testata ADUC
Come il coronavirus ha cambiato la televisione nel mondo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
12 aprile 2020 18:41
 
 La televisione è il modo più veloce per conoscere un Paese: mostra i suoi principi, le sue nevrosi e i suoi ideali in un modo più grafico rispetto al codice penale. Un'alternativa a questa vecchia massima del mondo sarebbe quella di vedere le dozzine di modi in cui i televisori di ogni Paese rispondono alla grande sfida di questi mesi: cosa trasmettere durante una pandemia? A cui segue l'altra grande domanda: come si fa?

Nelle griglie è possibile trovare in questi giorni non pochi francobolli insolitamente rappresentativi dei rispettivi Paesi.

In Francia, con il confino, in vigore dal 16 marzo, si osserva un fenomeno con un nome e un cognome: Louis de Funès. I suoi vecchi film - raramente apprezzati dalla critica ma sempre popolari - sono diventati uno dei successi del piccolo schermo. Dal rabbino Jacob alla serie Gendarme, diverse reti hanno trovato nel grande attore comico la formula per riempire la programmazione serale e notturna e raggiungere milioni di spettatori. De Funès (1914-1983) è un riferimento comune per molti francesi, interclasse e intergenerazionale: lo specchio nostalgico di un'altra epoca - quella degli anni sessanta e settanta, nel mezzo della crescita economica e della prosperità - e un passatempo innocente adatto a tutta la famiglia. Il miglior antidepressivo contro il coronavirus, è stato chiamato dal Journal du dimanche: una forma di evasione.

In America Latina, il coronavirus ha sconvolto uno dei prodotti culturali più incontestabili del Brasile: le soap opera. Per mitigare il rischio di contagio tra i loro team, le emittenti televisive, inclusa la Rete Globo, la più grande dell'America Latina, hanno annullato la registrazione di quelle che lì sono autentiche istituzioni culturali, comprese quelle trasmesse in prima serata. La soluzione è stata quella di tornare alle soap opera dei primi anni 2000, per cercare di mantenere il pubblico in quelle fasce orarie.

In Israele, le catene hanno dovuto negoziare lo spazio della crisi del coronavirus con un altro: la crisi politica interna dopo le elezioni di marzo, la terza in un anno, con la crisi sanitaria globale. In questo Paese, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, non appena appare sullo schermo in prima serata per dichiarare obbligatorio l'uso delle maschere, chiede un governo di unità nazionale di fronte alla pandemia.

È nei Paesi europei che vengono rilevati i punti più comuni. Qui, il susseguirsi delle crisi causate dal Covid-19 ha spazzato via tutte le griglie, privandole di programmi di intrattenimento, che in ogni caso non possono più essere registrati e lasciando al loro posto spazi informativi. Condividono un'immagine che sembra quasi l'estetica di questi tempi: uno schermo diviso con diversi volti, ognuno a casa, con la libreria sullo sfondo, la fotocamera puntata sul mento e l'abbigliamento casual. Questa modifica può essere utilizzata come indicazione della gravità con cui il virus ha colpito una nazione.

In Italia, uno dei territori più colpiti, numerosi programmi di intrattenimento sono stati cancellati o ridotti al minimo. E in alcuni spazi attuali, alcune persone si connettono dalle loro case e la catena Sky Tg24 ha iniziato a svolgere alcuni dei suoi programmi di notizie in remoto, dalle case dei giornalisti, tra cui il presentatore e il direttore. In questo Paese, la narrativa e le repliche dei concorsi hanno occupato l'altra parte dello spazio lasciato dai divertimenti. All'inizio dello scoppio della pandemia, i programmi di attualità hanno registrato un notevole aumento di pubblico; nelle ultime settimane, l'attenzione degli spettatori si è leggermente spostata verso la fiction. Secondo uno studio della società Barometro, i programmi di attualità hanno perso, in media, circa 200.000 spettatori nell'ultima settimana di marzo rispetto alla prima settimana dello stesso mese, mentre i film hanno guadagnato oltre 400.000 spettatori.

La televisione, tuttavia, è tornata ad essere il collegamento tra innumerevoli abitanti isolati e il desiderio di aggrapparsi a una certa normalità con volti e programmi popolari.

Nel Regno Unito, hanno indotto la televisione tradizionale ad avere dati record sul pubblico. Le reti, a partire dalla BBC, si sono concentrate sulle loro notizie mentre sospendono alcuni dei loro programmi di intrattenimento. BBC Breakfast, o News at One, Six e Ten hanno ampliato il loro spazio di trasmissione per concentrarsi sulla crisi. I prodotti che richiedono un pubblico dal vivo sono stati riformattati o temporaneamente sospesi. Il Graham Norton Show, o The Jeremy Vine Show, sono stati i primi a provare l'appuntamento quotidiano dalle case dei presentatori, un metodo che tra l'altro Jimmy Fallon, Noah Trevor o Seth Meyer fanno anche negli Stati Uniti.

Gli spazi educativi e per bambini proliferano in Inghilterra, proprio come in Israele. Qualcosa di simile accade in Germania. Tutta la programmazione del canale congiunto per bambini delle due reti pubbliche, ARD e ZDF, è stata riorganizzata per offrire dalla metà del mese scorso un mix di offerte con programmi di notizie e formazione sotto il titolo @gemeinsamzuhause (insieme a casa). Per i giocatori più anziani in assenza della Bundesliga, l'ARD ora offre vecchi classici del calcio tedesco. E Super RTL ha scelto di offrire solo film ottimisti con lo slogan "film di buon umore invece di crimini" per cercare di migliorare l'umore dei tedeschi.

In Cina, il Paese di origine di Covid-19, ci sono state interruzioni simili. Uno dei programmi più iconici sulla prima rete del Paese, la CCTV, è il gala lunare di Capodanno, che nel 2019 ha attirato 1.173 milioni di spettatori. Nell'edizione pubblicata il 24 gennaio, i collegamenti con alcune province dovevano essere ritardati a causa della pandemia. La catena ha scelto di riempire la sua griglia durante i mesi di febbraio e marzo con contenuti già trasmessi. "Continuiamo a produrre, ma non possiamo modificare o registrare", spiega un lavoratore nella sezione cultura da casa sua, dove lavora da due mesi.
Tuttavia, la normalità o qualcosa del genere è inevitabile. In Cina coesistono oltre 3.000 canali: la stragrande maggioranza è di proprietà pubblica e gestita da ciascun livello dell'amministrazione territoriale. Questo è il motivo per cui, poiché le restrizioni alla mobilità hanno cominciato a rilassarsi all'inizio di febbraio, i suoi lavoratori avevano permessi speciali per andare negli studi e quindi, nonostante abbiano piccoli team, mantengono il programma in esecuzione.

(articolo redatto grazie alle informazioni raccolte da Marc Bassets, Enrique Müller, Joana Oliveira, Lorena Pacho, Jaime Santirso, Juan Carlos Sanz e Rafa de Miguel – pubblicato sul quotidiano El Pais del 12/04/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori