testata ADUC
Perché il baby boom africano è importante per tutti (e molto)
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
10 novembre 2018 19:09
 
 Demografia è la parola chiave. Ma non viene quasi mai pronunciata. Alex Ezeh del Center for Global Development di Washington la descrive bene in una frase: "C'è un elefante nella stanza, è così difficile parlare di problemi di popolazione che la comunità internazionale di sviluppo lo ha ignorato per anni". Tale comunità si incontra ogni anno a settembre a New York per la celebrazione dell'Assemblea delle Nazioni Unite. Questo mese di solito viene riempito con dati e rapporti. La maggior parte delle organizzazioni e delle ONG presentano comunicazioni e conclusioni prima dell'Assemblea, forse perché coloro che partecipano, i leader politici di ogni Paese membro, abbiano tutte le carte in mano sui progressi e le sfide del mondo. E il potere, se non ne fai parte, sì rimescola.
Gli studi più importanti di questa ultima edizione si sono concentrati su questioni come conflitti, eventi meteorologici estremi e crisi economiche per cercare di spiegare lo stato del pianeta, la regressione del numero di affamati nel mondo (per la terza volta cattive notizie, secondo la FAO), le proiezioni dei progressi nella lotta alla povertà (che stanno rallentando, secondo la Banca Mondiale) e quei 1.300 milioni di poveri multidimensionali che l'UNDP ha identificato con un nuovo indice di calcolo. E, in generale, sull'attuazione di questo programma di sviluppo sostenibile con 17 obiettivi che la comunità internazionale ha segnato come una roadmap di progresso fino al 2030.
E quasi tutti hanno abbandonato quel fattore, che può determinare molte cose a medio e lungo termine nella geopolitica mondiale: l'aumento della popolazione. Quasi tutti. Non è così il rapporto Goalkeepers 2018 della Bill e Melinda Gates Foundation che non solo si occupa di esso, ma lo esplicita nei minimi paticolari: la nostra vita dipende da come l'umanità si comporterà in futuro con il continente africano. Perché? Recentemente è stato detto che investire nella gioventù africana è la chiave perché il mondo vada avanti. Uno degli ostacoli che il progresso del mondo sta affrontando è la rapida crescita della popolazione africana: "Quasi il 60% degli africani ha meno di 25 anni (in Europa è il 27%), l'età media è di 18 anni (rispetto a 35 in Nord America e 47 in Giappone) e, inoltre, la popolazione raddoppierà entro il 2050, il che significa che anche se la percentuale dei poveri nel continente si ridurrà della metà, il numero rimarrà lo stesso di ora".
Tale aumento demografico svolge un ruolo fondamentale quando si tratta di affrontare e comprendere le lotte contro la fame, la povertà, la disuguaglianza e le migrazioni non volontarie. Ed è così specialmente nelle aree più povere, dati i problemi già strutturali e, soprattutto, quelli che sono considerati una minaccia in generale in Occidente. L'Africa sta vivendo il suo boom economico così come l'Europa lo ha vissuto alcuni decenni fa. Ma una cosa del genere è molto preoccupante al Nord. Come una minaccia allo sviluppo del continente stesso (dove ci sono Paesi, come il Ghana, la cui economia sta crescendo all'8%) e come una minaccia percepita verso gli altri oltre i suoi confini.
Del primo (danno al continente stesso) The Economist se ne è occupato poche settimane fa. La rivista ha dedicato un articolo nel suo numero di settembre a questo argomento dal titolo “L'alto tasso di natalità in Africa mantiene il continente povero”. E inizia citando un personaggio molto citato negli ultimi tempi: il presidente della Tanzania, John Magufuli, uno con lo stile illuminato di Trump. "Il presidente della Tanzania ha una visione molto chiara sul controllo delle nascite, non la vede". Nel 2016 aveva annunciato che le scuole statali sarebbero state libere e che, di conseguenza, le donne avrebbero potuto buttare via i loro contraccettivi. Questo settembre, in una manifestazione ha detto che il controllo delle nascite è stato un segno di pigrizia dei genitori. La Tanzania non dovrebbe seguire l'Europa, ha continuato, dove un 'effetto collaterale' della contraccezione diffusa è la riduzione della manodopera. (sic)". E a causa di ciò, questo leader visionario ha ordinato l'espulsione delle ragazze dalle scuole quando rimangono incinte e vietato l'uso di misure di pianificazione familiare.
Sul secondo (percezione della minaccia o problema esterno) si sofferma Yuval Noah Harari, nel suo ultimo libro “21 lezioni per il XXI secolo” (una di queste, ovviamente dedicata ai quattro dibattiti che, secondo lui, sono nascosti nella questione dell'immigrazione attuale, e che a volte, erroneamente, tendiamo a credere che siano riassunti in uno): "Come sempre più umani attraversano sempre più confini alla ricerca di lavoro, sicurezza e un futuro migliore, la necessità di affrontare, assimilare o espellere gli stranieri mette in tensione i sistemi politici e le identità collettive che sono state create in tempi meno fluidi, e in nessun luogo il problema è più acuto che in Europa", scrive.
Per questo motivo, forse leader come Angela Merkel sembrano aver chiaro (o almeno così ha letto Harari): "L'Europa ha molte sfide, ma le sfide della migrazione potrebbero diventare una questione decisiva per il destino dell'Unione europea", ha detto nel suo viaggio alla fine di agosto, a temperature tropicali, in Senegal, Nigeria e Ghana, dove ha aggiunto: "Ci può essere solo una prospera Unione Europea se possiamo affrontare questioni di migrazione e alleanze con l'Africa". E lui si è subito adoperato. Nessun altro Paese europeo ha rifocalizzato le sue osservazioni (con maggiore cooperazione tecnica e coinvolgimento privato e maggiori investimenti) in questo continente a sud di cui solo 14 chilometri ci separano e nelle cui acque di confine così tanti esseri umani annegano ogni giorno: quasi 7000 dal primo che fu ritrovato sulle spiagge di Tarifa 30 anni fa.
Nessuno è libero di ricevere o produrre migranti
“L'Africa come sfida demografica” è intitolato un libro, dell'editore Catarata e Casa Africa, organizzazione della diplomazia spagnola che da Las Palmas de Gran Canaria è in prima fila per osservare la realtà del continente. Si tratta di due saggi firmati da due geografi, Pedro Reques e Luikakio Afonso nel 2017.
Il primo, in sole 60 pagine, propone un esercizio di calcolo sulla ricreazione del futuro che è molto interessante; una somma grazie alla quale ci consente di capire cosa succederà a medio e lungo termine con l'Africa e il mondo riguardo i movimenti delle persone, dato che oggi nessuno è un'isola in questo mondo globalizzato, né nessuno è libero di produrre o ricevere migranti in un dato momento.
Il secondo libro riguarda tutto ciò che è stato detto nel caso dell'Angola, il suo Paese di origine. "La drammatica situazione di povertà che prevale in molti Paesi non è una diretta conseguenza di processi demografici, ma l'ingiusta divisione internazionale del lavoro, che crea una grande disuguaglianza nelle politiche di sviluppo economico, commercio e scambi tecnologici tra le nazioni ricche e sviluppate e quelle povere o sottosviluppate", scrive Afonso. "E in secondo luogo, la grande disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza o dei redditi che prevale negli Stati ...".
La popolazione mondiale raggiungerà gli 11,2 miliardi secondo tutte le previsioni nel 2050. Mentre nel mondo in generale si moltiplicherà per 1,5, in Africa si moltiplicherà per 3,7. "Questo maggiore peso del Sud - il 40% della popolazione mondiale sarà africana - condizionerà l'ordine politico ed economico globale", affermano gli autori mentre propongono anche il gigantesco mosaico di problemi che si verificano oggi nel continente e lo spazio di opportunità che oggi rappresenta.
Il lavoro mette in evidenza alcuni dati e dettagli che guidano questa confusa mappa della realtà africana e aiutano, forse, a capire perché le persone nate in un territorio ricco, che potrebbero avere migliaia di possibilità di vita e prosperità nel loro luogo di origine, decidono di partire, di incamminarsi ... La risposta è semplice: è sempre stato così nella storia nomade dell'umanità.
Mettere le porte sul campo, come si suol dire, non è facile. Nessuna barriera, confine o blocchi con le leggi fermerà gli africani (o chiunque) nella loro ansia di fuggire, sopravvivere, migliorare la loro esistenza o semplicemente per il piacere di muoversi, che è proprio della nostra specie. Nient'altro che ciò che implica in modo decisivo la sconfitta della brutale disuguaglianza che esiste oggi tra il Nord e il Sud. Tutti gli esperti, le ONG, le organizzazioni delle Nazioni Unite concordano sul fatto che per una cosa del genere è richiesto un vero programma politico planetario: un coinvolgimento di tutti che preveda soprattutto di cancellare la fame e le sue calamità dalla faccia della Terra: osservare gli esseri umani morire di malnutrizione anche oggi nel 2018 è il più grande dei peccati del presunto e orgoglioso progresso dell'umanità. Ci siamo davvero impegnati? Hans Rosling, il direttore di Gapminder, ci direbbe sì attraverso le sue statistiche ottimistiche seguendo la linea del nostro tempo di sviluppo storico. Vero. Ci siamo impegnati, molto, è vero. Ma ... siamo troppo lenti per la velocità della lepre-demografica?

(articolo di Lola Huete Machado, pubblicato sul quotidiano El Pais del 10/11/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori