testata ADUC
Guerra alla droga in Messico. Il 'supporto' dell'intellettuale economista
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
16 febbraio 2020 18:57
 
 Sebbene molti lo neghino, comprese le autorità, dagli ultimi decenni del ventesimo secolo, Nuevo León è stato lo Stato preferito dai capi della mafia.
Molti di loro si sono stabiliti nel comune più progressista di tutto il paese, San Pedro Garza García, senza che nessuno si accorgesse della loro presenza dannosa.
Si mimetizzano, sembrano essere imprenditori onesti e con strategie studiate si stabiliscono insieme alle loro famiglie e quindi è più difficile individuarli.
Si è riscontrato che tra gli ospiti che hanno abitato il comune ci sono Juan García Ábrego, Eudelio López Falcón El Yeyo, Héctor Huerta, alias La Burra, Omar Treviño Morales, alias El Z42, per dire il più recente.
Anche nel 1999, il ben ricordato Marcelo Garza y ??Garza, quando era delegato della PGR a Nuevo León, affermò che era stato dimostrato che a Monterrey c'erano operatori finanziari del cartello.
Il tempo lo ha dimostrato, nella misura in cui quando era direttore dell'AEI è stato giustiziato il 6 settembre 2006, proprio per aver combattuto i boss della criminalità organizzata.
Ma né la morte di coraggiosi poliziotti né le strategie delle autorità per combattere i gangster hanno funzionato.
I capos con il potere dei loro soldi, le loro potenti armi e la loro dannata crudeltà sono riusciti a reclutare centinaia di persone per gonfiare i ranghi delle loro organizzazioni criminali.
Potresti pensare che coloro che accettano di "lavorare" con loro siano persone con specifici background, criminali o giovani ambiziosi a cui piacciono le droghe e i soldi facili.
Purtroppo anche persone cordiali, provenienti da buone famiglie, professionisti di successo e professori ammirevoli, sono stati catturati nel mondo del narco.

Questo è il caso dell'economista Eduardo Reséndez Muñoz, che nei decenni degli anni ottanta e novanta del secolo scorso si è distinto nel settore e nel governo per il suo talento con studi di un buon livello.
Reséndez Muñoz è nato il 13 ottobre 1949 a Tampico, Tamaulipas. Ha studiato a Monterrey, dove ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso la UANL Law School.
Ha fatto i suoi studi di master e dottorato in Specialità di finanze pubbliche della Facoltà di giurisprudenza ed economia all'Università di Parigi La Sorbona.
Grazie al suo talento e alla sua preparazione, è stato professore all'UANL e al Monterrey Institute of Technology and Higher Education (Itesm) e un eminente militante PRI (PArtito Rivoluzionario Istituzionale).
Ha servito come segretario di Provileón nel governo di Jorge Treviño Martínez. Era il direttore amministrativo della zecca e consigliere del sottosegretario agli Interni, Jesús Dávila Narro.
Ha lavorato a Imevisión, è stato un editorialista di un giornale locale a Monterrey. Nel 1989 ha pubblicato il libro: Politica e tasse: visione storica, con l'Editore Porrúa.
Si potrebbe ben dire che Eduardo Reséndez Muñoz non è stato solo un leader, ma una persona rispettata e ammirata.
Era sposato con la signora Bertha Adriana Hernández Cruz, vivevano in Corinth Street, nel quartiere Jardines de San Agustín. Hanno avuto un matrimonio felice.
Tuttavia, Reséndez Muñoz sembrava avere fame di soldi, per molti soldi non avrebbe mai ottenuto lavorando onestamente.
La sua ambizione potrebbe essere più importante della sua etica. Un potente capo che conosceva la sua carriera professionale gli fece una proposta: lavorare per il cartello Juarez.
Ma non come un sicario, bensì come un cervello finanziario. Non si macchiava le mani di sangue né trasportava droghe. Avrebbe usato le sue conoscenze per riciclare denaro.
Reséndez Muñoz non ha potuto non accettare l'offerta. Al primo appuntamento gli hanno dato così tanti soldi, che senza pensarci molto ha accettato. Avevano raggiunto il suo obiettivo.
Dopo aver appreso questioni finanziarie, ha presentato ai suoi nuovi partner il piano di lavoro per riciclare denaro senza che nessuno fosse in grado di individuarlo o sospettarlo.
Aveva anche concordato che il suo nome sarebbe rimasto anonimo. Ciò lo rassicurò. Nascondendo la verità a sua moglie, ha detto che avrebbe lavorato per alcuni uomini d'affari.
Oltre a un eccellente stipendio, gli avrebbero dato le quote delle società che dirigeva. Grazie alla sua conoscenza di questioni finanziarie, ha aperto diversi uffici di cambio a San Pedro e Monterrey.
I capi del cartello Juarez si sentirono contenti e soddisfatti. Le agenzie di scambio erano un perfetto affare per riciclare denaro.
Sebbene Reséndez Muñoz fosse sempre vissuto bene, ora gli avanzavano molti soldi. Per compiacere sua moglie comprò una casa più lussuosa e più grande, mobili, fuoristrada e auto di lusso. Più servitù. Autisti, giardinieri, camerieri, domestici e persino governanti per prendersi cura di tutte le esigenze della casa.
Sebbene il cambiamento fosse evidente, nessuno poteva sospettare che fosse coinvolto in affari loschi, perché conoscevano bene la qualità della persona che era.
Con la fretta di riciclare più denaro, Reséndez Muñoz acquistò l’azienda di carta Laksmi, nel comune di Santa Catarina.
Questa nuova attività li ha anche avvantaggiati, poiché hanno pagato dipendenti, tasse, servizi e business con l'acquisto e la vendita di vari tipi di carta.
Questa azienda era come uno scudo per Reséndez perché, come le case di cambio, era al di fuori della legge. Ciò lo ha accreditato come un prospero commerciante.
I guadagni economici sono stati enormi. La cosa più importante era che nel tempo ci voleva una certa capacità per essere il cervello finanziario del cartello Juarez, e nessuno lo sospettava.
Reséndez era tranquillo. Non ha mai avuto incontri o colloqui con i capi del cartello. I risultati e i progressi del "business" venivano fatti con chiamate criptate e dipendenti discreti.
Ma quando è diventato persona affidabile, ha ricevuto l'ordine in modo che i magazzini della società cartaria sarebbe stati utilizzati anche per conservare la droga.
(continua)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori