testata ADUC
Coronavirus. La crisi sanitaria provocherà una pandemia di fame?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
26 maggio 2020 16:57
 
 "Siamo all'alba di una pandemia di fame", ha dichiarato David Beasley, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, il 26 aprile. Mentre la pandemia di coronavirus sembra segnare il tempo nella maggior parte dei Paesi del mondo, la carestia è l'altra bomba che sta per esplodere.
Il 20 aprile, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) ha dato una valutazione già preoccupante per il 2019, con oltre 135 milioni di persone che affrontano insicurezza alimentare "grave e acuta" , più della metà delle quali vive in Africa. Un dato che dovrebbe raddoppiare entro la fine del 2020 a causa della crisi del coronavirus.

Una perdita permanente di capacità produttiva
Nelle zone rurali, i contadini hanno pochissimi mezzi per assorbire lo shock della recessione causata dalla chiusura dell'economia. "Se le persone vulnerabili si ammalano o sono limitate nei loro movimenti o attività, non saranno in grado di andare nella loro terra per lavorare, prendersi cura dei loro animali, andare a pescare o accedere ai mercati per vendere i loro prodotti, acquistare cibo, semi e attrezzature, spiega Dominique Burgeon, direttore della Divisione Emergenza e Riabilitazione della FAO. Potrebbero essere costretti a vendere i loro animali o mangiare tutti i loro semi invece di tenerne alcuni per poterli ripiantare in seguito. Una volta superato questo traguardo, è quindi molto difficile tornare di nuovo indipendente”.

L'ascesa del protezionismo
Ogni anno il commercio di riso, soia, mais e grano alimenta 2,8 miliardi di persone in tutto il mondo. Ma, di fronte all'insicurezza sanitaria ed economica, la tentazione protezionistica ritorna al galoppo. A marzo, il Kazakistan, l'ottavo produttore mondiale di grano, ha deciso di vietare le esportazioni, imitato dalla Russia e dal Vietnam, che ha sospeso le spedizioni di riso per diverse settimane. Misure che privano i Paesi dipendenti di alimenti essenziali per la loro sopravvivenza e aumentano i prezzi, aumentando così la loro difficoltà ad ottenere forniture. “Durante la crisi finanziaria del 2008-2011, i governi hanno decretato 85 restrizioni all'esportazione nel settore alimentare. Gli studi hanno dimostrato che queste decisioni hanno aumentato i prezzi mondiali di un ulteriore 13% in media e persino del 45% per il riso", osserva la Banca mondiale.

Enormi quantità di cibo gettate nella spazzatura
"Oggi non abbiamo nessun problema di produzione ma un problema di accesso al cibo", sintetizza Martin Cole, specialista agricolo dell'Università di Adelaide (Australia) sul sito web di New Scientist.
I raccolti mondiali di riso e grano sono paradossalmente ai massimi storici e gli Stati Uniti, il principale esportatore di carne, hanno visto i loro allevamenti di suini raggiungere un livello record. Solo che con la rottura delle catene di approvvigionamento e lo strangolamento del traffico stradale, questa sovrapproduzione viene semplicemente gettata nella spazzatura anziché consumata. Negli Stati Uniti, ogni giorno vengono gettate dalle 10.000 alle 14.000 tonnellate di latte. In Nigeria, la chiusura di negozi e ristoranti ha portato i produttori a distruggere migliaia di uova e in Europa le patate marciscono nei campi.
Tutto ciò è aggravato da disastri ciclici. L'Africa orientale sta affrontando un'invasione di locuste mai viste in 30 anni, mentre la regione ha già 20 milioni di persone in crisi alimentare. La Polonia e l'Europa centrale si stanno preparando per "una delle peggiori siccità in oltre 100 anni", riferisce Il Corriere dell'Europa centrale.
Confinamento, chiusura delle frontiere, costituzione di scorte di sicurezza ... Queste sono tutte misure adottate con urgenza dai governi e che rischiano di innescare un bilancio delle vittime persino più elevato del virus stesso.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Santé del 22/05/2020)

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori