testata ADUC
Diamanti Idb e Dpi: la stretta finale prima delle vertenze legali. Meglio ritirare i diamanti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Anna D'Antuono
2 luglio 2018 8:13
 
 Lo scorso venerdi 27 giugno ci è pervenuta da Idb la bozza del "Codice di autoregolamentazione degli operatori del mercato dei diamanti da investimento". Nei diversi articoli che lo compongono si parla di trasparenza, informativa al pubblico, formazione del personale.
Il resto, vale a dire i disastri provocati in tutta Italia assieme alle banche complici consapevoli, invece non esiste. Ora vorrebbero tirare in ballo il Ministero dello Sviluppo Economico, ma sappiamo che anche stavolta non se ne farà niente.

Intermarket Diamond Business (Idb) e Diamond Private Investment (Dpi) sono messe male, e parecchio. La situazione è tale da suggerire, ai clienti che non lo avessero ancora fatto, il ritiro dei diamanti come evidenziato un anno fa.

Quanto alle banche:
- Intesa Sanpaolo è stata la prima a capire che sarebbe stato opportuno togliersi dagli impicci e rimborsare tutti i clienti che reclamano.
- Banca Mps ha deciso altrettanto nel mese di aprile. Le operazioni di rimborso stanno procedendo molto a rilento perché Mps sta attrezzando un'agenzia in ciascuna area per il ritiro e la custodia dei diamanti, e soltanto dopo procederà coi rimborsi.
- Unicredit, anche se non lo esprime apertamente, sta rimborsando. Analogamente alla procedura prevista da Mps e Intesa Sanpaolo, il cliente deve prima conferire mandato di vendita dei diamanti alla Idb. Scaduto il termine per la vendita, Unicredit interviene in caso di mancata vendita. Ciò che ancora non apprezziamo di Unicredit è il mancato impegno contestuale. Occorre invece che, sin dal momento in cui il cliente conferisce mandato alla Idb, Unicredit si impegni per iscritto a risarcire o integrare la differenza rispetto al netto ricavo assunto.
- Banco Bpm è rimasta l'unica banca a non decidere di rimborsare tutti ed abbiamo pubblicato un nuovo testo di reclamo, stavolta più incisivo e che sta provocando le prime reazioni della banca, ma ancora non risolutive come dovrebbero invece essere.

Le quattro banche sanzionate dall'Agcm non sono le uniche ad aver stretto accordi commerciali con Idb e Dpi. Vi sono altri istituti come Unipol Banca, Cassa di Risparmio di Cento ed altre minori, incluse alcune Banche di Credito Cooperativo. Per tutte vale il medesimo ragionamento, ed il medesimo nuovo testo di reclamo, fatto per Banco Bpm

Ancora, vi sono i clienti che hanno comprato direttamente dalla Idb e dalla Dpi senza banche ma con intervento di agenti di vendita e procacciatori di affari.
A tal proposito, è da notare come la Diamond Private Investment S.p.A. abbia cambiato sede legale ed indirizzo pec, che ora sono rispettivamente sempre in Roma in Via Panama, 52, c.a.p. 00198 e diamondprivate@pec.it

Per non fare il gioco delle controparti, attenderemo ancora poco, dopodiché avvieremo immediatamente le vertenze legali per tutti gli interessati.
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori