testata ADUC
Esiste la dipendenza dal cibo?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 dicembre 2018 20:15
 
 Quale cibo ti crea dipendenza? Il cioccolato, le patatine, i cracker?
Ne hai già pensato uno, giusto? Bene, la domanda è barare.
Perché la scienza non è chiara (e di gran lunga) sul fatto che ci possano essere cibi che danno assuefazione e che non esiste "dipendenza dal cibo".
È vero che nel nostro linguaggio colloquiale usiamo termini come "dipendenza", che nel campo scientifico hanno un significato più complesso. Ci aiuta a descrivere una situazione che nessuno interpreta alla lettera. Non c'è nessun problema maggiore.
Il conflitto appare quando viene seguita la direzione opposta, e la scienza usa il gergo per determinare che esiste una nuova patologia: la dipendenza dal cibo.
Sia chiaro: se esiste la dipendenza dal cibo, è un disturbo mentale che influirà sulla qualità della vita dei malati. Ciò causerà loro sofferenza e questo interferirà con le loro azioni quotidiani. Ragioni più che sufficienti per non parlare alla leggera.
C'è una dipendenza dal cibo?
Partiamo da un'idea di base: nessuno vuole subire una patologia.
Ma succede qualcosa di curioso: quando parliamo di certi modelli di comportamento che consideriamo negativi, li definiamo quasi istintivamente come dipendenza.
Dipendenza da sesso, social network, internet ... o cibo.
Anche alcune persone non si identificano solo, ma si definiscono come dipendenti da cellulare, zucchero o cioccolato. Ma di solito questo viene fatto da una prospettiva banale, come un modo per esprimere quanto ti piace qualcosa, senza fingere di comunicare un vero problema.
Perché quando la dipendenza è reale, di solito è accompagnata da stigma sociale e sentimenti di vergogna (come purtroppo accade con tutte le malattie mentali).
Se non c'è patologia, è esibita. Se c'è una malattia, è nascosta.
Non è un caso che ci sono associazioni come Alcolisti Anonimi, Giocatori Anonimi o Consumatori Compulsivi Anonimi: di solito non si dice di essere soggetti all'alcolismo o al gioco d'azzardo o di avere un vero problema con il cibo.
Ma mentre la dipendenza da sostanze come l'alcool, nicotina e altre droghe sono ben caratterizzati e possono essere diagnosticati, sull'esistenza di dipendenza da cibo, la comunità scientifica non ha ancora raggiunto il consenso.
Istintivamente, quasi senza fare domande, diremmo che alcuni alimenti scatenano comportamenti compulsivi nel mangiare e che questi sono molto simili ai comportamenti di dipendenza.
Qualcosa che, lungi dal nascondersi, è stato persino usato come pretesto pubblicitario. "Prova a mangiarne solo una" o "Perché non ne mangi una sola?" Sono le frasi che hanno accompagnato alcuni snack per più di 30 anni e che alludono chiaramente alla perdita di controllo.
Perché non parlare apertamente della dipendenza da cibo? Perché è controverso e ci sono disaccordi?
Parte della comunità scientifica ritiene che vi siano prove sufficienti per dire che non c'è dipendenza da cibo, e sono stati sviluppati anche gli strumenti per valutare questa dipendenza [Food Craving Questionnaire, Dutch Eating Behavior Questionnaire, Three Factor Eating Questionnaire, Power of Food Scale y, la più specifica, la Yale Food Addiction Scale (e il suo aggiornamento)].
Diversi motivi suggeriscono che, effettivamente, la dipendenza da cibo può essere una nuova patologia, dal momento che ha somiglianze con altre dipendenze:
- Cambiamenti biologici basati principalmente su modifiche del circuito di ricompensa cerebrale. I cibi particolarmente gradevoli al palato, come quelli ultraprocessati ??(alcuni composti come lo zucchero), sembrano svolgere un ruolo importante in questo fenomeno e uno studio ha impiegato un test che misura la produzione di astinenza da cibi ultraprocessati ??(anche se è un campo di ricerca prematura). Alterazioni nel circuito della ricompensa sono in fase di studio in persone con obesità perché sono più sensibili e hanno una maggiore prevalenza di dipendenza misurata con YFAS. È importante perché potremmo trovarci di fronte a un nuovo approccio al suo trattamento.
- Cambiamenti comportamentali: ricaduta o incapacità di smettere di mangiare.
- Cambiamenti psicologici: perdita di controllo, preoccupazione per il cibo.
Tuttavia, è meno chiaro che si tratta di una nuova malattia, perché molte di queste funzionalità sono presenti in alcuni disturbi tra i meno conosciuti come l'anoressia e la bulimia da comportamento alimentare, ma ben caratterizzati e inclusi nei manuali diagnostici più dipendenti: la ICD-11 dell'OMS e del DSM-5 dell'American Psychiatric Association.
E 'il caso della sindrome di Binge Eating Disorder, l'assunzione notturna di cibo o iperfagia in disturbi psicologici, che possono indicare come alcuni modelli alimentari anormali soddisfino alcuni criteri di dipendenza: episodi ricorrenti di abbuffate in grandi quantità, perdita di controllo, conseguente disagio, eccessiva assunzione in risposta allo stress ...
La scienza deve decidere, sulla base delle maggiori prove disponibili, se la dipendenza da cibo è davvero una nuova malattia che non rientra in nessuna di quelle già descritte.
Cosa ci dice la scienza
Il termine "dipendenza da cibo" compare la prima volta nella letteratura scientifica nel 1956, ma dal 2009 diverse pubblicazioni in materia sono cresciute in modo esponenziale.
Le più recenti revisioni sistematiche concordano sul fatto che non ci sia nessun accordo: il concetto di "dipendenza da cibo" non è ancora stabilito ed è prematuro considerare una nuova patologia, anche se esistono prove che alcuni alimenti, in particolare ultraprocessati ??hanno un maggiore potenziale di dipendenza.
Perché riceviamo notizie sensazionali sulla dipendenza da cibo?
Quello che la scienza necessita sono argomenti solidi ed espressi con cautela, che il pubblico diventeranno certezza categorica se si presentano come rapporti sensazionalistici, che menzionino studi scientifici per essere avvallati e vengono presentati dai seguenti risultati "scioccanti":
- topi alimentati a intermittenza con zucchero sviluppano cambiamenti neurologici e comportamentali simili a quelli che si verificano nella tossicodipendenza. La proprietà, ovviamente, è "lo zucchero, avvincente come la cocaina". Impatto assicurato.
- tecniche di neuroimaging, che permettano di vedere le modifiche "dal vivo" che si verificano nel sistema nervoso centrale, che scoprono come la droga ed il cibo producono risposte simili in aree del cervello legate ai circuiti della ricompensa.
Questo ci permette di concludere che il cibo scatena una dipendenza come fanno i farmaci? Niente affatto.
In primo luogo perché, come ci indica questa revisione sistematica, studi con gli animali sono solo il punto di partenza della ricerca scientifica, ed i risultati che si riferiscono ad alimenti specifici e allo sviluppo dei comportamenti di dipendenza, non sono stati replicati negli esseri umani.
E sulle immagini che mostrano l'attività delle aree cerebrali a differenti stimoli (droghe o alimenti), meta-analisi suggeriscono che alcune droghe agiscono sui recettori nel circuito premiale, gli stessi recettori che producono sensazioni piacevoli legati al cibo o il sesso, ma solo perché la droga e il cibo attivano le stesse aree cerebrali non significa che il cibo produca dipendenza; srebbe una risposta naturale a perpetuare un comportamento necessario per la sopravvivenza. Per parlare di dipendenza, deve verificarsi una reazione anormale, che non appare.
Infine, non si può ignorare un fatto importante diverso dal cibo e la sua assunzione: in dipendenze note, sostanza o comportamenti di dipendenza sono indispensabili e possono essere evitati, ma ciò non è possibile con il cibo. Il cibo è essenziale per sopravvivere.
Parte del trattamento della persona che soffre di alcolismo, dipendenza dal gioco o dipendenza da una sostanza farmacologica è quello di prevenire e controllare l'ambiente. Questo non può essere fatto con il cibo: la persona "addicted" (se il termine può essere applicato) dovrà continuare a interagire con il cibo per tutta la sua vita.

(articolo di Beatriz Robles Martinez, pubblicato sul quotidiano El Pais del 25/12/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori