testata ADUC
Pandemia e mercato droghe in Ue. Rapporto Oedt-Europol
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
29 maggio 2020 15:08
 
 Quali sono gli effetti di COVID-19 sul più grande mercato criminale dell'UE? Questa domanda viene esplorata nei mercati delle droghe dell'UE: impatto di COVID-19, un nuovo rapporto pubblicato oggi dall'agenzia europea per la droga (OEDT) ed Europol. L'analisi riporta di prezzi più alti, carenze locali e purezza ridotta per alcune droghe, rilevando al contempo la continua violenza tra fornitori e distributori. Mostra anche come i gruppi di criminalità organizzata rimangono attivi e tenaci, "adattando i modelli di trasporto, le rotte del traffico e i metodi di occultamento", anche durante la pandemia.

Le due agenzie dell'UE hanno unito le loro forze per meglio comprendere gli sviluppi del mercato della droga nell'ambito della pandemia di COVID-19 e il loro impatto sulla sicurezza interna e sulla salute pubblica nell'UE. I risultati si basano su opinioni raccolte attraverso un'indagine online dell'OEDT su esperti di droga negli Stati membri dell'Unione, raccolta di informazioni operative di Europol sulla criminalità organizzata e monitoraggio strutturato delle informazioni open source.

Secondo il rapporto, l'interruzione della catena di approvvigionamento del traffico di droga è principalmente a livello di distribuzione, a causa delle misure di allontanamento sociale all'interno dell'UE. Con il commercio di strada fortemente compromesso dalle restrizioni alla circolazione, i consumatori e i rivenditori si stanno sempre più rivolgendo a metodi alternativi, incluso l'uso di mercati darknet, piattaforme di social media e app di comunicazione crittografate, con pagamenti senza contanti e meno interazioni faccia a faccia. Ma mentre la logistica potrebbe essere cambiata, lo spostamento di grandi quantità di droghe tra gli Stati membri dell'UE non è cessato, nonostante i controlli alle frontiere, a causa del continua mobilità di merci attraverso l'Europa.

Vi sono meno prove di interruzioni a livello di importazione all'ingrosso. Il traffico di stupefacenti per via marittima continua a livelli simili al periodo pre-pandemico, sebbene vi sia stata una netta interruzione nel traffico di passeggeri nel trasporto aereo. Il traffico di cocaina attraverso container marittimi continua a livelli comparabili al 2019 e il numero di sequestri di cocaina in alcuni Paesi è aumentato. Il traffico di eroina sembra continuare lungo molte delle rotte note (ad es. La rotta dei Balcani).

La pandemia COVID-19 ha esacerbato l'interruzione già in corso della catena di approvvigionamento di resina di cannabis dal Marocco verso l'UE. Questo, insieme all'accumulo di cannabis da parte dei consumatori, ha portato ad alcune carenze di questa sostanza e all'aumento dei prezzi. Sono state anche segnalate carenze localizzate di eroina, che potrebbero portare a un passaggio a sostanze alternative (ad es. Oppioidi sintetici). Mentre la domanda di cannabis ed eroina rimane sostanzialmente stabile, la domanda di droghe sintetiche utilizzate in contesti ricreativi è "notevolmente diminuita", a causa della chiusura di club, locali notturni ed eventi musicali. Nonostante ciò, la produzione di droghe sintetiche è continuata.

Il direttore dell'OEDT, Alexis Goosdeel, fa sapere: "COVID-19 è un'emergenza di salute pubblica senza pari e che ha avuto conseguenze in tutte le aree della vita moderna. La presente relazione fornisce preziose informazioni sull'impatto a breve termine della pandemia sul mercato della droga dell'UE e ci aiuterà a prepararci per ripercussioni a lungo termine. L'effetto economico della crisi renderà probabilmente alcune delle nostre comunità più vulnerabili sia ai problemi legati alla droga sia al coinvolgimento del mercato della droga. Inoltre, la crescita del commercio online e delle comunicazioni crittografate metterà a dura prova le forze dell'ordine. Nel periodo post-pandemico, probabilmente vedremo una maggiore volatilità, competizione e violenza associate al commercio di droga. Anticipando questi sviluppi ora, saremo più preparati a rispondere rapidamente ed efficacemente alle nuove sfide che probabilmente dovremo affrontare."

Catherine De Bolle, direttore esecutivo di Europol: "La pandemia ha avuto un impatto notevole sulla nostra vita e sta rallentando la nostra economia. Tuttavia, questa tendenza economica non è stata osservata nel traffico internazionale di stupefacenti. Questi mercati illegali continuano a generare enormi profitti, anche durante la pandemia. I sequestri di droghe illegali in alcuni Paesi dell'UE durante la prima metà del 2020 sono stati più elevati rispetto agli stessi mesi degli anni precedenti. Oggi più che mai, questi risultati dovrebbero motivarci a garantire che l'eventuale ripresa dalla pandemia sia accompagnata da una forte ed efficace risposta delle forze dell'ordine internazionali. Dobbiamo fare attenzione ché i trafficanti di droga non beneficino delle potenziali conseguenze sociali ed economiche dell'attuale crisi ".

Qui il rapporto completo
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori