testata ADUC
I narcos hanno creato una generazione perduta. La battaglia delle autorità in Spagna al confine con Gibilterra
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
17 settembre 2018 13:09
 
 La Línea de la Concepción (Cádiz, 63,146 abitanti) ha accumulato quest'anno fatti di cronaca e titoli esplosivi grazie alla violenza cronica che i trafficanti di droga hanno imposto nella loro lotta contro le forze di sicurezza dello Stato. La guerra è feroce e sia la polizia che la Guardia Civil aspettano i rinforzi promessi dal Ministero degli Interni per debellare le bande, ché solo tra gennaio e aprile sono stati sequestrati 74.692 chili di hashish, con l'arresto di 295 sospetti trafficanti di droga.
Il procuratore antidroga dell'Ufficio di Algeciras, Macarena Arroyo, il commissario de La Linea Francisco Lopez, il Sindaco, Juan Franco, e il presidente del coordinamento anti-droga, Francisco Mena, analizzano i problemi e le possibili soluzioni per affrontare questo mercato illecito con numeri da vertigini. Ma analizzano anche il serio problema sociale di questa città di fronte a Gibilterra, con una disoccupazione di oltre il 30% e "generazioni perdute" di giovani che conoscono solo il linguaggio dei narcos. Nella conversazione, il commissario lancia una serie di domande e risposte: "Quanto hashish arriva? Quanto lo sapevamo? Abbiamo arrestato di più? Sì. Ci sono stati meno successi? Beh, non lo so”.
Una lotta sempre più cruenta
Sulla battaglia delle forze di sicurezza contro i narcos, i quattro protagonisti concordano sul fatto che è essenziale che l'aumento degli agenti venga mantenuto a lungo termine. "Il dispiegamento delle forze di sicurezza è stato forte, ma il timore è che si tratta di un guizzo di un momento e che quando la situazione si assesta, tutti se ne tornano a casa", dice il Sindaco. Il pubblico ministero dice: "La maggiore presenza di forze dell’ordine deve avere continua. La situazione è andata oltre ogni misura, anche se non è ancora fuori controllo. Stiamo meglio, ma considerando che prima non stavamo peggio". Il rappresentante locale è più critico: "Fino ad ora, quando la situazione si è assestata, gli agenti sono andati via, come nella Settimana Santa, quando furono trasferiti a Malaga e Siviglia. La priorità è la sicurezza pubblica, ma se vogliamo risolvere questo problema senza che si ripresenti abbiamo bisogno di smantellare i gruppi UDYCO, El Greco and Customs Enforcement, che stanno compromettendo il nostro patrimonio". Il commissario ribadisce: "A volte non ci piace l'attenzione dei media, ma ci consente anche di richiedere mezzi e supporto per il nostro lavoro. Alla stazione di polizia de La Linea mancano circa 60 agenti e ad Algeciras più di 100 ".
Tempi mutevoli
Il procuratore Amoyo usa una metafora per spiegare come la violenza aumenti: "Prima l’ho sempre visto come un’opera teatrale: la polizia catturava il trafficante di droga che, entrato nel suo ruolo. Doveva scontare la pena. Ma ora il narco non presume di aver perso la partita, i giovani hanno meno paura e diventano più scalmanati. Attaccano e attaccano, e sembrano forti perché rinforzati da una parte della società. Bambini che attaccano la polizia con bottiglie molotov e le madri che difendono i figli coinvolti. L'aggressività durante l'ultimo anno e mezzo è molto cresciuta e i narcos si sentono incoraggiati". Il rappresentante locale, Mena, lo ridefinisce: "È quello che si chiama la perdita di controllo da parte dell’autorità". Il Sindaco chiarisce: "Tutte queste persone le trovi ogni giorno in società, le trovi che prendono tapas e comprano nell'ipermercato. Si vantano di occupare quella posizione".
Il rumore dei media della guerra contro i narcos
La Línea de la Concepción quest'anno è stata nelle cronache per operazioni spettacolari e i nascondigli della droga, che hanno dato notorietà alla città per essere un punto cruciale dell'ingresso di hashish verso l’Europa. I media ingrandiscono il problema? Il Sindaco, Juan Franco, si rifiuta di battere ancora sul ferro, ma evidenzia come i media attribuiscano alla sua città ogni evento in cui sono coinvolti i narcos: "Quello che succede qui è già molto grave. Quando si vede un incappucciato e si porta in galera un ragazzo (che è quanto si vede nelle fiction sui Narcos). Io sono molto arrabbiato che qualunque cosa accada ovunque in Spagna, è sempre La Linea (...) Siamo coinvolti abbastanza ed in corso una lotta, ma è per questo motivo che siamo considerati come una piccola Colombia?".
Francisco Mena, coordinatore Antidroga, critica il fatto che nei media si sia passati dal nulla a come se tutti gli episodi fossero giganteschi: "Né troppo né troppo poco. Qui c'è un problema e per troppo tempo non ha fatto notizia. Tutto è rimasto nelle notizie locali e pochi media ne hanno parlato. Siamo passati da questo estremo al contrario. Soprattutto, le tv, in alcuni casi, son andate veramente oltre, dando un'immagine che non è quella reale".
Il Sindaco dice: "Quando prima, sporadicamente, i media davano notizie sui fatti, minimizzavano perché erano sporadici. Cambiamo quella dinamica. Faccio sempre l'esempio dell'alcolista: per uscire dal problema, dobbiamo individuarlo. Abbiamo un grosso problema, ma contando ciò che c’è già, hai consapevolezza solo di ciò che vuoi ". E Mena aggiunge: "Ho predicato nel deserto per molti anni e nessun Sindaco mi ha dato retta. Juan [Franco] è stato il primo. Tuttavia, ora il problema viene riconosciuto visto che ha già coinvolto l'immagine di tutta la regione, perché non è solo La Linea, questi fatti accadono anche in altri luoghi, come Algeciras, Jimena, Castellar o Tarifa. Questo è un problema di tutti perché coloro che subiscono pensano di andare con le pistole in strada, mentre gli insegnanti o la polizia non vogliono venire. "
Social Security parallela
I narcos hanno coperto gli spazi sociali che lo Stato ha trascurato nel Campo di Gibilterra? Il sindaco Franco dice: "Hanno persino un sistema di sicurezza sociale con collegamenti e accordi fra diversi gruppi. Ci stanno scavando la fossa e rapidamente, ad un bambino di 15 anni gli danno 1.500 euro per fare da palo, digli di andare a lavorare come cameriere o peon….". Il commissario ritiene di essere accettato tra alcune bande: "È vero che c’è disoccupazione, ma c'è un'accettazione sociale verso il traffico di droga. Ci sono persone tra i 16 e i 36 anni che vedono come normale impegnarsi nel traffico di droga e che di conseguenza i loro figli si dedichino agli affari di famiglia. Sono generazioni perse senza possibilità di recupero. È una mancanza di principi e valori".
Generazioni perse
Il Sindaco è disfattista sulla possibilità di salvare alcuni giovani "che non hanno alternative". "Sono soggetti che non possono essere reinseriti", dice. Con un tasso di disoccupazione superiore al 30% come sfondo, il procuratore rileva anche un quadro oscuro per alcuni criminali che formano le reti di narcotrafficanti e scontano le condanne, sempre per crimini contro la salute pubblica: "Ho difficoltà a credere nel reinserimento in ambito narcotraffico, perché ho un promemoria storico sulla criminalità dove, chi entra in carcere, quando esce dopo quattro anni ritorna alla sua attività criminale. Incontrano i loro amici in prigione e poi quando escono hanno già un contatto. Ci dovrebbero essere pene più alte. Una balla è di 30 chili, e su una nave non importa se sono 30 o 3.000 chili. Ma per questo reato non posso chiedere più di sei anni di carcere. Quest’ultimo è una sorta di asilo nido [dove circola droga], dove se non superi i 2.500 chili, la pena da scontare è di quattro anni".
Carenze sociali
La Linea soffre di una disoccupazione del 30%, 8.500 persone di cui il 92% non ha completato gli studi secondari. Il Sindaco protesta perché è "stanco di gridare nel deserto. A parte il traffico di droga c'è la questione della Brexit [ndr. Molti introiti si devono grazie ala vicina Gibilterra], che sembra che sia qualcosa che verrà, ma per noi, 11.000 residenti, hanno cominciato a pagare il 17% in meno di quanto pagano in sterline e spendiamo in euro, siamo sul lastrico da due anni e questo ha un'influenza sul pagamento delle tasse, e per due anni abbiamo chiesto un piano globale di risanamento".
Mena spara: "Il terreno fertile di tutto questo è il fallimento e l'assenteismo scolastico e, quando entri in questo mondo, non te ne vai più a causa di un problema puramente economico." Quando un bambino, con un telefono e uno scooter guadagna 600 euro a notte, come fai a dirgli di venire a lavorare per 1.200 euro al mese". Il procuratore risponde: "Ma se si dà per scontato questo aspetto economico, troveremo sempre un lato positivo. Bisogna invece considerare che si tratta di denaro sporco, che fa male, procedure di riciclaggio di denaro". Il commissario aggiunge: "La questione del riciclaggio di denaro sporco è una realtà necessaria che deve essere associata a qualsiasi indagine della polizia".
La fine della guerra
Mena è ottimista sulla vittoria della battaglia contro il narco: "Sono convinto che abbiamo vinto questo impulso verso il denaro". Anche l'avvocato Arroyo vede il bicchiere mezzo pieno: "Sono positivo. Sto lavorando molto duramente e molto bene. Stiamo perseguendo il traffico di droga e abbiamo esteso l’attività al riciclaggio di denaro sporco. Sto imparando dagli errori, perché ci sono stati dei fallimenti. Dobbiamo agire nello stesso modo, non possono portarci anni luce indietro". Il commissario aggiunge: "La polizia è sempre ottimista, se no, andiamo male. Penso che possiamo porre fine a tutto questo, ma la mano del legislatore non ci deve mettere i bastoni fra le ruote. È molto importante. Poi ci deve essere un'educazione e un supporto mediatico".

(articolo di Javier Martín-Arroyo e Jesús A. Cañas, pubblicato sul quotidiano El Pais del 17/09/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori