testata ADUC
Guerra alla droga in Messico. Un piccolo paese dello Stato di Sinaloa è la terra di 'El Chapo', Caro Quintero e 'el Mayo'
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
2 ottobre 2020 12:28
 
Badiraguato, pittoresca cittadina agricola di difficile accesso ai confini del “Triangolo d'Oro”, regione compresa tra gli stati di Chihuahua, Sinaloa e Durango, è stata la culla di alcuni tra i più noti trafficanti di droga: Joaquín "El Chapo" Guzmán Loera, 63 anni, e i suoi alleati del cartello di Sinaloa, Rafael Caro Quintero, Ismael "El Mayo" Zambada e Juan José Esparragoza, alias "El Azul", tutti e tre che cominciano il loro business negli anni Settanta.
La città, che si estende su ripidi pendii dove le condizioni possono essere molto precarie, conta poco più di 32.000 abitanti di cui ufficialmente il 75 per cento vive in povertà.
Tuttavia, questo non la esime dal manifestare alcuni segni di ricchezza come grandi case con cancelli, auto nuove e un parco ricreativo gratuito costruito sul bordo di un fiume.
Nel 2015, almeno la metà degli abitanti di Badiraguato coltivava marijuana, la stessa droga che Guzmán coltivava insieme a suo padre quando era un ragazzo povero della Sierra nella città di La Tuna, molto prima che diventasse così ricco e la rivista Forbes lo incluse nel suo elenco di miliardari.
Con alcune delle terre più ricche del Messico, Sinaloa è diventata la più grande produttrice di marijuana all'inizio del secolo scorso e, successivamente, di oppio ed eroina, dopo che gli emigranti cinesi hanno portato i semi attraverso il Pacifico.
Gli Stati Uniti hanno iniziato a chiamare l'area "Triangolo d'oro" nei loro rapporti ufficiali sul traffico di droga alla fine degli anni 70. Le autorità statunitensi indicano la regione all'area simile a quella con la più alta produzione di oppio, Birmania, Laos e Thailandia.
In passato, la maggior parte della produzione di eroina consumata negli Stati Uniti proveniva dalla Colombia, ma con il crollo dei cartelli colombiani a metà degli anni '90, quel mercato è stato gradualmente rilevato dai messicani, molti dei quali hanno localizzato i loro raccolti nella Sierra Madre Occidentale.

La coltivazione del papavero a Sinaloa una volta fu incoraggiata dagli Stati Uniti per fornire ai propri soldati analgesici come morfina durante la seconda guerra mondiale e la guerra del Vietnam.
La madre di "El Chapo" vive ancora nel ranch della famiglia Guzmán de La Tuna, a pochi chilometri da Badiraguato. Il presidente López Obrador è stato fotografato mentre salutava la madre del signore della droga durante un suo tour lo scorso marzo.
Dopo la cattura definitiva nel 2016 e la condanna nel 2019 di Joaquín Guzmán, Zambada García è rimasto il leader più visibile del cartello di Sinaloa, sebbene negli ultimi mesi i figli del "Chapo" contestino il comando dell'organizzazione criminale.
Caro Quintero (nella foto qui sotto), il “Narco de Narcos”, è stato uno dei fondatori del cosiddetto Cartello di Guadalajara, ora scomparso, e nel 1985 fu arrestato e accusato dell'omicidio dell'agente della DEA Enrique “Kiki” Camarena e del suo pilota.

Dopo aver trascorso 28 anni in prigione, accusato di vari crimini, è stato rilasciato nell'agosto 2013 e da allora non si sa dove si trovi. Nel 2015 è stato nuovamente condannato per l'omicidio dell'agente della DEA. Attualmente il governo messicano lo considera un latitante e gli Stati Uniti lo rivendicano per l'estradizione e hanno offerto una ricompensa fino a 20 milioni di dollari per la sua cattura.
Juan José Esparragoza "El Azul", ex spia messicana, è ricercato dalle autorità del Messico, dove viene offerta una ricompensa di 30 milioni di pesos (1,55 milioni di dollari / 1,43 milioni di euro), e dagli Stati Uniti, che danno una ricompensa di cinque milioni di dollari (4,6 milioni di euro) per informazioni con cui procedere alla sua cattura, alcuni dubitano che sia ancora vivo.

(articolo su Infobae del 02/10/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori