testata ADUC
FRANCIA - Legalizzazione. Quei Sindaci di destra favorevoli
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
13 marzo 2021 11:32
 
Mentre sta per essere avviata la sperimentazione dell'uso della #cannabis terapeutica, alcuni eletti locali chiedono l'apertura del dibattito sulla legalizzazione. “Il traffico di cannabis, noi, eletti di piccole, grandi o medie città, lo affrontiamo ogni giorno! In Francia, il suo consumo è vietato. Ma osiamo dirlo, oggi è diventato imponente. [...] Legalizzare la cannabis è il modo migliore per distruggere il traffico e rovinare i trafficanti."
Questa posizione, che va contro la tolleranza zero sostenuta dal governo, è quella di tre sindaci LesRépublicains: Gil Avérous a Châteauroux (43.400 abitanti, Indre), Boris Ravignon a Charleville-Mézières (46.400 abitanti, Ardenne) e Arnaud Robinet a Reims (182.200 abitanti).
Non sono sicuro che questo trovi un'eco dalla parte del governo. "La droga fa schifo", ha detto più volte il ministro dell'Interno, Gerald Darmanin, sostenuto in particolare da 80 parlamentari di destra. Un modo per terminare le discussioni prima ancora che siano iniziate.
Il fallimento di una politica
Per gli eletti locali favorevoli all'evoluzione della normativa, soprannominati “canna-sindaci”, è giunta l'ora del pragmatismo. "Dobbiamo aprire gli occhi: la politica perseguita è un fallimento", deplora Gil #Avérous, prendendo come esempio la generalizzazione della sanzione pecuniaria fissa per uso di stupefacenti (AFD), ultimo provvedimento messo in atto a settembre.
“Nel mio territorio la polizia applica una media di venti AFD ogni mese ... Le cifre chiaramente non sono all'altezza del fenomeno! Il traffico viene effettuato in piena vista e in tutti i quartieri. A volte vedo anche trattative sulla piazza del municipio. Per quanto ci possa essere la paura di un blocco del traffico, nessuno ha paura di un controllo relativo alla droga."
Secondo Gil Avérous, la depenalizzazione della cannabis è soprattutto una questione di salute e sicurezza pubblica. “Vogliamo parlare di liberalizzazione del mercato”, più che di legalizzazione. Propongo di testare un sistema franco-francese, con agricoltori e commercianti autorizzati che beneficiano di una licenza rilasciata dallo Stato. È necessario poter monitorare la qualità del prodotto, dalla produzione alla commercializzazione. Queste risorse fiscali consentirebbero di investire nella prevenzione."
Andare oltre la repressione
Arnaud Robinet, a Reims, è pronto a condurre un esperimento locale "per misurare comparativamente, su un lungo periodo di tempo, l'impatto di questa misura sull'attività dei trafficanti". Il Sindaco vuole anche avviare una riflessione a livello territoriale, con associazioni e abitanti, come la consultazione svolta a Villeurbanne nel 2019: il 50% degli intervistati è favorevole alla legalizzazione e il 22% alla penalizzazione. I suggerimenti dei residenti sono stati oggetto di un libro bianco.
“Quando parliamo di liberalizzazione del mercato, la prima reazione è di essere contrari. Ma, con l'istruzione, la tendenza può essere rapidamente invertita, sottolinea Gil Avérous. L'importanza della qualità del prodotto, gli effetti deleteri generati dalla tratta ... dobbiamo spiegare tutto questo."
L'argomento rimarrà tabù ancora per molto tempo? Medici, ricercatori, attori della prevenzione ... molte voci si alzano per modificare la situazione. Nel suo “Libro bianco per la sicurezza territoriale” (2019), il Forum francese per la sicurezza urbana chiede di “andare oltre ogni repressione” e di svolgere una riflessione approfondita sulla politica di prevenzione e lotta alla droga.
Nell'Assemblea (Camera), una missione conoscitiva presieduta dal vice (ex LR) di Essonne Robin Reda ha affrontato la questione. Dopo aver dedicato parte del proprio lavoro alla cannabis terapeutica, la cui sperimentazione inizierà questo mese, la missione ha avviato le udienze sul suo utilizzo “ricreativo”. C’é stata anche una consultazione nazionale dei cittadini.
(Mathilde Elie su LaGazette.fr del 12/03/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori