testata ADUC
Piccole apparecchiature elettriche ed elettroniche: i rifiuti si consegnano ai grossi negozi senza obbligo di acquisto con l''uno contro zero'
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Rita Sabelli
9 luglio 2018 13:06
 
Una recente indagine realizzata per conto del principale consorzio italiano nella gestione dei Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), Ecodom, ha svelato che il 73% degli italiani non sa che può consegnare i rifiuti delle apparecchiature più piccole -fino a 25 cm- ai grossi negozi di elettrodomestici SENZA alcun obbligo di acquisto.

Si parla del cosiddetto “uno contro zero” che dal 2016 ha affiancato il classico “uno contro uno” che prevede la possibilità, all’acquisto di un apparecchiatura nuova (telefonino, elettrodomestico, etc.), di consegnare un corrispondente “usato” da rottamare, che il venditore è obbligato a ritirare.

Nei negozi con superficie superiore a 400 mq -come i grossi venditori di elettrodomestici per esempio- è quindi possibile sia consegnare -per fare un esempio- un ventilatore usato acquistandone uno nuovo, sia consegnare un telefonino vecchio -o qualsiasi rifiuto di apparecchio elettronico di dimensioni fino a 25 cm- SENZA dover acquistare alcunché.
I piccoli negozi (con superficie inferiore a 400 mq) NON sono invece obbligati ad accettare la consegna senza acquisti dell’”uno contro zero”, ma possono consentirla volontariamente.

Tutte le informazioni sui RAEE si trovano sulla scheda pratica RICICLO RIFIUTI APPARECCHI ELETTRICI ED ELETTRONICI (RAEE): le regole


 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori