testata ADUC
Malnutrizione. Quasi sette milioni di bambini di meno di cinque anni a rischio grave
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 luglio 2020 15:36
 
 Almeno 6,7 milioni di bambini di meno di cinque anni potrebbero soffrire di grave malnutrizione nel 2020 a causa dell'impatto socio-economico della pandemia, secondo la denuncia del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF). L'emaciazione - una condizione che comporta la perdita del 10% di peso in meno di un mese - potrebbe aumentare del 14,3% nei paesi a basso e medio reddito. Questo aumento si tradurrebbe in oltre 10.000 decessi infantili in più al mese, di cui oltre il 50% si verificherebbe nell'Africa sub-sahariana, secondo il rapporto The Impact of Covid-19 on Child Malnutrition and Nutrition-Related Mortality, pubblicato in The Lancet.

I rappresentanti dell'UNICEF, dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), il Programma alimentare mondiale (WFP) e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno avvertito che la pandemia sta minando la nutrizione in tutto il mondo, specialmente nei paesi a basso e medio reddito, con i bambini piccoli che subiscono le conseguenze peggiori. Sempre più bambini e donne soffrono di malnutrizione a causa del deterioramento della qualità delle loro alimnetazioni, dell'interruzione dei servizi di nutrizione e delle altre conseguenze che ha avuto l'impatto della pandemia.

"Sono passati sette mesi da quando sono stati segnalati i primi casi di covid-19 ed è sempre più evidente che le ripercussioni della pandemia stanno danneggiando i bambini più della stessa malattia", ha affermato il direttore esecutivo dell'Unicef, Henrietta Fore.

L'agenzia per l'infanzia delle Nazioni Unite stima che circa 47 milioni di bambini abbiano sofferto di questo problema nel 2019, prima della pandemia, e avverte che se non ci saranno azioni urgenti, quel numero potrebbe avvicinarsi a 54 milioni nel 2020. L'80% di questi minori in pericolo si trovano nell'Africa sub-sahariana e nell'Asia meridionale. Più della metà, nell'Asia meridionale, secondo l'analisi pubblicata su The Lancet. L'Unicef??ricorda inoltre che l'emaciazione può non solo causare la morte, ma anche carenze nella crescita, sviluppo e apprendimento.

Interruzione delle routine nutrizionali a causa della pandemia
In Afghanistan e Haiti, la paura del contagio e la mancanza di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari hanno portato a una riduzione stimata rispettivamente del 40% e del 73%, nei ricoveri per il trattamento di gravi sprechi nei bambini. In Kenya, sono invece diminuiti del 40%. Più di 250 milioni di bambini in tutto il mondo non ricevono integratori di vitamina A a causa di covid-19, riferisce l'UNICEF.

"La povertà delle famiglie e i tassi di insicurezza alimentare sono aumentati. I servizi nutrizionali essenziali e le catene di approvvigionamento sono stati ridotti. I prezzi dei generi alimentari sono saliti alle stelle. Di conseguenza, la qualità dell’alimnetazione dei bambini è peggiorata e il tasso di malnutrizione aumenterà", ha lamentato Fore.

In questo contesto, le agenzie delle Nazioni Unite hanno avvertito che questo aumento nei bambini è solo la punta dell'iceberg. Come conseguenza dell'impoverimento della alimnentazione e dell'interruzione dei servizi nutrizionali, il covid-19 aggraverà anche altre forme di malnutrizione nei bambini e nelle donne, come lo stordimento, i deficit di micronutrienti, il sovrappeso e l'obesità. I dati Unicef dei primi mesi della pandemia indicano una riduzione complessiva del 30% della copertura dei servizi di nutrizione vitale. In alcuni paesi, l'interruzione di questi servizi durante il parto è stata tra il 75% e il 100%.

"Non possiamo permettere ai bambini di essere vittime ignorate della pandemia", ha detto Fore. "Dobbiamo pensare contemporaneamente a breve e lungo termine, in modo da non solo affrontare le sfide poste dalla pandemia e i suoi impatti secondari sui bambini, ma anche delineare un futuro più luminoso per i bambini e i giovani."

(da un articolo pubblicato sul quotidiano El Pais del 28/07/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori