testata ADUC
Narcos e reti sociali in Messico. Un importante canale per ampliare il terrore
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
8 dicembre 2019 18:55
 
 All'inizio del XXI secolo, gli assassinati per decapitazione sono cresciuti e, allo stesso tempo, anche la diffusione in video di torture.
La diffusione avviene attraverso newsletter con video che il narco usa per diffondere paura e terrore.
In Messico, la leggenda nera dell'orrore digitale risale agli anni '80, quando la famiglia di Héctor Palma Salazar, alias "El Güero Palma" - un narco che lavorava a stretto contatto con "El Chapo" del potente cartello di Sinaloa - fu crudelmente assassinata.
Di origini modeste, "El Güero" iniziò la sua carriera omicida con un altro sicario al comando dell'ex poliziotto e leader del defunto cartello di Guadalajara, Miguel Ángel Félix Gallardo. Sotto il suo comando furono stabiliti i collegamenti con i cartelli colombiani e il narco messicano. In quel contesto, "El Güero" è cresciuto coi narco più famosi ed ha finito per formare una solida alleanza con Joaquín Guzmán Loera. Ma con l'arresto di Félix Gallardo scoppiò un'ondata di violenza: "El Güero" e "El Chapo" affrontarono i fratelli Arellano Félix, del cartello di Tijuana. Quest'ultimo si alleò con il diavolo per sferrare un colpo terribile al suo principale avversario, "El Güero" Palma.
La missione fu portata a termine grazie al venezuelano Rafael Clavel Moreno che, secondo le versioni della polizia, si mise insieme alla sorella di Güero, e quindi, già installato nella cerchia più chiusa del potere sinaloano, si affermò grazie all’entratura di sua moglie Guadalupe Lye.
Con lei lasciò il Paese e dopo aver rubato 2.000.000 di dollari la uccise, e in una scatola di metallo refrigerata mandò la testa a "El Güero". Quindici giorni dopo, in Venezuela i suoi due figli, Nataly e Héctor, furono gettati lungo il Concord Bridge, a San Cristobal.

Da allora, il sangue ha chiesto più sangue
Due decenni dopo, con la nascita di Los Zetas, le vittime uccise per decapitazione sono cresciute e, allo stesso tempo, si diffusero i video con le immagini di persone torturate.
Per la dottoressa Ainhoa Vásquez Mejías, accademica della Facoltà di filosofia e lettere dell'UNAM e membro del Sistema nazionale dei ricercatori messicani, la strategia del terrore attraverso i video è un modo per inviare un messaggio agli altri cartelli. Vásquez specifica che non è un avvertimento per la popolazione in generale, ma per i sicari rivali. “La vedo come un'espressione della mascolinità egemonica. Principalmente attraverso i video, dicono agli altri uomini di essere quelli che hanno il potere, che sono i più violenti, i più fighi, quelli che non hanno paura. Con questo cercano di intimidire i rivali, di spaventarli, ovviamente, ma anche di metterli in una posizione subalterna, per contaminare la mascolinità dell'altro. E quel gioco di mascolinità deve essere visibile a tutti, quindi registrano le torture del nemico, così come il cartello Jalisco Nueva Generation o la Nueva Famila di Michoacan. Si tratta di una messa in scena della egemonia della mascolinità".
Il metodo di tortura attraverso registrazioni video potrebbe assomigliare alla tassa imposta dal gruppo terroristico ISIS.

Narcos messicani, in tempo reale
In Messico, la violenza dei cartelli della droga non è tipica solo della vita delle persone coinvolte, ma, come accade sempre più di frequente, si diffonde anche attraverso le registrazioni video.
Il materiale audiovisivo diffuso attraverso Internet è diventato un metodo ricorrente tra i criminali che intendono ampliare la portata delle loro azioni e infondere terrore. Tutti orchestrati meccanicamente.
Per alcuni sicari, la diffusione di video sui massacri sembra essere fondamentale quanto la preparazione delle loro armi, perché non solo le immagini sono viralizzate, ma anche i sentimenti di panico che le accompagnano.
In Messico, non esiste una legge ufficiale che regolamenta i video, come in altre nazioni, in cui la divulgazione di questo tipo di video potrebbe comportare multe milionarie. I media, quindi, sono stati scelti per pubblicizzare questo tipo di contenuti per vari motivi come la sensibilità al dolore delle famiglie delle vittime, il diritto alla privacy delle vittime in periodi di estrema vulnerabilità e l’incentivo alla vendetta.

(articolo pubblicato su Infobae del 08/12/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori