testata ADUC
Coronavirus in Africa. Perché la catastrofe annunciata non si è verificata?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 aprile 2020 19:18
 
Sin dal primo caso di coronavirus nel continente, il 14 febbraio in Egitto, gli esperti hanno previsto uno scenario spaventoso. L'Africa sarebbe stata rapidamente sommersa dalla pandemia di Covid-19, un cataclisma in un continente povero con un sistema sanitario in avaria. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) invita il continente quasi ogni giorno "a prepararsi al peggio". Due mesi dopo, lo tsunami non si è ancora verificato, mentre i Paesi europei e gli Stati Uniti sono gravemente colpiti.

L'Africa è il continente meno colpito dall'epidemia di coronavirus
Con 1.216 morti e 26.058 casi registrati al 22 aprile, l'Africa è il continente meno colpito dall'epidemia di coronavirus. L'Algeria è il Paese con il maggior numero di morti (402) davanti a Egitto, Marocco e Sudafrica. ... Allora perché l'Africa con i suoi 1,2 miliardi di abitanti sembra sfuggire all'epidemia?
Ovviamente, il basso numero di test e la mancanza di dati distorce parzialmente il bilancio, il numero di casi è indubbiamente ampiamente sottovalutato. Il direttore del Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie, John Nkengasong, ammette all'AFP che, per mancanza di test, le statistiche non sono perfette. Ma esclude l'idea che molti casi non siano rilevati. "Gli ospedali sarebbero stati invasi dai pazienti, il che non è il caso", conferma il medico. Altri fattori possono tuttavia fornire alcune spiegazioni.

Un passo avanti
L'epidemia si è diffusa in Africa poche settimane dopo l'Europa, consentendo ai suoi leader di adottare misure preventive con largo anticipo. "Anche prima del rilevamento dei primi casi di coronavirus sul suolo ruandese, abbiamo preso molto presto misure igieniche che sono state applicate in gran parte del territorio", conferma la dott.ssa Sabin Nsanzimana, direttore generale del Ruanda Biomedical Center, presso RFI. Sudafrica, Tunisia, Marocco e Algeria hanno imposto il contenimento e il coprifuoco prima che l'epidemia avesse il tempo di diffondersi.

Bassa densità di popolazione
Con 43 abitanti per chilometro quadrato, rispetto a 181 nell'Europa occidentale o 154 nel Sud-est asiatico, l'Africa rimane un continente scarsamente popolato nella maggior parte delle regioni. Gli abitanti sono generalmente concentrati nelle capitali, che sono state confinate molto presto. In Costa d'Avorio, tutta l’area metropolitana di Abidjan è stata ufficialmente isolata dal resto del Paese dal 30 marzo. Idem a Lagos, dove agli abitanti delle due megalopoli, Abuja e Lagos, è proibito lasciare la città. Questa bassa densità limita considerevolmente il contatto e quindi la trasmissione del virus.

Meno movimento di persone
A differenza della maggior parte dei Paesi occidentali, tante regioni africane rimangono molto isolate e vivono quasi autosufficienti. Il virus quindi circola molto poco nella popolazione. L'Africa è anche molto meno turistica dell'Europa o degli Stati Uniti. Dei 50 aeroporti più trafficati del mondo, solo uno è quello africano (quello di Johannesburg). L'Africa inoltre non ha una grande diaspora come la Cina o l'India, che devono far fronte al ritorno di molti studenti che rientrano dall'estero. Pochi grandi movimenti della popolazione sono stati osservati nell'Africa sub-sahariana.

Una piramide di età molto più giovane
Circa il 60% della popolazione africana ha meno di 25 anni. Tuttavia, il coronavirus colpisce più in particolare gli anziani: in Francia, il 75% delle persone che sono morte di Covid-19 ha più di 75 anni. L'Italia settentrionale, la regione più colpita al mondo, è anche caratterizzata da una popolazione molto anziana. "In Africa, non ci sono più vecchi da uccidere nel continente" riassume sarcasticamente lo scrittore ivoriano Gauz, in un articolo sul sito web della rivista Jeune Afrique. L'Africa ha anche un tasso di obesità molto basso, che è un importante fattore di rischio per la mortalità da Covid-19.


Immunità preesistente?
Uno studio preliminare del Servizio sanitario nazionale e del King's College mostra una correlazione negativa tra i Paesi colpiti dalla malaria e quelli colpiti da Covid-19, che spiega un possibile effetto protettivo dei trattamenti profilattici per la malaria come clorochina. Tuttavia, il 93% dei casi di malaria sono registrati in Africa, secondo l'OMS. Secondo un altro studio , è la vaccinazione sistemica contro il BCG dispiegata in Africa che potrebbe spiegare l'immunizzazione della popolazione. Al contrario, Paesi senza una politica di vaccinazione universale BCG come l'Italia e gli Stati Uniti sono i più colpiti da Covid-19, notano gli autori. Correlazioni che tuttavia non forniscono alcuna prova di causa ed effetto.

Carestia, locuste, economia in collasso: queste le altre minacce molto più concrete
Nonostante questi vantaggi, l'Africa rischia di pagare il prezzo dell'epidemia di Covid-19. A seguito di chiusure delle frontiere, misure di contenimento e aumento dei prezzi dei generi alimentari, "il numero di persone a rischio di fame in Africa occidentale potrebbe quasi triplicare in tre mesi", ha messo in guardia l'ONG Oxfam 21 aprile. Un'invasione di locuste sta anche causando il caos in Africa orientale. In Etiopia sono stati consumati 200.000 ettari di terreni agricoli e un milione di persone ha ora bisogno di aiuti alimentari di emergenza. La pandemia di coronavirus ha anche posto fine alla maggior parte delle campagne di vaccinazione contro poliomielite, morbillo e difterite. In Africa, il coronavirus è lungi dall'essere la priorità degli abitanti.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Santé del 23/04/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori