il danno maggiore per i grandi trafficanti di droga è l'attacco alle loro proprietà.
In un dispaccio della Brigata Narcotici Centrale, un poliziotto spiega chi c'è dietro a tutto questo scenario. Il nocciolo del problema del narcotraffico. "La cocaina appartiene ai colombiani. Lo portano in Europa e qui gli spagnoli la gestico una volta a terra. In seguito, la merce raggiunge gli acquirenti". Questi acquirenti, secondo le fonti della polizia nazionale, sono potenti trafficanti di narcotici olandesi di origine marocchina stabiliti in Andalusia. "Sono i più pericolosi e i più potenti. Spendono per l'hashish e si dedicano alla cocaina con discrezione." Con loro ci sono diverse imbarcazioni di Albanesi del Kosovo con sede a Valencia e anche mafie serbe installate a Barcellona. "Comprano e distribuiscono per tutta l'Europa. Sono molto pericolosi e rappresentano la più grande sfida. Queste persone sono la nostra lotta per il futuro."

(articolo di Pablo Ordaz e Nacho Carretero, pubblicato sul quotidiano El Pais del 01/07/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori