testata ADUC
La legge contro i populisti
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
25 settembre 2019 18:33
 
 I nazionalisti hanno sicuramente un problema con la democrazia. Rifiutano di capire - o ammettere - che in un sistema di legge, la stessa non è fatta da uomini singoli ma da rappresentanti del popolo e che queste leggi devono essere conformi alla Costituzione. Difficilmente gli viene in mente che non esiste libertà senza rispetto per le camere parlamentari e le corti costituzionali. Capiscono ancora meno che sono giustificati a difendersi se vengono attaccati.

Così Boris Johnson, che ha sospeso il parlamento di Westminster contro tutti gli usi, è scivolato in merito. Una donna molto dignitosa, Lady Hale, presidente della Corte costituzionale britannica, ha dichiarato la sua decisione "illegale, nulla." Uno schiaffo meritato e senza appello.

Donald Trump, che governa principalmente con tweet offensivi, ora deve affrontare una procedura di destituzione avviata dai democratici alla Camera dei Rappresentanti, dove sono stati in maggioranza dopo il loro successo nelle elezioni di medio termine (che Trump aveva presentato come una sua vittoria ...). È improbabile che la procedura abbia successo, poiché i repubblicani sono la maggioranza al Senato. Ma l'inchiesta potrebbe essere alquanto imbarazzante per il presidente: secondo i documenti prodotti dalla stampa americana, Trump ha chiesto al presidente ucraino (insistendo sull'accusa otto volte, secondo il Wall Street Journal) di aiutarlo a screditare un rivale elettorale in cambio del rilascio di aiuti in Ucraina, una manovra che, se provata, è davvero da impeachment.

Durante l'estate, Matteo Salvini, che già si considerava un Duce eletto, è stato espulso dal potere da un'inversione di alleanze parlamentari perfettamente legali (e abituali in Italia). Questo cambio di coalizione è stao favorito dai decreti Salvini sull'immigrazione. Il ministro dell'Interno aveva varato una serie di dubbie norme costituzionali contro le ONG che raccoglievano migranti nel Mediterraneo, il che aveva scioccato alcuni dei suoi alleati nel Movimento a cinque stelle.

Ogni volta, questi tre leader "patriottici", come direbbe Trump, giustificavano le loro decisioni rapide con la sovranità del popolo, che si oppongono alle norme di legge e agli usi parlamentari. Ma è bene che sia ripetuto: la democrazia non si riduce alla sovranità popolare. Se il popolo decide sovranamente di eleggere un dittatore, istituisce una dittatura, non una democrazia. E se decide di violare la Costituzione o i diritti del Parlamento, esce dalla legge. A meno che non si modifichi la Costituzione attraverso il giusto meccanismo, che richiede una maggioranza qualificata. Nessuno dei nostri tre cavalieri dell'apocalisse populista lo ha fatto: è perfettamente legittimo opporvisi con qualsiasi mezzo legale.

(editoriale di Laurent Joffrin, pubblicato sul quotidiano Libération del 25/09/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori