testata ADUC
Coronavirus: abbiamo già perso l'occasione per costruire un mondo migliore?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
14 agosto 2020 12:14
 
A molte persone piace dire che il coronavirus ci sta insegnando una lezione, come se la pandemia fosse una sorta di gioco morale che dovrebbe portare a un cambiamento nel nostro comportamento. Ci mostra che possiamo fare grandi cambiamenti rapidamente se lo vogliamo. Che possiamo ricostruire meglio. Questa disuguaglianza sociale si rivela nettamente nei momenti di crisi. Che esiste un "albero magico dei soldi". L'idea che la crisi porti al cambiamento era comune anche durante la crisi finanziaria di oltre un decennio fa, ma ciò non ha prodotto trasformazioni durature.

Quindi la vita post-COVID sarà diversa?
All'inizio del blocco, nel mezzo dell'ansia e della confusione, ho iniziato a notare che mi stavo divertendo. Cucinavo e facevo più giardinaggio; l'aria era più pulita, la mia città più tranquilla e passavo più tempo con il mio compagno. Molte persone hanno iniziato a scrivere dell'idea che dovrebbe esserci #NoGoingBack. Sembrava che avessimo preso un profondo respiro collettivo e poi abbiamo iniziato a pensare al coronavirus come uno stimolo per incoraggiarci a pensare a come affrontare altri grandi problemi: clima, disuguaglianza, razzismo e così via.

Essendo un accademico, ho deciso di mettere insieme un libro veloce e senza mezzi termini su come potrebbe essere la vita dopo la crisi. Ho convinto vari attivisti e accademici a scrivere brevi pezzi sul lavoro a casa, sul denaro, sulla leadership e su molti altri argomenti. L'idea era di mostrare che il mondo potrebbe cambiare se lo volessimo. Il libro è uscito adesso, ma sembra già, solo quattro mesi dopo averlo immaginato, come il documento di un tempo perduto. I rumori della città sono tornati e le scie dei jet iniziano a segnare il cielo. Il momento è andato perso?

La seconda lezione del coronavirus, come sembra, è quanto siano testarde le vecchie strutture. Volere che il mondo sia diverso non si traduce nel renderlo tale. Gli slogan non producono cambiamenti quando il potere, le abitudini e le infrastrutture rimangono sostanzialmente le stesse.

Quindi cosa possiamo imparare ora sulla crisi e sul cambiamento duraturo?
Pensa alle vacanze in Spagna e Portogallo. Spiagge soleggiate, bevande fredde e cibo economico. Per molte persone, tornare alla normalità significa tornare a quello che avevano prima, e non vogliono sentire alcun guastafeste, che si tratti di un capo di stato o di un portavoce di Extinction Rebellion, che dice loro che non possono averlo. Ad aggravare il problema, ci sono migliaia di posti di lavoro in gioco nelle varie industrie che portano le persone in vacanza: produzione e manutenzione di aerei, lavoro in aeroporti e hotel, vendita di duty free, carburante per aviazione e pranzi speciali per turisti.

Il mondo in cui viviamo ora ha una sorta di viscosità, sia in termini di aspettative delle persone che dell'infrastruttura che già esiste e che rafforza quelle aspettative. Il mondo pre-COVID è stato scolpito da flussi di denaro e commercio, autostrade e container. Mentre gradualmente iniziamo a muoverci dal blocco, questi canali stanno già aspettando, pronti per essere riempiti di persone e cose.

Nelle scienze sociali, le persone spesso si riferiscono alla "dipendenza dal percorso", l'idea che la nostra storia limiti le nostre scelte attuali. Se abbiamo città che sono organizzate intorno a un gran numero di persone che si recano al centro, o case e appartamenti che non hanno spazi di lavoro, allora sarà difficile per un gran numero di persone lavorare a casa. Se devi parcheggiare l'auto in strada, caricarne una elettrica significa far passare un cavo sul marciapiede. Se i nostri fondi pensione si basano su compagnie petrolifere che realizzano enormi profitti, incoraggiare gli investimenti nelle tecnologie verdi sarà una battaglia in salita.

Non c'è da stupirsi quindi che sia più facile per la maggior parte delle persone presumere che il futuro sarà come il passato perché la forma del presente limita il modo in cui possiamo pensare alle cose a venire. Questo è ciò che mi preoccupa di più del mio libro. Penso che potrebbe spingere contro una porta che si sta già chiudendo. E le persone che lo spingono non sono stupide o malvagie, solo politici, aziende e persone comuni che vogliono tornare a ciò che avevano.

Se la prima lezione del coronavirus è che le cose possono cambiare e la seconda è che tornano facilmente indietro di nuovo, la lezione tre deve riguardare l'importanza di presentare immagini del futuro che motivino le persone a immaginare il cambiamento. È chiaro che non possiamo andare avanti come siamo e dobbiamo smettere di fare le cose che stavamo facendo, ma solo dire che è un modo davvero brutto per incoraggiare le persone a cambiare.

Invece, dobbiamo immaginare futuri che siano altrettanto entusiasmanti e soddisfacenti quanto quelli ad alta velocità, alto consumo e alto tenore di carbonio che dobbiamo lasciarci alle spalle. Dobbiamo dare alle persone buoni motivi per saltare i propri rigidi limiti perché è molto più facile tornare a ciò che sai. Quindi immaginiamo la città più tranquilla e con aria depurata, meno necessità di combattere gli ingorghi e più tempo da trascorrere con la famiglia e gli amici. Sembra un buon inizio per imparare dal COVID-19.

(articolo di Martin Parker - Professor of Organisation Studies, University of Bristol . Pubblicato su The Conversation del 13/08/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori