testata ADUC
Diamanti Idb ed Unicredit: come ottenere il rimborso integrale della somma investita
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Anna D'Antuono
3 giugno 2018 11:07
 
  Nell'ultimo articolo riguardo la vicenda dei diamanti Idb e Dpi abbiamo evidenziato come all'incontro del giorno 8 maggio si sia finalmente messo nero su bianco ciò che da mesi era evidente a tutti: i "tavoli di conciliazione" non si terranno mai.

Cosa fare, adesso, da parte dei clienti Unicredit, "meno fortunati" rispetto a quelli di altre banche che hanno risarcito tutti?

Già nel mese di febbraio avevamo segnalato i primi nostri successi riguardo rimborsi integrali disposti dalla banca con una procedura che prevede il conferimento da parte del cliente a Idb del mandato a vendere i diamanti. Se la vendita non dovesse avvenire entro il termine previsto, a quel punto Unicredit rimborserebbe il cliente. Alleghiamo il modulo adottato dalle agenzie.(1)

I casi sono poi aumentati, rimanendo però sempre pochissimi rispetto al notevole numero di clienti coinvolti. In pratica, la direttiva proveniente dai piani alti era di rimborsare soltanto i clienti ritenuti importanti per l'istituto dal punto di vista commerciale.

Lo scorso 16 aprile abbiamo poi pubblicato una comunicazione interna di Unicredit dove si mette a disposizione un bonus dell'1% per clienti che mostrino "segni di disaffezione" verso l'istituto di credito, e pure "chiari segnali di ritenere la banca responsabile per problematiche legate a scarsa liquidità… come i diamanti".
Avevamo detto che il bonus è un contentino che non risolve un bel niente. Ad Unicredit se ne sono subito accorti, e nelle ultime settimane sono sensibilmente cambiate le risposte ai reclami riguardo i diamanti Idb. Se prima si negavano responsabilità di ogni genere, ora da Unicredit si invita a conferire mandato di vendita alla Idb e di "comunicare l'eventuale mancata esecuzione da parte di Idb al mandato a vendere entro il termine di validità dello stesso, al fine di ricercare le modalità per trovare una soluzione di reciproca soddisfazione".

In sostanza, ad Unicredit stanno iniziando ad estendere la pratica del rimborso a tutti i clienti ma non vogliono che si sappia troppo in giro, evitando anche di impegnarsi in maniera esplicita al rimborso.
Aduc esiste proprio per informare ed aiutare le persone a schivare simili giochetti e quindi, oltre a pubblicizzare a dovere l'iniziativa della banca, invitiamo i clienti a non fidarsi della "mezza promessa" e di pretendere invece un chiaro impegno al rimborso integrale. Se in agenzia dovessero rispondere di non saperne niente o di non poterlo fare, grazie ad Aduc avete a disposizione il modulo predisposto dalla stessa Unicredit.

Se nemmeno ciò dovesse bastare, occorrerà a quel punto mostrare "segni di disaffezione" e "chiari segnali di ritenere la banca responsabile per problematiche legate a scarsa liquidità…come i diamanti" ma non per ottenere un contentino dell'1%, bensì estinguendo tutti i rapporti in essere con Unicredit. Riguardo i diamanti, non resterà a quel punto che fare causa.

I clienti Unicredit interessati all'assistenza di Aduc possono contattarci mediante tutti i nostri canali di comunicazione

1 - qui il modulo adottato dalle agenzie:
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori