testata ADUC
Coronavirus: cosa succederà se non possiamo produrre un vaccino?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
14 agosto 2020 11:56
 
Ci sono oltre 175 vaccini COVID-19 in fase di sviluppo. Quasi tutte le strategie governative per affrontare la pandemia di coronavirus si basano sull'idea che uno di questi candidati vaccini alla fine fornirà una protezione diffusa contro il virus e consentirà a tutti noi di tornare alle nostre vite normali.

Ma non vi è alcuna garanzia che ciò accadrà. Anche nei casi più promettenti, non possiamo ancora essere sicuri che qualsiasi vaccino impedirà permanentemente alle persone di contrarre il COVID-19 e consentirà la graduale eradicazione della malattia o almeno il contenimento di focolai limitati. I vaccini possono solo ridurre la gravità dei sintomi o fornire una protezione temporanea.

Quindi cosa succederà se questo sarà il caso?
Alcune persone hanno sostenuto che quando una quantità sufficiente della popolazione avrà preso il COVID-19 e prodotto una risposta immunitaria ad esso, avremo raggiunto l'"immunità di gregge" e il virus non sarà più in grado di diffondersi. Ma questo è un malinteso su cosa significhi l'immunità della mandria e come si diffondano i virus e quindi non è un obiettivo realistico per il controllo di COVID-19.

L'immunità della mandria è ciò che ci consente di eliminare le malattie utilizzando i vaccini. La percentuale di una popolazione che deve essere vaccinata per raggiungere l'immunità di gregge viene calcolata utilizzando il tasso di riproduzione di base (R0).
Questo è il numero medio di persone a cui ogni persona che contrae la malattia la trasmetterebbe naturalmente senza alcun intervento medico o di salute pubblica, tenendo conto di quanto sia contagiosa la malattia e di come si diffonde.
Più alto è il numero R0, più persone devono diventare immuni attraverso la vaccinazione per fermare la diffusione. È inoltre necessario tenere conto del fatto che alcune persone non possono avere il vaccino per motivi medici e alcune lo rifiuteranno.
Numerose malattie sono state eliminate in molti paesi grazie all'immunità di gregge prodotta dai programmi di vaccinazione. Ma l'immunità della mandria non è qualcosa che può essere ottenuta con l'infezione naturale.

Prendiamo l'esempio del morbillo, che è causato da un virus presente negli esseri umani da secoli. È altamente contagioso: il valore R0 è 15. Ciò significa che in media un bambino con il morbillo può infettarne altri 15. Di conseguenza, circa il 95% delle persone deve essere resistente alla malattia affinché una popolazione possa ottenere l'immunità di gregge.

La maggior parte delle persone che guariscono da un'infezione da morbillo produce una buona risposta immunitaria che le protegge per il resto della vita. Eppure, prima della vaccinazione, il morbillo era una malattia infantile molto comune. Ogni nuova generazione di bambini era suscettibile e non abbastanza persone diventavano naturalmente resistenti per produrre l'immunità di gregge.
Negli anni '30, in una località degli Stati Uniti, si registrò un temporaneo effetto immunitario della mandria. Ma questa è stata un'eccezione, e così la maggior parte dei paesi ha lanciato programmi di vaccinazione universale contro il morbillo che hanno permesso loro di avvicinarsi all'eliminazione della malattia.

Gli scienziati ritengono che il valore R0 per SARS-CoV-2 sia compreso tra 4 e 6, che è simile a quello del virus della rosolia. Il livello di vaccinazione necessario per produrre l'immunità della mandria ed eliminare la rosolia è dell'85%.

Immunità naturale per il coronavirus
Sappiamo che altri coronavirus (inclusi Sars, Mers e alcuni virus del raffreddore) non producono una risposta immunitaria duratura come fa il morbillo. E gli studi sul COVID-19 mostrano che, anche nei punti caldi in cui si sono verificati un gran numero di casi e decessi negli ultimi mesi, meno del 10% della popolazione mostra evidenza di una risposta immunitaria dall'infezione.
Ciò suggerisce che i tassi naturali di resistenza sono molto lontani dall'85% che potrebbe essere necessario per l'immunità della mandria. E questo significa che, senza un vaccino, il virus potrebbe diventare endemico, permanentemente presente nella popolazione come i coronavirus che provocano il raffreddore.

La ricerca mostra che alcune persone possono contrarre lo stesso ceppo di un comune coronavirus del raffreddore più di una volta in un solo anno. E la maggior parte dei paesi ha visto focolai di COVID-19 anche quando pensavano di avere l'infezione più o meno sotto controllo.

Quindi è possibile che il modello in corso per COVID-19 sarà di più sacche di infezioni locali, con ancora più casi probabili durante i mesi invernali. Tuttavia, a meno che i primi casi non vengano individuati e isolati rapidamente, queste sacche probabilmente si estenderanno su aree geografiche piuttosto ampie.

Questo è il motivo per cui è fondamentale continuare a utilizzare misure di salute pubblica come l'allontanamento sociale, indossare maschere e lavarsi le mani per ridurre il virus a livelli così bassi che eventuali nuovi focolai possono essere facilmente contenuti.
Idealmente, se ciò avesse successo, il virus potrebbe eventualmente estinguersi perché non potrebbe più diffondersi, come è successo con il virus SARS-CoV dietro l'epidemia di Sars del 2002-2004. Ma COVID-19 è più contagioso e meno mortale e quindi è molto più difficile da controllare rispetto al Sars, quindi eliminarlo in questo modo potrebbe non essere possibile.

Dato che finora almeno 700.000 persone sono morte a causa di COVID-19 in tutto il mondo e molte persone stanno contraendo una malattia a lungo termine a causa della malattia, se il virus diventa endemico dovremmo comunque cercare di prevenire il maggior numero di infezioni possibile. Un vaccino potrebbe fornire un modo per porre fine alla pandemia, ma senza alcuna prospettiva di immunità naturale del gregge potremmo benissimo affrontare la minaccia del COVID-19 per molto tempo a venire.

(articolo di Sarah Pitt - Principal Lecturer, Microbiology and Biomedical Science Practice, Fellow of the Institute of Biomedical Science, University of Brighton . Pubblicato si The Conversation del 13/08/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori