testata ADUC
Legalizzazione cannabis in Usa. Le motivazioni di una persona famosa e 'normale'
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
18 giugno 2020 12:25
 
Rick Steves è un mite personaggio televisivo che ha prestato la sua credibilità alle battaglie per la legalizzazione durante 20 anni come militante autodidatta per NORML e Marijuana Policy Project. Quest'estate e in autunno Steves ha in programma vari incontri per la legalizzazione in Stati Usa del South e del Midwest, dove gli piace molto parlare agli elettori con argomenti inusuali.
"Mi piace solo confondere le persone con ciò che si aspettano che abbiano a che fare", ha detto a Leafly. "Mi piace sempre dire: "Sono un americano laborioso, educato, educatore e contribuente. Se ho lavorato duramente tutto il giorno e voglio andare a casa a fissare il camino per tre ore, questa è la mia libertà civile. E poi ricevo un grande applauso."
…..
Argomenti per la legalizzazione della marijuana
Leafly: hai detto: Credo che "alto" sia un posto che dovremmo visitare. Riesci a ricapitolare le tue convinzioni sulla politica in materia di cannabis per persone che non conoscono questo tuo impegno in materia?
Rick Steves: Sento fortemente che fumare marijuana responsabilmente, da adulto, è una libertà civile.
Sto attento a non sostenere il fumo. Penso solo che chiunque voglia fumare marijuana in modo responsabile, da adulto, dovrebbe poterlo fare, e penso che i divieti delle nostre leggi siano basati su bugie, siano razzisti e controproducenti, semplicemente sbagliati.
Mi diverto solo a scusarmi dicendo che la marijuana è una droga leggera come l'alcol. Non direi che va bene. Direi che se vuoi godertela, dovresti essere in grado di farlo, quindi questa è la mia posizione in merito.
Ho deciso che è un un impegno civico parlare di questo e che farlo sia importante. Penso che a tutti piaccia abbracciare questioni che per loro stessi sono politicamente importanti, e ci sono molte questioni facili da affrontare. Venti anni fa, quando ho iniziato a parlarne, era pericoloso parlare pubblicamente a favore della legalizzazione della cannabis.
Nessuno ha bisogno di votare per me. Non posso essere licenziato. Ho appena espresso le mie idee su questo perché mi piace condividere la verità e non mi piace vedere il nostro paese abbracciare bugie ed avere paura.
Non ci sono molte persone famose che sono ben note e che sono disposte a dire: "È ora che smettiamo di arrestare le persone per aver fumato erba." …..
Sostengo una campagna legale sulla marijuana se la legge è una legge sulla salute pubblica, rispetta le forze dell'ordine, se affronta il razzismo e anche le questioni civili.

I risultati della legalizzazione in Colorado e Washington
Leafly: se "alto" è un posto, sembra che ci si possa andare facilmente, poiché la legalizzazione sta vincendo.
Steves: penso che in questo momento il nostro paese sia in un punto in cui c'è questa marea di sensibilità in aumento e non c'è modo di tornare indietro.
E’ stato clamoroso quando Washington e il Colorado lo fecero nel 2012 perché allora il governo federale degli Stati Uniti avrebbe potuto entrare e schiacciarci, ma non lo fece, il che è sorprendente.
Ora abbiamo una massa critica e loro semplicemente non possono farlo, non credo che possano cavarsela. Per prima cosa, vengono generate molte entrate fiscali. Adoro il fatto che solo nel mio stato ci siano circa $ 1 miliardo di entrate da cannabis e circa $ 300 milioni di entrate fiscali generali.
Il mio governatore, Jay Inslee, non era favorevole, né lo era il governatore del Colorado quando abbiamo legalizzato nel 2012. Oggi sappiamo che in entrambi gli stati i governatori sono a favore. E ce ne sono grati.
I numeri sono sotto controllo. Era una nostra previsione che il consumo non sarebbe cresciuto, anche quello degli adolescenti, che la sicurezza stradale non ne sarebbe stata influenzata e che sarebbe stato invece un modo intelligente per dare un duro colpo al mercato clandestino in piena espansione, tassare e regolarne il controllo, togliere quei soldi da bande e criminalità organizzata e lasciare che diventassero affari legittimi, impiegare persone nelle aree rurali e smettere di arrestare persone, la maggior parte delle quali sono persone di colore.
Il mio governatore, Inslee, chiacchierando con lui di questo, ha detto di essere grato di non aver arrestato 8.000 persone all'anno. Abbiamo praticamente distrutto un mercato nero in forte espansione. Ora abbiamo un fiorente mercato legale e il governo guadagna $ 300 milioni all'anno, inoltre possiamo goderci la libertà di fumare erba se vogliamo. Non c'è niente di male in questo.
L'unica cosa negativa che la gente pensa è: "Oh, ora la gente sta fumando marijuana." Ma negavano la realtà che la gente la fumasse comunque.
Il fatto è che non c'è un serbatoio di persone che desiderano rovinarsi la vita fumando una canna se solo fosse legale. Chiunque voglia fumare lo fa, e ora lo facciamo come attività legale anziché come attività illegale, e penso che sia una buona cosa per la società.

2020, la mappa della legalizzazione
Leafly: com'è portare questo messaggio in giro?
Steves: Quando vengo in città tutti dicono "Oh sì, Rick Steves, lo conosciamo dalla televisione pubblica", o "Rick Steves, ci piace la sua roba europea", oppure, "Rick Steves, è un uomo d'affari fico, è un leader nella sua chiesa. Oh, Rick Steves - sta sostenendo di legalizzare la marijuana? Wah?’
Cattura le persone sorprendendole. Non mi piace perdere tempo a predicare a chi sta pensando ad altro. Voglio raggiungere le persone che sono state davvero educate a pensare che questa sia erba del diavolo e far loro sapere che non è questo un problema.
Vengo da uno stato in cui queste sono ormai vecchie notizie. Le abbiamo avuto per otto anni. È la stessa comunità di prima, non stiamo arrestando più tante persone e posso spostare il mio bongo dalla mia credenza allo scaffale come una sorta di dichiarazione di indipendenza.

Leafly: Vedi un numero crescente di conservatori per la legalizzazione?
Steves: Vorrei che i conservatori fossero più intellettualmente coerenti nella loro politica.
Se vado a fumare e dopo guido e ferisco qualcuno, dovrebbero sicuramente prendersela con me. Ma se posso fumare responsabilmente, tenendo conto delle esigenze dei miei vicini, chiedo solo un po' di buon senso per me.
Fumare erba apre un po’ le porte, è come viaggiare, è un modo in cui possiamo allargare i nostri orizzonti. Può essere consumata male o bene, il governo non ha il diritto di dire che non possiamo farlo. Il governo ha il diritto di dire che non possiamo farlo e dopo rompere qualcosa, ma non che non possiamo farlo se ne siamo responsabili. Questa è la mia opinione in merito.
Mi piacerebbe andare negli stati in cui le compagnie farmaceutiche finanziano l'opposizione. L'Arizona è stata una che non ha approvato una legge alcuni anni fa perché i produttori farmaceutici si sentivano minacciati dalla marijuana. Non va bene che le persone mettano i loro interessi finanziari al di sopra delle nostre libertà civili, e i poveri e le persone di colore vengono arrestati per questo.
È difficile da immaginare in questo momento decine di migliaia di americani in prigione per crimini di marijuana non violenti e circa 663.000 arrestati per crimini di marijuana ogni anno quando, in circa la metà del nostro paese, è legale per uso ricreativo o medico.
Siamo in una situazione in cui puoi andare in un piccolo bed and breakfast nella parte orientale di Washington e mangiare marijuana e poi attraversare il confine con l'Idaho e non poterlo fare. Questo è ridicolo.
…….
Leafly: c'è questo filo conduttore di essere un bravo cittadino in tutto il tuo lavoro come viaggiatore, scrittore, imprenditore e membro della comunità. Come possono gli uomini d'affari della cannabis essere buoni cittadini?
Steves: c'è molto spazio per essere un leader della comunità e anche un uomo d'affari della cannabis.
Mi piace quest'idea, perché è quello che ho fatto fin all'inizio della mia campagna per la legalizzazione: confondere le persone con ciò che si aspettano di avere a che fare e con chi è veramente questo essere umano.
Ecco un ragazzo che gli piace e non hanno mai pensato di poter piacere a un ragazzo che fuma marijuana. E ho dimostrato che si sbagliavano ... Ah! Per me è una bella sfida.
I club di cannabis a Barcellona e i coffeeshop di Amsterdam sono modelli di senso civico per le loro strade. Sanno che ad alcune persone che vivono al piano di sopra non piace il rumore a mezzanotte, o ad altri che camminano vicino non piace l'odore umido della marijuana. E lo rispettano; in parte, perché è un bel modo di non chiudersi.
Penso che possiamo avere una fiorente industria legale della marijuana e possiamo guadagnare la fiducia della nostra società. E che possiamo quindi far crescere la casa, i luoghi pubblici dove gustare la marijuana e così via - se rispettiamo solo il fatto che non tutti la abbracceranno come se fosse il più grande dono di Dio all'umanità, ognuno ha un pensiero diverso su di essa, e che ci tolleriamo a vicenda.

(Intervista di David Downs, pubblicata su Leafly del 27/05/2020)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori