testata ADUC
Incidente Bologna, che cosa si farà per aiutare i danneggiati?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Marco Solferini
9 agosto 2018 13:26
 
A distanza di giorni i contano i danni ma le iniziative concrete latitano. La sensazione è che ci sia tanta volontà di promettere ma poca di mantenere.
Su svariati media i rappresentanti di note associazioni campeggiano sorridenti assicurando a parole "assistenza", "vicinanza", o il più misticheggiante "essersi attivati"'.
E sempre solite parole, parole e parole dai soliti politici che hanno persino meno idee che competenze in questi casi (e non è facile!).
Qualche Banca parla di credito agevolato. 
E quando sono le Banche che ti corrono in aiuto forse ti conviene scappare in direzione opposta.. In pratica dopo l'incidente e i danni uno si fa pure il prestito!
Vabbè.. si potrebbe pensare al consueto avanspettacolo che trova spazio più o meno sui soliti media di frequente addomesticati o compiacenti verso il protagonismo di qualcuno e contro qualcun altro.
Nulla di nuovo, purtroppo.
Mentre vengono alla mente le bellissime parole del celebre cantautore Fabrizio de André: "lo Stato si costerna, s'indigna, s'impegna, poi getta la spugna con gran dignità". Speriamo non sia questo l'ennesimo caso.
Ma cosa si potrebbe fare in realtà? 
Ecco sinteticamente tre ipotesi concrete che se sviluppate potrebbero garantire un aiuto efficace, immediato e fattivo per i danneggiati:
1) Sospensione del rimborso prestiti (sia quota capitale che interessi) fino a un massimo di 2 anni.
2) Prestito sull'onore senza garanzie ma con diritto di prelazione sul risarcimento assicurativo dei danneggiati con rilascio immediato fino a 50.000 euro.
3) Credito fiscale basato sulla dichiarazione dell'anno precedente x i mancati introiti di quello attuale da portare in deduzione.
In generale poi sarebbe ora di farsi beno belli sui media e cominciare di più e meglio a lavorare. 
C'è gente che ha bisogno di persone vere all'opera.
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori