testata ADUC
Il narco più ricercato d'Europa si confessa e dice di essere perseguitato
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
6 settembre 2020 18:54
 
Questa storia inizia nel mezzo dell'Amazzonia colombiana. Accompagnato da due partner ecuadoriani, Agustín Álvarez di Vigo ha deciso il 30 ottobre dello scorso anno di entrare in un sottomarino fatto in casa con 3.000 chili di cocaina, una lettiera e 20.000 litri di carburante all'interno. Il batiscafo, di meccanica precaria e lungo 20 metri, trasportava un sacco stagno legato all'esterno con cibo e acqua. La nave, a due metri sotto il livello dell’acqua, ha percorso il Rio delle Amazzoni e poi ha attraversato l'Atlantico (9.000 chilometri, in totale) fino a raggiungere, il 18 novembre, l'estuario di Vigo. Raggiunsero la Galizia quando ormai erano ai limiti: la borsa del cibo si era slegata alcuni giorni prima, le parti meccaniche del sottomarino si erano guastate ed all’interno dello scafo c’era una perdita di gasolio, e questo obbligava a tenere un portello aperto per respirare. Disperato, Agustín chiamava col telefono satellitare, ma nessuno rispondeva dall'altra parte. Ci provò per diversi giorni, ma nessuna risposta. L'organizzazione galiziana del narcotraffico che doveva uscire con i motoscafi per raccogliere i 3.000 chili di cocaina era scomparsa. Sette giorni dopo, Agustín e gli ecuadoriani affondarono il sottomarino e proseguirono a nuoto. Furono tutti arrestati.

È quindi iniziata un'indagine per scoprire quale organizzazione avesse pianificato - e fallito - nella prima spedizione di cocaina conosciuta in Europa tramite sottomarino (in Galizia si è sentito per anni che questa pratica fosse più o meno comune, anche se fino a quel momento non era mai stata confermata) . La polizia fa notare che Juan Carlos Santórum, leader del clan Santórum e coordinatore di quel mancato sbarco di cocaina, è il responsabile di quell'audace spedizione. Raggiunto da EL PAÍS, sostiene di essere innocente.

All'inizio i sospetti erano caduti sui due principali trafficanti di droga in Galizia, i leader dell'attività negli estuari: El Pastelero e El Burro. I loro nomi - soprannomi – vengono fuori ogni volta che c'è un sequestro sulla costa galiziana. Ma il 26 aprile, in pieno confinamento da covid-19, l'attenzione della polizia si è spostata. La Karar, una nave battente bandiera togolese con otto membri d'equipaggio provenienti dal Bangladesh, sei dal Nepal e uno dalla Galizia, è stata intercettata a 300 miglia dalla costa della Galizia dalla polizia nazionale e dal servizio di sorveglianza doganale (SVA). A bordo c'erano 4.000 chili di cocaina. El Karar è stato uno dei nascondigli sequestrati durante il confinamento, un periodo in cui le forze di polizia sono state sorprese, e talvolta sopraffatte, a causa dell'enorme attività di droga che si stava svolgendo sulla costa galiziana. Il lavoro degli agenti è stato enorme. Molta meno attenzione mediatica e politica, inevitabilmente sepolta dalla pandemia che stava soffocando la Spagna.

Nello stesso momento in cui la polizia ha attaccato il Karar in alto mare, a terra, El Greco della polizia nazionale ha effettuato un raid in quello stesso giorno ed ha arrestato 28 persone lungo l'estuario di Arousa, la maggior parte delle quali legate al clan del Santorum. Oltre al successo del sequestro, quell'operazione ha permesso alla Polizia di scoprire indizi inediti sul narco-sottomarino. Intercettazioni telefoniche, motoscafi sequestrati e testimoni hanno portato gli agenti a concludere che, oltre al Karar, anche i Santorum erano dietro il narco-sottomarino. All'operazione mancava (manca ancora oggi) un solo arresto. Forse il più importante: quello del già citato Juan Carlos Santórum Navazas, 40enne residente a Vilanova de Arousa (Pontevedra) e accusato di essere il capo del clan. Juan Carlos è fuggito quella domenica e, ancora oggi, continua ad essere latitante. È, secondo la polizia, uno dei più potenti trafficanti di droga in Spagna.

EL PAÍS, attraverso i social, ha individuato e conversato con quello che, forse, è il presunto spacciatore più ricercato del momento. Assicura che il 26 aprile, in cui la polizia ha catturato il Karar e ha effettuato gli arresti, si è svegliato come tutti gli altri giorni. "Quel giorno mi sono alzato dal letto alle nove, come ogni domenica." La conversazione avviene chattando tramite Facebook, dove Santórum ha aperto un profilo con il suo vero nome e sta ora modificando il tutto. “Ho fatto una colazione tranquilla e verso le dieci sono uscito per un giro in moto. Mentre andavo, due uomini incappucciati mi hanno tagliato la strada con una macchina. La mia reazione è stata quella di scappare. Dopo un po' sono tornato a casa, ma c'erano già i furgoni della polizia. Ho deciso di scappare perché tutte le esperienze che ho fatto mi dicono che dal carcere non è possibile difendersi”. Santorum continua il racconto della sua fuga di quel giorno: “Sono andato sulle montagne. Ho parcheggiato la moto sotto alcuni alberi e ho dormito per terra per tre notti. Ma il terzo giorno ha iniziato a piovere, e quindi sono andato a casa di un amico.

Stavo pensando di costituirmi, ma con tutti i giornali e le televisioni contro di me sarebbe stato un suicidio. Era come affrontare un esercito con le mitragliatrici e io in mutande e con le pietre”.
Il profilo di Santórum su Facebook è pubblico e la sua posizione cambia sempre. Qualche giorno fa è stata individuata in Brasile, poi a Huelva. Sorprendentemente, non ha problemi a rivelare la verità: “Sono ancora a casa di un mio amico, vicino a casa mia. Penso che mi abbiano localizzato e che mi arresteranno quando vogliono, ma a loro non interessa, perché così possono dire che sono nascosto e che non sono riusciti a trovarmi e mettono in atto un'altra operazione”.

Santórum afferma che il suo coinvolgimento nel sequestro di Karar e quello del narco-sottomarino sono organizzati dalla Polizia in collusione con potenti confidenti del mondo del narcotraffico. Gli inquirenti, da parte loro, insieme al giudice istruttore, accusano Santórum di aver guidato queste due operazioni sulla base di varie prove. Uno di queste è l'intercettazione in cui, secondo la Polizia, si sente Santórum riferirsi alla "cosa del sottomarino". Nello specifico, il presunto capo avrebbe ordinato ai suoi uomini di non effettuare lo sbarco della cocaina dal batiscafo, poiché erano sotto sorveglianza. Quindi, Agustín e i due ecuadoriani non sono rimasti senza nessuno dall'altra parte del telefono satellitare. Un altro elemento di prova della polizia è il sequestro di diversi motoscafi a Sanxenxo e Vigo, noti come alianti, con i quali, secondo le indagini, il Santórum avrebbe pianificato di alleggerire il carico. Le autorità che indagano ritengono che i Santorum siano un clan della vecchia scuola, specializzato nello sbarco con alianti, una delle bande nautiche più efficaci d'Europa.

Santorum rifiuta fermamente tutte queste accuse. "Con il Karar non c'è alcun collegamento tra nessuno dei detenuti o me", spiega. “È un montaggio fatto con copia e incolla di conversazioni. Conversazioni che hanno preso da riunioni di famiglia in cui sapevamo che stavano ascoltando nelle vicinanze. Da quando si tengono riunioni di presunti trafficanti di droga insieme a poliziotti in ristoranti affollati? Dicono anche che ho nascosto un battello e che ho avuto una nave con cui non ho svolto nessuna attività. Un'altra bugia. Quel battello costruito da Naufiferba SL è di sette metri ed è legalmente parcheggiata nel cantiere Bouzas, non di nascosto. Ci sono battelli della dogana e della guardia civile in quel cantiere! Come potrei nasconderlo lì? Inoltre, dicono che è pneumatico e questo non è vero. Hanno fatto un intero film per coinvolgermi”.

Santórum si riferisce anche al narco-sottomarino: “C'è un'indagine completa in cui non compaio per niente. Perché mi stanno coinvolgendo adesso? È quello che mi mancava. Non esiste una solo prova”.
L'8 giugno, e dopo aver presentato ricorso, il tribunale provinciale di Pontevedra ha rilasciato i presunti membri del clan Santórum detenuti nel raid, ritenendo che gli ordini di carcerazione non fossero comprovati. Il giudice ha anche espresso dubbi sul fatto che gli alianti intervenuti fossero destinati al contrabbando di droga. “Il fatto che siano stati rilasciati è la migliore prova di ciò che sto dicendo. Non hanno niente contro di loro o contro di me", dice.

Santórum nega di essere mai stato un trafficante di droga. “Qui a Vilanova de Arousa tutti, direttamente o indirettamente, hanno una relazione con i trafficanti di droga. Nella mia adolescenza ho usato e trafficato, ma mai su larga scala. L'unica volta che sono stato in prigione è stato per aver rivelato segreti e questo è l'unico record che ho, nessun traffico di droga”.
La verità è che Santórum è nel mirino delle autorità da più di un decennio, ma senza precedenti. In quel processo per il quale è stato condannato per aver rivelato segreti, ha rivelato un complotto in cui almeno due agenti della Guardia Civile sono stati pagati dal clan Santorum, secondo le indagini. Ma non è stato condannato per traffico di droga. La polizia, tuttavia, crede che sia in attività da anni.

“Guarda, qui in Galizia coloro che governano il traffico di droga sono persone molto potenti, tutti confidenti della polizia e della guardia civile. Sono avvertiti se c'è qualcosa e la Polizia è già incaricata di lasciarli accusando altri. Ecco come funzionano le cose ed è quello che sta succedendo con me”, spiega. E tornano alla ribalta i soprannomi di El Burro e El Pastelero.
“Un giorno un avvocato mi ha detto: Santórum, di dove sei e con il cognome che hai, sei già condannato. La tua è una pratica d’ufficio. Quanto aveva ragione”, conclude. Santórum è un cognome su cui grava un pregiudizio ad Arousa, e si associa rapidamente al traffico di droga. Gran colpa ce l’ha José Santórum Viñas, soprannominato O Can (Il cane), che è stato arrestato nel 1996 e accusato di aver partecipato, insieme all'ex guardia civile Orbáiz Picos, al tentativo di sbarco di 1.100 chili di cocaina nell'estuario di Vigo. Anche suo fratello, Ventura Santórum, è stato perseguito per aver tentato di contrabbandare 1.000 chili di hashish al largo della costa galiziana. Juan Carlos Santórum Navazas, che la polizia considera il leader dell'organizzazione, è un loro parente.
La conversazione si conclude con Juan Carlos Santórum che ringrazia e invia un selfie che ha scattato. Sabato 5 settembre è apparso un messaggio finale: “Hanno messo un'altro mandato di cattura. Non c'è nessuna legge con me, non vogliono che parli. Mi arrenderò. Penso di averlo fatto per anni. Grazie di tutto".

(articolo di Nacho Carretero, pubblicato sul quotidiano El Pais del 06/09/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori