testata ADUC
Criptovalute. Ho passato due mesi ad investire e questo è quello che mi hanno insegnato i futuri milionari
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
13 dicembre 2020 19:24
 
 Il critico Robert Hughes sostiene che, a parte la droga, l'arte è il mercato più vasto e meno regolamentato del mondo. Hughes non conosceva le criptovalute, che hanno già superato i 500.000 milioni di dollari e, di questi, circa 10.000 vanno a truffe e altre attività illegali, secondo “The 2020 Geography of Cryptocurrency Report”.
In questo nuovo mondo di capitali, in cui è ormai previsto un nuovo boom, l'unica regola è comprare basso, vendere alto ed evitare di essere derubati.

Sono una di quelle 7,5 milioni di persone ignare che in Spagna, secondo uno studio dell'Università IE, sono entrate nello spazio delle criptovalute. Una terra senza legge che regala tanti sogni quanti ne ruba. Nei due mesi in cui sono diventato un commerciante di criptovalute, le case con vista sull'oceano che ho comprato di notte sono evaporate ogni mattina. Avventurieri, visionari, perdenti, truffatori, newyorkesi ... Mi guardo intorno digitalmente e penso che sembriamo un insediamento di cercatori d'oro nel selvaggio West, infettati dalla febbre che ha spazzato via la maggior parte di loro. Crediamo di essere futuri milionari e alcuni lo saranno.

Questa è la mia esperienza, non è un consiglio finanziario. O come si dice nello spazio crittografico, DYOR: fai la tua ricerca, fai la tua ricerca.
Sono entrato a Cryptoland per la prima volta nell'autunno del 2017, quando tutto ciò che si poteva comprare su uno scambio come Coinbase era bitcoin, ethereum e litecoin. I media erano pieni di storie come quella del ragazzo americano che ha trasformato i 1.000 dollari che sua nonna gli aveva dato per il suo dodicesimo compleanno nel 2011, quando il bitcoin valeva meno di 12 dollari, in più di un milione nel dicembre 2017, momento in cui aveva superato i 19.000. Sebbene fossi in ritardo, nel giro di poche ore, i miei 700 euro sono raddoppiati di valore e sono riuscito a malapena a controllare la mia mano per premere il pulsante "vendi".
C'era chi si è arricchito, ma c'è stato chi ha imparato a proprie spese le due lezioni che ogni trader dovrebbe sapere: finché non hai venduto non hai guadagnato nulla, e questo è un affare a somma zero, cioè tutto quello che guadagni è stato perso da altri.
Oggi bitcoin è la nonna di tutti i token, ma continua a generare storie di successo. Quest'estate sono tornato a Coinbase per controllare i prezzi e scoprire - ancora in ritardo - che, con la dichiarazione della pandemia globale del 13 marzo, bitcoin e molte monete nuove per me avevano subito un crash che era già stato recuperato con facilità.
 Risparmiatori
“Bitcoin ha esplorato in questo successo mondiale quello che forse è il suo territorio [3.589 euro, alla fine di questo articolo, sono diventati più di 5.900 euro]”, spiega DaviX, fondatore della comunità degli investitori spagnoli della DaviX Signals. E assicura che continuerà a salire: "Supererà i 25mila euro a metà 2021, secondo analisi tecniche", ma anche fattori sociali. Le criptovalute hanno sempre più utilizzi nel mondo reale e non hanno esaurito il loro margine di crescita, senza andare oltre, tra coloro che ancora oggi le guardano con sospetto.
Ad esempio, in Venezuela, dove i soldi che ??nel 2009 servivano per comprare un modesto appartamento oggi non sono sufficienti per un chilo di carne, il bitcoin è un valore rifugio sicuro (il potere d'acquisto può essere calcolato tenendo conto delle diverse svalutazioni del bolivar, cisì come si evince dallo studio “El intento de vivienda para todos del Estado venezolano” e il prezzo del vitello in questa macelleria di Caracas).
Questo spiega perché è il terzo paese al mondo con il più alto investimento in criptovalute, dietro Ucraina e Russia, secondo The 2020 Geography.
Una ricerca su Google è sufficiente per vedere la marea di notizie che questo mercato genera quotidianamente. L'ultima: l'integrazione di bitcoin, ethereum e litecoin in Paypal.
Per ChokeTheHippo, imprenditore del settore chimico e medico e uno dei più importanti influencer nello spazio crypto, in futuro non ci saranno carte bancarie: tutti avranno un portafoglio digitale (dove vengono conservate le criptovalute). Un mondo senza banche, in cui le persone si offrono mutui e controllano i tassi. Oltre a diventare un milionario, questo è l'altro grande sogno della comunità crittografica: un'economia decentralizzata. Anarchia!
 Gli anarchici
Poiché non esiste un piano migliore di una buona rivoluzione durante una pandemia di venerdì sera, il 4 settembre sono entrato nel mondo sotterraneo della DeFi (la “decentralised finance”, le criptovalute di questa economia decentralizzata). Secondo Pedro Gómez, dell'Unità centrale per la criminalità informatica della Polizia nazionale, “ci sono tre tipi di criptovalute: quelle centralizzate, come bitcoin, quelle decentralizzate e le shitcoin [monete di merda]”.
Le shitcoin sono l'inevitabile compagno di viaggio nell'universo DeFi. Qui, a parte la propria esperienza nell'individuare le bandiere rosse di possibili truffe - che include saper leggere il codice sorgente delle monete - l'unica possibilità di controllo è la blockchain, che è come un grande registro pubblico. "Registra ogni transazione, è progettata in modo che non possa essere modificata e che tutti possano consultarla", definisce Andrew Fai, CEO di Blockchain Summit Asia, e manager delle comunità del progetto DeFi su Telegram, dove vengono spostate tutte le informazioni rilevanti dello spazio crittografico.
Ho creato un account su Binance, lì ho comprato 700 euro in ethereum e li ho trasferiti sul portafoglio digitale che avevo creato in Metamask (il più diffuso). Ero pronto ad andare in profondità nel fango di Uniswap per trovare il mio oro. Nata nel luglio di quest'anno, Uniswap è diventata la piattaforma di scambio DeFi di riferimento, in cui compaiono ogni giorno circa 20 token, la maggior parte dei quali con nessun altro utilizzo che la pura speculazione e con una vita che non supera un'ora.
Se si credeva che fossi uno dei primi ad adottare, l'universo crittografico era lì per dimostrarmi che ero di nuovo in ritardo. Il mio secondo giorno alla DeFi parlava solo di una cosa: Uniswap aveva appena regalato a tutti coloro che avevano utilizzato la sua piattaforma prima del 2 settembre l'equivalente di circa $ 1.000 in $ UNI, la sua nuova valuta. Un totale di 85 milioni di dollari.
 I degenerati
"Fratello, e ho ancora l'incoraggiamento di Trump!" Leggi le chat. Quei soldi piovuti dal cielo si sono aggiunti ai 1.200 dollari che l'ormai ex presidente aveva dato ai cittadini statunitensi durante la quarantena. I vincitori si sono dedicati a investire come “degenerati”, come si proclama chi entra in progetti ad alto rischio senza fare DYOR. Durante questa estate dispendiosa, Ethereum correva come whisky nelle taverne dei cercatori d'oro della California.
Un certo Nomi Chef ha creato $ SUSHI e poi se n'è andato con $ 18 milioni rovinando i suoi investitori. Una moneta chiamata $ HOTDOG è passata da $ 4.000 a un dollaro in cinque minuti, e una battuta sui social media ha portato a $ MEME, una delle criptovalute di maggior successo sulla scena. Il suo creatore, Jordan Lyall, riconosciuto nello spazio crittografico, ha lanciato Degenerator su Twitter, un presunto sito Web in cui è possibile creare shitcoin in pochi minuti. Il post ironico è diventato virale proprio tra chi lo ha preso sul serio e ha voluto lanciare il proprio token. Lyall e il suo team hanno quindi deciso di creare una moneta non così schifosa: $ MEME. Il primo a supportarlo ha ricevuto 250 meme gratuiti, per un valore di circa $ 600.000 al mese. E a cosa serve? Per ottenere NFT (gettoni non fungibili, monete non scambiabili) o le stesse carte collezionabili.

Gli artisti
I collezionabili avevano avuto successo nel 2018 grazie ai cryptokitties, gattini che, secondo la loro rarità, arrivavano a costare $ 250.000. "Ne ho tre e li butto via", confessa Lyall. Dopo la novità, gli NFT perdono il loro valore, ma ciò non accadrà con $ MEME. Perché? Immagina di avere una banconota da dieci euro dipinta da Banksy. Può valere migliaia di euro perché è unica. Se uno scandalo ha svalutato il lavoro del graffitaro, il biglietto costerebbe come se fosse stato dipinto da suo figlio: dieci euro.
È così che funziona la nuova generazione di NFT: carte collezionabili degli artisti più ricercati nel mondo delle criptovalute: RektmeRev, Jon Noorlander, Diego Rodríguez, Pak, Fewocious, Beeple o Sven Eberwein, il cui prezzo sarà, almeno, il loro valore nella valuta alla quale sono associati; e, oltre a questo, quello che il mercato è disposto a pagare per loro in negozi come Open Sea. "Ci sarà sempre il desiderio di possedere l'arte", dice Lyall. "E le NFT saranno accolte con favore dal grande pubblico".

Truffatori
$ MEME ha appena concluso un accordo con Token Fighter, un altro progetto NFT che ha la particolarità che i personaggi sui suoi adesivi possono combattere in uno Street Fighter online. Questo è uno dei pochi progetti che nascono quasi in silenzio e non chiedono soldi prima di iniziare. All'estremo opposto sarebbe Mortal Kombat Token Revived ($ MKTR). I responsabili hanno concluso un accordo sul copyright con la Warner Bros che li avrebbe resi tutti ricchi. Decine di persone hanno inviato denaro a un portafoglio privato per ottenere la moneta a un prezzo di prevendita molto vantaggioso. Il giorno successivo, la chat di $ MKTR su Telegram era scomparsa e coloro che avevano investito hanno contemplato come il loro ethereum si muovesse attraverso la blockchain, di transazione in transazione, fino a quando non sono scomparsi attraverso una piattaforma di scambio, non si sa in quale paese.
 Polizia
La comunità DeFi preferisce non coinvolgere le autorità. Al loro posto sono nati profili come la polizia DeFi, che rintracciano i truffatori nel mondo reale e li spingono a ripagare. Non si sa se sia esattamente così, dopo 20 giorni dispersi, Nomi Chef è ricomparso scusandosi su Twitter e ha restituito i 18 milioni di dollari. E se viene segnalato? "Il perseguimento di questi crimini è complicato dal loro carattere internazionale", ha spiegato Pedro Gómez. Nonostante sia piccola e autodidatta, la squadra della Polizia Nazionale specializzata in criptovalute ha sempre più risorse. “Siamo in grado di rintracciare il denaro, anche quando vengono messe in atto misure per nasconderlo. Aiuterebbe nella cattura di questi criminali se le piattaforme di scambio fossero soggetti obbligati, come le banche, e segnalassero strani movimenti”.
C'è chi, come Jodan Lyall, crede che lo spazio DeFi sarà capace di autoregolamentazione. Altri, come ChokeTheHippo, ritengono che non sarà possibile se non si attacca la radice del problema: "Occorrono misure più chiare in ambienti come Uniswap che controllano efficacemente il lancio di nuove valute". Per lui questa situazione non durerà a lungo: “Un anno circa. Il nuovo governo degli Stati Uniti ha nel proprio team alcune persone vicine al mondo crypto che ne promuoveranno l'incorporazione nel sistema bancario tradizionale e, con questo, imporranno misure regolamentari”.

Nel frattempo, tutti nello spazio DeFi sono sospettati di truffa. Influencer, incaricati di promuovere token che finiscono per essere una truffa. I revisori che valutano i progetti, per non aver evidenziato le lacune riscontrate e per averne successivamente approfittato per trarne profitto. "E anche le case di cambio", aggiunge Gómez, "per aver acquistato monete molto economiche prima di annunciare che le stanno incorporando nelle loro piattaforme, e ne beneficiano quando le notizie aumentano il loro prezzo".

I venditori di pale
Sono caduto in tutte le trappole: i miei 700 euro sono diventati 3.000 e poi 500, per finire a 50. Tra i cercatori d'oro è stato coniato un detto che si usa oggi nell'imprenditorialità: “Perché scavare una miniera se puoi vendere pale". Javier Palomino, Frederic Fernández, Pablo Ojanguren e Nacho García sono i venditori di pale.
I quattro partner, di Oviedo e A Coruña, hanno lanciato Dextools (e la sua moneta $ DEXT) quest'estate. È uno dei tre strumenti di misurazione più utilizzati nello spazio crittografico, da Singapore a Los Angeles. A giugno avevano 400 utenti al giorno, oggi superano i 100.000. "In un mondo pieno di truffe, cerchiamo di garantire che l'utente possa investire nel modo più sicuro", afferma Palomino, il suo CEO. Tra gli altri vantaggi, offrono un punteggio del progetto basato su criteri di qualità, come la liquidità garantita da un sistema di verifica DeFi.
Dextools ha appena lanciato la sua versione premium. Si prepara così all'imminente boom delle criptovalute, che dovrebbe superare quello del 2017. L'obiettivo, prima che tutto esploda: trovare il nuovo bitcoin. E sebbene non vi sia consenso su chi sarà il vincitore, gli investitori più audaci che ho incontrato in questi due mesi consigliano: “Buy $ LINK”. Anche se, ora che ci penso, forse stanno cercando di gonfiare il prezzo per vendere la loro quota.

(Idoia Sota su El Pais del 04/12/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori