testata ADUC
Legalizzazione cannabis in Messico. Il business secondo l’ex-presidente Vicente Fox
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
7 marzo 2021 12:07
 
Le grandi aziende dell'industria della marijuana legale si stanno preparando a entrare in Messico, che potrebbe presto diventare il più grande mercato mondiale per la cannabis in termini di popolazione, dopo che il Congresso avrà approvato la depenalizzazione per il consumo.
Vicente Fox, 78 anni, ex presidente messicano tra il 2000 e il 2006 e ora membro del consiglio di amministrazione della “Khiron Life Sciences” colombiano-canadese, che si occupa di marijuana medica, ha dichiarato in un'intervista a Reuters che la norma che avanza nella camera bassa è "una buona legge", al pari di quella che ha legalizzato l'uso medicinale in Colombia nel 2015.
"Tutti i possibili attori in questo mercato sono attenti a ciò che accadrà. Stiamo ottenendo informazioni dirette dagli stessi deputati: è abbastanza affidabile e concreto che la prossima settimana dovrebbe già essere approvato", ha detto Fox venerdì.

Alcuni attori nell'industria della cannabis legale nascente e milionaria come “Canopy Growth” e “The Green Organic Dutchman”, dal Canada; e un'unità della “Californian Medical Marijuana”, hanno già manifestato l’intenzione di entrare in Messico.

Il Senato ha approvato a novembre la legalizzazione della marijuana per usi ricreativi, scientifici, medici e industriali, una pietra miliare in un paese insanguinato dalla guerra alla droga. Tuttavia, i deputati hanno rinviato la discussione sostenendo che avevano bisogno di più tempo per analizzarla.
Lunedì, Fox e una fonte della camera bassa hanno detto a Reuters, che le commissioni per la salute e la giustizia discuteranno la "Legge generale per la regolamentazione della cannabis" e la sua approvazione sarà a seguire.
"Poiché si trattava di un'approvazione tardiva, ha dato al Messico l'opportunità di conoscere altri modelli e altre normative in tutto il mondo, il che è un vantaggio per migliorare ciò che è noto altrove", ha spiegato l'ex presidente.

Fox ha assicurato che le agevolazioni del nuovo standard per importare ed esportare la pianta e i suoi derivati ??metterebbero Khiron in una buona posizione, acquistano, in un primo momento, la materia prima dalla Colombia, paese con cui il Messico ha un accordo di libero scambio.
La norma in discussione in Parlamento prevede la creazione dell'Istituto messicano per la regolamentazione e il controllo della cannabis, che rilascerà cinque tipi di licenze per controllare gli atti relativi a coltivazione, trasformazione, vendita, ricerca ed esportazione / importazione.

Grande potenzialità di mercato
Secondo un recente rapporto di “Grand View Research”, il mercato globale della marijuana legale potrebbe raggiungere i 73,6 miliardi di dollari entro il 2027 e il Messico, con i suoi 126 milioni di abitanti, si posizionerebbe come il mercato più grande.
"Il Messico è uno dei paesi con una delle più grandi popolazioni al mondo ed ha un potere d'acquisto, che ci consente di parlare di un mercato di milioni di dollari", ha detto Fox, che spera che il governo Usa di Joe Biden legalizzi la cannabis a livello federal per fare del Nord America un hub regionale.
Inoltre, sempre secondo Fox, la depenalizzazione combatterebbe la violenza legata ai cartelli della droga, che dal 2006 ha provocato decine di migliaia di morti e desaparecidos.
"È un grande affare strappare questa bellissima pianta ai criminali e metterla nelle mani di uomini d'affari e agricoltori", ha detto Fox, che ha assicurato che intende sfruttare le strutture del suo Fox Center, in Messico, per creare un serra di marijuana con il più importante laboratorio del Paese per lo studio della pianta.

Dopo aver concluso il suo mandato presidenziale, Fox, anche lui uomo d'affari agricolo, è diventato uno dei principali promotori della depenalizzazione della marijuana in Messico e assicura che altre droghe dovrebbero seguirla.
"Ci credo, e sono convinto che la legalizzazione della marijuana sia il primo passo verso la legalizzazione di tutti i prodotti proibiti", ha detto. Tuttavia, ha aggiunto che ci sono ancora "molti tabù" nel paese latinoamericano.

Da quando è entrato in carica nel dicembre 2018, l'attuale presidente Andrés Manuel López Obrador ha posto sul tavolo la questione della depenalizzazione della marijuana e di altre droghe come parte della sua strategia per combattere la potente criminalità organizzata.

(da un lancio dell’agenzia Reuters – Diego Oré – del 05/03/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori