testata ADUC
Droghe. Guinea-Bissau e Mali nel cuore dei traffici
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 giugno 2021 17:51
 
  Non è un caso: la significativa ripresa del traffico di cocaina in Africa occidentale osservata dal 2019 è stata segnata da diversi sequestri record effettuati in Guinea Bissau da quella data.
Questo piccolo paese è infatti utilizzato da due decenni come porta d'ingresso per i trafficanti sudamericani.
"La Guinea-Bissau ha perso il controllo del proprio territorio", ha dichiarato nel 2007 l'ex direttore dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), Antonio Maria Costa.
Constatazione esagerata? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo guardare indietro di qualche anno.

Nel settembre 2006, un carico di quasi 700 chili di cocaina è stato sequestrato dalla polizia di Guinea-Bissau, convogliata dall'Interpol. La droga è stata trasportata su un veicolo dell'esercito. Allertati, i vertici militari hanno fatto recuperare la cocaina dai locali della polizia prima di metterla al sicuro in una cassaforte presso il ministero delle Finanze.
Successivamente, la droga è scomparsa e due colombiani arrestati sono stati rilasciati dai tribunali.
È stata questa impunità ad attirare molto presto i trafficanti di droga. E questa impunità ha ovviamente un prezzo.

La Commissione per la droga dell'Africa occidentale (WACD) afferma, in uno studio pubblicato nel 2014, che i trafficanti di droga colombiani nel 2005 hanno finanziato la campagna per la rielezione dell'ex presidente della Guinea-Bissau Joao Bernardo Vieira.
Quando nel 2012 i militari hanno compiuto un colpo di stato, è stato prima di tutto per mettere le mani sul traffico di cocaina. "Il traffico di droga è diventato la principale attività economica dell'élite militare del paese", continua il rapporto del WACD.
Nel 2010 il capo di stato maggiore dell'aeronautica, generale Ibraima Papa Camará, e il capo della marina, ammiraglio José Americo Bubo Na Tchuto, sono stati inseriti nell'elenco dei baroni della droga istituito dal Tesoro statunitense.
Bubo Na Tchuto è stato arrestato nel 2013 al largo di Capo Verde prima di essere estradato e processato negli Stati Uniti. Condannato con una mite condanna a quattro anni per aver accettato di collaborare, è tornato in Guinea-Bissau dove ora manterrebbe un profilo basso.
Eppure non è lui che sarebbe stato preso di mira da questa operazione guidata dall'esercito americano, ma il generale Antonio Indjai, l'autore del "golpe da cocaina" del 2012.
Tuttavia, è lo stesso Antonio Indjai che ha offerto il suo sostegno a Umaro Sissoco Embaló, l'attuale presidente eletto nel febbraio 2020, anch'egli ex generale di brigata.
Una foto scattata subito dopo la vittoria di Umaro Sissoco Embaló lo mostra circondato da un gruppo di soldati tra cui Antonio Indjai e Ibraima Papa Camará

Il sudafricano Mark Shaw, direttore di "Iniziativa globale contro la criminalità organizzata transnazionale" e autore di un recente rapporto sulla Guinea-Bissau, sottolinea così "il parallelo tra il golpe del 2012 e la presa del potere nel 2020 da parte di un candidato che aveva chiaramente il sostegno dell'esercito”.
Due nuovi casi sembrano dimostrare che la Guinea-Bissau, dopo un calo dei sequestri tra il 2014 e il 2018, è tornata al lavoro.
Nel marzo 2019 sono stati sequestrati quasi 800 chili di cocaina a Safim, a una quindicina di chilometri da Bissau sulla strada per il Senegal. La droga era nascosta in un camion senegalese che doveva andare in Mauritania e poi in Mali.
Questo caso è interessante perché coinvolge una figura vicina ai gruppi jihadisti: il trafficante maliano Mohamed Ben Ahmed Mari, alias Mohamed Rouggy, che ritroveremo più avanti.
Infine, sempre nel 2019, a settembre, è stato effettuato il più grande sequestro della storia del Paese: 1,8 tonnellate di cocaina nascoste in sacchi di riso. La droga viene scoperta nel magazzino di un uomo d'affari, Braima Seidi Bá, presentato come parente del generale Antonio Indjai.
Il verdetto emesso in primo grado nel marzo 2020 aveva condannato lui e il suo complice messicano a 16 anni di carcere. Ma sette mesi dopo, la Corte d'Appello ha dimezzato le condanne.

Nel bel mezzo della pandemia di Covid-19, le informazioni erano passate inosservate, ma ora c'è il rischio reale che la Guinea-Bissau si riconnetta con i suoi vecchi demoni.
Interpellata sull'atteggiamento della nuova potenza in Guinea-Bissau, l'UNODC si rifiuta per il momento di pronunciarsi: "Voi mi chiedete di fare un'analisi politica, non la farò (...) 'prima di avere l'opportunità di trasferirmi in Guinea-Bissau", ha risposto Amado Philip de Andrés, il nuovo direttore regionale per l'Africa occidentale e centrale dell'UNODC.

Il Mali, in preda a una crisi politica con due colpi di stato militari in nove mesi, vede una parte del suo territorio sfuggire al controllo a causa dell'attività di gruppi jihadisti.

Naturalmente, i trafficanti di droga approfittano di questo vuoto.

Secondo il rapporto 2020 del Gruppo di esperti delle Nazioni Unite sul Mali, il "flusso più regolare di stupefacenti attraverso il Mali" rimane quello dell'hashish marocchino che attraversa la Mauritania e il Mali prendendo poi la strada per la Libia attraverso il Niger.
Ma il trasporto della cocaina che confluisce anche in Mali prende le stesse strade quando non si tratta degli stessi camion.
I valichi sono poi la causa di scontri tra gruppi armati che vogliono avere il controllo.
È il caso di Lerneb, vicino al confine con la Mauritania, o di Aguelhok, non lontano dal confine algerino, controllato da Ahmoudou Ag Asriw. Questo narcotrafficante inserito nella lista delle Nazioni Unite sta organizzando convogli con la CMA e MAA-Plateforme, due alleanze militari ribelli attive nel nord del Mali.

Infine troviamo un altro trafficante già citato: Mohamed Ben Ahmed Mahri che sarebbe coinvolto nel trasporto di dieci tonnellate di hashish sequestrate tra aprile e giugno 2018 in Mali.
"Mohamed Ben Ahmed Mahri utilizza i proventi del traffico di droga per sostenere gruppi terroristici armati, tra cui Al-Mourabitoune", aggiungono esperti dell'Onu.

Quest'ultimo punto è essenziale perché, anche se Al-Mourabitoune si è da allora diviso in due gruppi che hanno giurato fedeltà allo Stato Islamico da un lato e ad Al-Qaeda dall'altro, stabilisce un legame tra i gruppi jihadisti e il traffico di droga. Nel febbraio 2012, il Consiglio di sicurezza ha messo in guardia contro le minacce nella regione del Sahel dovute al "terrorismo che in alcuni casi ha legami sempre più stretti con (...) il traffico di droga".
Tuttavia, la Commissione antidroga dell'Africa occidentale ritiene che possa "risultare pericoloso esagerare la minaccia del narco-terrorismo".

Il WACD non contesta il coinvolgimento di gruppi come Aqmi, Al-Mourabitoune, Ansar Dine o Mujao nel traffico di droga. Ma ricorda che molti altri attori sono coinvolti come "membri della classe politica e degli ambienti economici nel nord del Mali (...) così come i leader dei cosiddetti gruppi armati laici".
Un modo per affermare che il traffico di droga in questa regione si basa soprattutto sulla corruzione e sulla complicità ai vertici dello Stato.
"La questione del legame tra gruppi jihadisti e traffico di droga è molto importante", aggiunge Amado Philip de Andrés dell'UNODC. “Stiamo iniziando a vedere un'intersezione tra la presenza dei gruppi jihadisti e quella delle reti criminali transnazionali nel Sahel. Ora bisogna vedere come i gruppi jihadisti si autofinanziano. Solo così si individua il collegamento con le reti del narcotraffico."

(Jean-Michel Bos su Deutsche-Welle del 18/06/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS