testata ADUC
L'hashish del Libano, da vendere...
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 giugno 2020 19:16
 
 Sull'orlo della bancarotta, il Paese dei cedri decide di legalizzare la coltivazione della cannabis per uso medico per dare impulso all'economia.
In realtà, il Libano non ha aspettato l'ascesa della cannabis terapeutica prima di coltivare questa pianta. La coltura risale all'Impero ottomano, ma si sviluppò principalmente durante la guerra civile (1975-1990). Stiamo parlando di oltre 20.000 ettari di piantagioni. Gran parte della produzione viene trasformata in resina - o hashish - ed esportata attraverso reti illegali che finanziano le parti in conflitto, comprese le milizie locali. Questa è l'età d'oro del biondo libanese e del rosso libanese. Dagli anni '90 in poi, le autorità hanno cercato di sradicare questo traffico, ma i campi erano situati nel nord-est, una regione montuosa al confine con la Siria che era sfuggita al controllo statale. L'esercito brucia alcune piantagioni sotto i lampi dei giornalisti. E le organizzazioni internazionali offrono colture alternative, come lo zafferano o il jojoba. Ma nulla aiuta, il Libano continua a coltivare cannabis. Secondo le Nazioni Unite, questo piccolo paese rimane il terzo produttore di resina di cannabis al mondo, dietro Afghanistan e Marocco. Da qui il cambio di strategia.

La traccia è un consenso ... anche all'interno degli Hezbollah. Se il potente partito sciita appoggiato dall'Iran avesse votato no per la legge - condonare apertamente le droghe ne avrebbe offuscato l'immagine - avrebbe permesso ai suoi alleati di votare sì. "Abbiamo riserve morali e sociali, ma dobbiamo rilanciare l'economia con ogni mezzo", ha dichiarato Alain Aoun, deputato della CPL, il partito del Presidente della Repubblica, alleato di Hezbollah, dopo il voto. In altre parole: la cannabis non è certamente meglio tollerata nella società, ma deve portare denaro.
La cannabis libanese, finora consumata solo come droga, contiene oltre il 15% della sostanza psicoattiva THC. Tecnicamente, potrebbe essere utilizzata per scopi medici, ma ciò implicherebbe un pesante investimento in ricerca e sviluppo. Un laboratorio affiliato all'Università americana di Beirut studia gli effetti della cannabis libanese sui malati di cancro dal 2018, ma ci vorranno anni per ottenere risultati commerciabili.
Per andare più veloce, il Parlamento ha pertanto legalizzato un altro tipo di pianta già nota ai laboratori internazionali e che contiene non più dell'1% di THC. Per applicare la legge, sarebbe quindi necessario sradicare le attuali piantagioni e importare nuovi semi. Un'ulteriore difficoltà è che lo stato libanese non ha fissato un prezzo per la nuova produzione, sollevando serie preoccupazioni tra i produttori. "Gli agricoltori non accetteranno di cambiare le piante... quella che coltiviamo da cento anni vende di più", ha dichiarato Talal Chreif, sindaco di Yammouné, un villaggio dove l'80% delle famiglie coltiva cannabis.
Rimane quindi la possibilità di esportare il prodotto grezzo. Ma come si far per avere un peso in un mercato ultra competitivo? La maggior parte dei paesi che hanno legalizzato la cannabis medica, come il Canada o gli Stati Uniti, la producono già da soli. Per Makhlouf, sarebbe stato più facile legalizzare la cannabis libanese: "Non possiamo fermarci a metà strada, lo stato ha bisogno di soldi. La resina libanese di cannabis è buona e costosa. Dobbiamo avere il coraggio di legalizzarla, di offrire al contadino lo stesso importo dei trafficanti e di venderlo ai paesi in cui è legale. Altrimenti, dovresti dimenticare l'uso medico, perché non funzionerà. "I deputati hanno votato a favore della legge pur sapendo che non è applicabile", ha aggiunto Riad Saadé, direttore del Centro libanese per la ricerca e gli studi agricoli. "Nei campi non cambierà nulla", aggiunge Chreif. Per fare una buona legge, sarebbe stato necessario consultare i produttori, ma questa è solo una manovra politica."
Il paese sta tuttavia affrontando un'emergenza. Entro la fine dell'anno, la percentuale della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà dovrebbe aumentare dal 30% al 50%. Lo stato - che importa oltre l'80% dei prodotti consumati nel paese - deve innanzitutto garantire che i suoi cittadini abbiano abbastanza da mangiare, consiglia Saadé, che specifica: attraverso il prisma della sicurezza alimentare. In breve, garantire che le colture di base, come patate, cipolle e altre verdure, sostengano le famiglie.
Una primizia nel mondo arabo. Con la notevole eccezione di Hezbollah, il parlamento libanese ha votato in blocco il 20 aprile per legalizzare la cannabis a scopi medici. Il mercato globale peserà quasi $ 50 miliardi nei prossimi cinque anni. Inoltre, il Libano sogna di produrre medicinali a base di canapa entro un anno, ma anche tessuti, cosmetici e olio di cannabidiolo (CBD) per l'esportazione. L'industria potrebbe portare fino a $ 1 miliardo all'anno, un vantaggio per uno stato in bancarotta.

Consenso politico
L'idea è semplice: istituzionalizzare un'economia che già esiste e tassarla. Una volta integrata nella bilancia commerciale, la cannabis diventerebbe automaticamente uno dei principali articoli di esportazione del paese. Nel 2018, la società di consulenza americana McKinsey & Cie ha persino fatto una delle sue proposte di punta per rilanciare l'economia libanese, il cui debito rappresenta il 170% del PIL. All'epoca, il rapporto faceva sorridere la gente, ma non è durato molto. Un anno dopo, il Libano - il terzo paese più indebitato al mondo - sta cadendo nella peggiore crisi economica e sociale della sua storia. Incapace di pagare i suoi creditori, lo stato sopravvive a livello mediatico. La valuta locale perde più della metà del suo valore, l'inflazione e la disoccupazione esplodono. Per riempire le scatole vuote e calmare la strada, i leader sono pronti a tutto. Compreso legalizzare la cannabis.

Il seme della discordia
L'ambivalenza della posizione del legislatore fa sorgere un paradosso: se i produttori di canapa saranno presto in grado di ottenere le licenze, i fumatori abituali dovranno ancora affrontare le pene detentive. Nel nord-est, i campi si estendono a perdita d'occhio, e questo lo sanno di tutti. Dall'inizio della guerra in Siria nel 2011, l'area coltivata è raddoppiata fino a oltre 30.000 ettari. Nuovo oro verde? No, perché la nuova legge legalizza solo una varietà di canapa ... che non esiste in Libano.

Un mercato ultra competitivo
Anche se il Libano riesce a sostituire le sue colture, non ha la capacità di trasformare le stesse in prodotti farmaceutici approvati per l'esportazione. I difensori della legge sperano di attrarre investitori internazionali per sviluppare il settore. Più facile a dirsi che a farsi. "Il clima non è favorevole per gli investimenti esteri. Per aprire un laboratorio, i grandi gruppi vogliono garanzie e, come minimo, stabilità politica, il che non è quanto esiste oggi in Libano", spiega Hassane Makhlouf, agronomo e professore all'Università libanese di Beirut.
I sostenitori della legge sperano di attrarre investitori internazionali per sviluppare il settore.
A Yammouné, nella pianura della Bekaa, l'80% delle famiglie coltiva la canapa.

(articolo pubblicato su Jeune Afrique del 29/06/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori