testata ADUC
Inquinamento atmosferico: oltre tre miliardi di persone respirano aria nociva all'interno delle proprie case
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
21 gennaio 2021 12:28
 
Si potrebbe pensare che l'inquinamento atmosferico possa essere evitato all'interno di un edificio. Ma in tutto il mondo, più di 3 miliardi di persone sono esposte nelle proprie case attraverso la cottura, il riscaldamento e l'illuminazione con combustibili tradizionali. Combustibili che possono essere raccolti localmente e bruciati su un fuoco aperto, come legna, carbonfossile, carbone, sterco di animali e la paglia di grano e le pannocchie di mais, che costituiscono i rifiuti agricoli. Il fumo generato da questi incendi è ricco di fuliggine, altrimenti noto come “black carbon”. Queste particelle scure assorbono la radiazione UV del sole e riscaldano l'atmosfera, contribuendo al cambiamento climatico.

Ma il problema non finisce qui. Il “black carbon” è solo un componente del PM2,5: particolato inferiore a 2,5 micrometri emanato, tra le altre fonti, dagli scarichi delle auto, dai forni delle fabbriche e dai fuochi aperti. Una volta inalate, queste minuscole particelle possono colpire cuore e polmoni, esacerbando i sintomi dell'asma e contribuendo ad attacchi di cuore, ictus, polmonite e cancro ai polmoni.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha creato linee guida che rilevano quando l'aria interna non è più sicura da respirare e raccomanda di limitare le concentrazioni di queste particelle fini a 35 microgrammi per metro cubo.
Le stufe a legna sono ampiamente utilizzate per cucinare e riscaldare in molti paesi. Le persone che usano così tanti tipi diversi di combustibili per cucinare a casa, sono tutti ugualmente a rischio? Per scoprire come variano i livelli di inquinamento atmosferico domestico in tutto il mondo, sono stati raccolti dati sulla qualità dell'aria da 2.500 cucine nelle comunità rurali dove oltre il 10% delle famiglie utilizza combustibili tradizionali. Otto i diversi paesi - Bangladesh, Cile, Cina, Colombia, India, Pakistan, Tanzania e Zimbabwe - dove l'inquinamento atmosferico domestico causato dalla cucina è ancora una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica.

Nessuna tregua al chiuso
E’ stato scoperto che il 75% delle cucine nelle comunità studiate aveva concentrazioni di polveri sottili superiori al limite dell'OMS. Nel frattempo, le famiglie che utilizzano stufe a gas ed elettriche avevano livelli di PM2,5 e “black carbon” che erano inferiori del 50% rispetto alla media delle famiglie che cucinano con legna e rifiuti agricoli e del 75% inferiori alla media delle famiglie che cucinano con sterco animale.

Oltre all'aria più pulita, le persone che acquistano bombole di gas da un negozio o usano l'elettricità per cucinare potrebbero aver avuto più tempo libero durante la giornata perché non hanno bisogno di spostarsi per un'ora o più, in alcuni casi, per raccogliere legna da ardere. Anche così, oltre il 60% delle famiglie che cucinano con gas ed elettricità ha ancora livelli di PM2,5 superiori alle linee guida dell'OMS.

Poiché le stufe a gas ed elettriche emettono poco o nessun PM2,5, ciò suggerisce che l'inquinamento atmosferico esterno sta entrando in queste case e raggiungendo livelli potenzialmente pericolosi nelle cucine. Le persone che cucinavano con il gas in Cile e Colombia hanno meno della metà dei livelli di PM2,5 nelle loro cucine rispetto a quelle che utilizzano gli stessi combustibili in Cina e India. I partecipanti al nostro studio che hanno vissuto in Cina e in India e si sono spostati per lavoro sono stati anche esposti a livelli di PM2,5 più elevati durante la loro giornata rispetto a quelli che sono rimasti a casa. Ciò suggerisce che le fonti esterne contribuiscono notevolmente all'inquinamento atmosferico che le persone respirano in questi paesi in rapido sviluppo, anche all'interno delle case. Ciò è particolarmente vero in India e Cina, che hanno alcuni dei più alti livelli di inquinamento esterno al mondo.

Le fonti comuni di inquinamento esterno non includono solo le fonti abitualmente considerate sospette: fabbriche, traffico e centrali elettriche a carbone. Ma anche incendi locali di rifiuti e incendi agricoli, che aiutano a eliminare le erbacce e i rifiuti dai campi prima che gli agricoltori procedano con nuovi raccolti.
L'inquinamento atmosferico provocato dalle famiglie che cucinano con legna e altri combustibili da biomassa nella stessa comunità, può anche infiltrarsi nelle case vicine che potrebbero utilizzare stufe a gas ed elettriche.

Ripulire l'inquinamento atmosferico domestico
I governi nazionali dovrebbero aiutare intere comunità a passare al gas o all'elettricità per cucinare, per ridurre l'esposizionei all'inquinamento atmosferico interno. Tuttavia, è probabile che un cambiamento anche generico in ogni comunità sia difficile. Molte famiglie con una stufa a gas o elettrica continuano a cucinare a legna per determinati pasti, o perché un fornello a gas non può ospitare una pentola abbastanza grande per cucinare per tutta la famiglia o perché le persone preferiscono il gusto del cibo cucinato su una tradizionale stufa a legna o carbone. A volte, le famiglie cucinano con la legna per cercare di risparmiare gas e risparmiare denaro.

Le agenzie di ricerca e i governi stanno investendo molto per abbassare il prezzo del gas e dell'elettricità e creare stufe moderne culturalmente appropriate e ampiamente disponibili. Ma poiché molte delle persone nel nostro studio hanno respirato ancora aria nociva nelle case con stufe a combustione pulita, le iniziative contro l'inquinamento atmosferico non possono limitarsi alle cucine.
L'imposizione di rigide normative sulla qualità dell'aria alle industrie, e l'eliminazione graduale dei combustibili fossili dal settore energetico, ridurrebbe l'inquinamento atmosferico esterno. Incoraggiare un'agricoltura più sostenibile e processi di smaltimento dei rifiuti potrebbe ridurre anche le fonti locali di inquinamento. Politiche che riducano l'inquinamento dell'aria interna ed esterna non solo renderebbero più sani miliardi di persone, ma potrebbero anche rallentare il tasso di cambiamento climatico.

(di Matthew Shupler - Postdoctoral Research Associate in Environmental Public Health, University of Liverpool – su The Conversation del 20/01/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori