testata ADUC
Guerra alla droga. Gli intrecci tra Polizia e narcos messicani
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 febbraio 2020 18:39
 
 Almeno uno degli uomini più vicini ail potente segretario della pubblica sicurezza durante il mandato di sei anni di Felipe Calderón, avrebbe lavorato come consigliere per l'attuale governo federale.
Il potere e l'impunità di cui Genaro García Luna godeva per essere l'uomo più vicino all'ex presidente Felipe Calderón, lo portarono non solo a proteggere il cartello di Sinaloa e Joaquín "El Chapo" Guzmán in cambio di milioni di dollari, ma a condurre accanto alla cerchia più vicina alla polizia, un "cartello" che trafficava droghe, con crimini di notevole rilievo.

Secondo la giornalista Anabel Hernández, Vicente Zambada Niebla, alias "El Vicentillo" (figlio di Ishmael "El Mayo" Zambada, considerato l'attuale leader del cartello Sinaloa), ha rivelato il modo in cui operava la polizia federale, che dipendeva dal Ministero della Pubblica Sicurezza, il cui capo era García Luna.
Come raccontato da "El Vicentillo" e che è stato citato nel libro "Il traditore", Genaro García Luna ha trasformato molti poliziotti federali in uomini armati al servizio di "El Mayo" e "El Chapo". Ma hanno anche iniziato a comprar da loro anche droghe, così divennero trafficanti e persino rapitori.
Le accuse hanno indicato la squadra più vicina qlla cosiddetta "Super Police": Luis Cárdenas Palomino, che era a capo della sicurezza regionale della polizia federale (PF); Facundo Rosas ex commissario del PF; Armando Espinosa de Benito, ex capo della divisione investigativa della polizia federale; così come Ramón Pequeno García, ex capo dell'intelligence della stessa agenzia.

Nel novembre 2018, quasi contemporaneamente al processo contro Joaquín Archivaldo Guzmán Loera “El Chapo” in un tribunale di New York, è stato condotto un altro processo giudiziario, ma nel tribunale del distretto nord di Chicago, Illinois.

Lì c’era il comandante della polizia federale, Iván Reyes Arzate, è stato arrestato dalle autorità degli Stati Uniti nell'aprile 2017, accusato di collaborare con il cartello Sinaloa e Beltrán Leyva; quando è apparso un testimone chiave: Sergio Villarreal Barragán alias "El Grande", tenente del cartello dei fratelli Letry di Beltrán.
Secondo Anabel Hernández, che aveva accesso alle dichiarazioni di "El Grande", il trafficante di droga ha rivelato che Genaro García Luna e il suo "compadre" Luis Cárdenas Palomino, hanno collaborato per il cartello Sinaloa e Beltrán Leyva quando entrambi erano nel segretariato della Sicurezza pubblica federale durante il mandato di sei anni di Felipe Calderón.
La giornalista descrive gli incontri tra Luis Cárdenas Palomino con Arturo Beltrán Leyva, Cárdenas Palomino era coordinatore della divisione di sicurezza regionale del SSP e García Luna era il segretario.
Cárdenas Palomino apparteneva alla cerchia più vicina di García Luna dal 2001, quando quest'ultimo fu nominata dal presidente Vicente Fox a capo dell'Agenzia investigativa federale. Terminato il periodo di sei anni di Felipe Calderón, Cárdenas Palomino andò a lavorare con l'uomo d'affari Ricardo Salinas Pliego, del Grupo Salinas.
Sergio Villarreal ha spiegato che al primo incontro, Arturo Beltrán Leyva chiese a Cárdenas Palomino informazioni sui frequenti sequestri che la DEA stava effettuando, in acque internazionali, di navi che trasportavano droghe dal Messico (navi equipaggiate da Ismael Zambada García, Joaquín Guzmán Loera , Ignacio Coronel Villarreal, del cartello Sinaloa, e i fratelli Arturo, Alfredo e Héctor Beltrán Leyva, tra gli altri).
Secondo Anabel Hernández, Cárdenas Palomino disse che avrebbe indagato attraverso un contatto che aveva avuto presso l'ambasciata messicana in Colombia per scoprire cosa stesse succedendo.
Genaro García Luna aveva inviato Francisco Javier Garza Palacios come addetto della polizia federale presso l'ambasciata messicana in Colombia. Era un altro dei suoi uomini più stretti dopo la Federal Investigation Agency (AFI), di cui García Luna ne era il direttore.
Già come segretario della pubblica sicurezza, Genaro lo nominò coordinatore della sicurezza regionale, ma dovette licenziarlo nel maggio 2007 poiché, dopo il massacro della polizia a Cananea, Sonora lo inviò in Colombia.
Durante la sua testimonianza, "El Grande" ha detto che c'era stato un secondo incontro tra Arturo Beltrán e Cárdenas Palomino e in cui era presente.
Lì, l'uomo considerato uno dei più vicini a García Luna, disse a Beltrán Leyva che c'era un informatore della DEA colombiana che lavorava con il cartello di Beltrán Leyva, e gli fornì il soprannome e persino una fotografia.

"El Grande" ha testimoniato che Beltrán Leyva era molto contrariato perché era stato ordinato di rapire, torturare e uccidere l'informatore della DEA.
Nel processo contro Iván Reyes Arzate, Sergio Villarreal Barragán ha affermato di conoscere anche Ramón Pequeno García, che faceva anche parte del più vicino team di García Luna dell'Agenzia investigativa federale durante l'amministrazione Vicente Fox, ma Anabel Hernandez non ha rivelato ulteriori informazioni al riguardo. Secondo alcune versioni giornalistiche, "El Grande" è stato rilasciato pochi giorni fa dopo essere stato un testimone in regime di protezione.

Ramón Pequeno è stato a capo della divisione di sicurezza regionale della polizia federale dal 2008 al 2009. Quindi, dal 2009 al 2013, è stato a capo della divisione anti-droga PF, e poi, dal 2013 al 2015, è stato capo della divisione di intelligence della PF. Tuttavia, dopo la fuga di Joaquín “El Chapo” Guzmán dal Cefereso 1, ad Almoloya, nello stato del Messico nel 2015, è stato licenziato.
Secondo l'ex commissario del PF, Javier Herrera Valles, come ha dichiarato ad Aristegui Noticias, Ramón Pequeno Garcia è consigliere di Alfonso Durazo, attuale segretario per la sicurezza e la protezione dei cittadini del governo del presidente Andrés Manuel López Obrador.
Dopo aver concluso il suo mandato come commissario della polizia federale, Facundo Rosas Rosas, un altro degli uomini più vicini a García Luna, divenne il segretario della pubblica sicurezza dell'ex governatore di Puebla, il defunto Rafael Moreno Valle.

Anche Maribel Cervantes Guerrero, attuale segretario della pubblica sicurezza dello Stato del Messico, era composto da membri della squadra più vicina a García Luna.

In seguito alla cattura di Genaro García Luna il 9 dicembre in Texas, negli Stati Uniti, venne fuori il nome di Omar García Harfuch, attuale capo della polizia di Città del Messico, che avrebbe lavorato nel ministero della pubblica sicurezza del cosiddetto "Super Police".
Lo scorso 16 dicembre, il capo del governo della capitale del paese, Claudia Sheinbaum, si è espressa in difesa di Harfuch assicurando che quando è entrata nel SSP, lo ha fatto come un "semplice poliziotto", quindi non è stata indagata dal governo federale.
"A quel tempo è entrato nella Polizia Federale come poliziotto, aveva 38 anni, se non sbaglio, e stiamo parlando di 12 anni fa. La più grande carica che riuscì ad ottenere fu quella di direttore di area, per poi ricoprire il ruolo di Segretario della Pubblica Sicurezza, e abbiamo fatto indagini molto importanti, abbiamo persino consultato il Segretario della Marina e il Ministero della Difesa, abbiamo sentito diversi opinioni, abbiamo verificato il suo curriculum e altri, e ora sta facendo un ottimo lavoro presso il Segretariato per la sicurezza dei cittadini” (sic), ha detto Sheinbaum.

Quando è comparso davanti a un tribunale federale in Texas, Genaro García Luna ha rinunciato al suo diritto a un'audizione, quindi è stato stabilito che verrà trasferito a New York nelle successive 48 ore.

Il governo degli Stati Uniti lo accusa formalmente di quattro crimini: tre per cospirazione per il contrabbando di droga negli Stati Uniti e uno per aver mentito sotto giuramento per le sue relazioni con il narco, per il quale è stato arrestato il 9 dicembre in Texas, negli Stati Uniti.
Durante il processo contro Joaquín "El Chapo" Guzmán, Jesús "El Rey" Zambada, fratello di Ismael "El Mayo" Zambada, ha dichiarato di aver consegnato due valigie con tre e cinque milioni di dollari a García Luna. Il pagamento era per assicurare che, appena arrivato alla sua posizione, come segretario nel governo del presidente Felipe Calderón, avrebbe nominato un capo della polizia di Culiacán, alleato del cartello di Sinaloa.
Inoltre, Jesús Zambada ha rivelato che García Luna avrebbe avuto almeno 50 milioni di dollari da altri gruppi di trafficanti di droga per garantire la loro sicurezza.

(articolo di Claudia Ramírez, pubblicato su Infobae del 23/02/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori