testata ADUC
Come il mondo moderno è stato plasmato dalle epidemie 500 anni fa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
21 settembre 2020 7:56
 
La pandemia di coronavirus è stata confrontata con molti contagi precedenti, tra cui la grande peste e la pandemia di influenza spagnola del 1918. Tuttavia, c'è stata poca considerazione dell'episodio storico probabilmente più significativo della malattia. Il mondo moderno come lo conosciamo non sarebbe esistito senza le epidemie che hanno travolto le Americhe nel XVI e XVII secolo. Queste epidemie hanno creato il mondo moderno.

Sulla scia dei viaggi di esplorazione di Cristoforo Colombo, gli europei arrivarono nelle Americhe in numero sempre maggiore. Portarono con sé una serie di virus, come il vaiolo, l'influenza, il morbillo, la parotite e la varicella, a cui i nativi americani non avevano una precedente esposizione e nessuna immunità. Gli storici chiamano le epidemie risultanti "epidemie del suolo vergine".

Il coronavirus ha dimostrato l'impatto che una malattia epidemica può avere su una popolazione vulnerabile. Allo stesso modo, queste epidemie di suolo vergine hanno rapidamente colpito le comunità dei nativi americani. Le società furono sopraffatte. Tutti si ammalavano subito: non c'era nessuno che si prendesse cura dei malati e nessuno che piantasse o mietesse.

L'impatto delle epidemie è stato ampio. Ad un certo livello, hanno rimosso le persone che avrebbero potuto resistere all'espansione europea. Gli studi ora suggeriscono che la popolazione delle Americhe poteva raggiungere i 100 milioni prima del contatto con gli europei. In molte regioni, entro un secolo dall'esposizione a queste malattie, il 95% della popolazione morì.

Per saperne di più: la colonizzazione europea delle Americhe ha ucciso il 10% della popolazione mondiale e ha causato il raffreddamento globale

Conosciamo bene gli imperi azteco e inca, ma società simili, se non così complesse, esistevano altrove. Quando Hernando de Soto esplorò quelli che oggi sono gli Stati Uniti sudorientali negli anni 1540, trovò la popolazione locale che viveva in grandi città, che potevano formare eserciti con migliaia di uomini. Quando gli esploratori inglesi entrarono nella regione alla fine del secolo successivo, trovarono solo poche tribù sparse.

Per molti anni, gli storici hanno messo in dubbio la validità dei resoconti della spedizione di de Soto. Tuttavia, l'archeologia ha ora verificato molte delle descrizioni che i suoi uomini hanno riportato. Queste società furono sradicate dalle epidemie del suolo vergine, anche se il loro contatto diretto con gli europei era limitato.

Queste epidemie non solo uccisero le persone, ma distrussero la cultura e il morale. La maggior parte delle società dei nativi americani non erano alfabetizzate - non avevano una lingua scritta. Di conseguenza, quando gli anziani morirono contemporaneamente, anche gran parte della cultura e della conoscenza della comunità scomparve. Questa perdita alimentò un ciclo di disperazione e demoralizzazione, che minò la resistenza dei nativi americani e fornì una giustificazione per l'espansione europea.

Destino manifesto
Alcuni osservatori nell'Asia orientale hanno visto il fallimento dei governi occidentali nel controllare il coronavirus come una prova della debolezza e fragilità della democrazia occidentale. Allo stesso modo, nel XVI secolo, gli europei videro le epidemie del suolo vergine come prova della loro superiorità morale e biologica. Erano la prova che Dio voleva che gli europei prendessero il controllo delle Americhe.

Quando i pellegrini arrivarono nel New England nel 1620, trovarono la popolazione locale già decimata dalla malattia. Lungo la costa c'erano villaggi abbandonati che fornivano siti di insediamento perfetti. Era come se Dio avesse benedetto la missione dei pellegrini.

Le stesse epidemie hanno contribuito a razionalizzare il colonialismo - dopotutto è stata la volontà di Dio. Hanno permesso agli euro-americani di appropriarsi delle terre native levando loro ogni colpa e facendo vedere il loro imperialismo come un "destino manifesto" divinamente preordinato.

Non sappiamo ancora quanto saranno estesi gli effetti sociali ed economici a lungo termine del coronavirus, ma queste epidemie di suolo vergine hanno avuto conseguenze inaspettate. Molti dei primi avventurieri europei prevedevano che i nativi americani avrebbero fornito il lavoro per i loro campi. Quando iniziarono a produrre colture di base redditizie come zucchero, caffè e tabacco, la domanda di lavoro divenne intensa. Senza una popolazione locale da sfruttare, gli europei si sono rivolti all'Africa per fornire loro quella forza lavoro.

Tratta degli schiavi nell'Atlantico
La tratta degli schiavi esisteva da molto tempo in varie forme, ma la sua portata nel XVII e XVIII secolo, i metodi utilizzati e le giustificazioni fornite erano senza precedenti. La proprietà assoluta delle persone - la schiavitù dei beni mobili - giustificata da concetti di superiorità razziale era, per molti aspetti, il risultato di queste epidemie di suolo vergine.

Mentre la "storia alternativa" può essere difficile e pericolosa, è evidente che se queste epidemie di suolo vergine non avessero colpito le Americhe, il mondo moderno si sarebbe sviluppato in modo molto diverso. Le nazioni americane, non ultimi gli Stati Uniti, non sarebbero esistite nella loro forma attuale.
Il razzismo chiaramente definito e il senso di superiorità europea emersi nel XVIII secolo e che da allora hanno afflitto il mondo, non si sarebbero sviluppati allo stesso modo. Potremmo anche considerare se, senza i profitti della ricchezza naturale delle Americhe, l'Europa non sarebbe diventata così predominante nel mondo.

Senza epidemie di suolo vergine, il mondo sarebbe stato molto diverso. Resta da vedere fino a che punto il coronavirus trasformerà anche il mondo.

(articolo di Matthew Ward - Senior Lecturer in History, University of Dundee - pubblicato su The Conversation del 18/09/2020)
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori