testata ADUC
Processo narcos El Chapo a New York. La metamorfosi dell'arricchito
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
28 novembre 2018 12:04
 
 Joaquín El Chapo Guzmán ha iniziato a trafficare la cocaina perché era povero. "Non ho dovuto mangiare", dice Miguel Angel Martinez, conosciuto tra i membri del cartello di Sinaloa come El Gordo. Con la vendita di arance e pane cotto dalla madre trascorre alcuni anni per accumulare una fortuna che gli ha permesso di ottenere una flottiglia di quattro jet privati, palazzi sparsi per le migliori spiagge del Messico e persino uno zoo in uno dei suoi tanti ranch.
"Tutto questo è stato grazie al boom della cocaina dei primi anni Novanta", ha detto Martinez Martedì 27 novembre nel settimo giorno del processo contro il messicano signore della droga che si tiene a Brooklyn (New York), mentre l'accusa ha mostrato alla giuria una foto di un Learard 36 di Bombardier parcheggiato in un hangar. Quando ha iniziato a lavorare come pilota per Guzmán, racconta, il suo capo "non aveva niente". L'ascesa è stata brillante e prima di essere arrestato per la prima volta ha speso 10 milioni di dollari per comprare una proprietà ad Acapulco, nel Pacifico messicano.
El Gordo divenne il braccio destro del signore della droga. "Era il miglior affare del mondo", ha detto al processo. In quel palazzo era attraccato uno yacht chiamato Chapito, sempre secondo la testimonianza del secondo testimone che coopera con i procuratori, arrestato in Messico nel 1998 e tre anni più tardi estradato negli Stati Uniti. El Chapo è condannato all'ergastolo per aver condotto un complotto criminale che ha permesso al cartello di Sinaloa di introdurre 155 tonnellate di droga negli Stati Uniti in un quarto di secolo.
Al processo, Miguel Ángel Martínez ha indicato l'imputato come il suo "capo" in ogni momento. La difesa, che sostiene che El Gordo ha speso $ 4000 al giorno per la cocaina, prova a dimostrare che, in realtà, El Chapo era qualcuno di più.
El Chapo divenne così ricco che il suo ranch a Guadalajara (Jalisco, la regione in cui iniziò a costruire il cartello) aveva, tra le altre cose, quattro piscine e uno zoo con tigri, leoni, pantere e cervi. "Gli ospiti lo hanno visitato in treno", ha detto El Gordo, esponendo le nuove ricche stravaganze.
Viaggiare all'estero è diventato più frequente man mano che i contanti crescevano. "Siamo stati in Brasile, Argentina, Europa, Giappone, Hong Kong e una volta siamo andati in Svizzera per ottenere un trattamento di ringiovanimento. Anche a Macao per giocare al casinò". El Gordo ha ricevuto, secondo la sua storia, ordini dal suo capo per fare generosi regali alle persone che lo hanno tirato su: "Un dicembre ha dovuto comprare 50 auto di lusso. Potevo scegliere fra tre modelli".
Ma mantenere quell'opulenza costa un sacco di soldi. "Circa 12 milioni di dollari al mese", dice Martínez, che è apparso davanti alla giuria come direttore degli affari di Guzmán. Ha parlato di tutte le donne con cui ha avuto un rapporto romantico, "la sua famiglia era molto grande". E le feste che ho organizzato. "Gli piaceva il cognac", ha spiegato. Lo stipendio che ha ricevuto dal suo capo era comunque basso rispetto a tutto ciò che doveva fare, dice: un milione di dollari all'anno.
La storia di Miguel Ángel Martínez si incentra sulla fase incipiente dell'organizzazione criminale. Fu pagato da Guzmán tra il 1987 e il 1993. Tra le sue responsabilità c'era quella di gestire a suo nome il denaro che era stato ottenuto dalla vendita di droga negli Stati Uniti. Gli aerei privati ??venivano usati per trasportare denaro dal confine a Città del Messico, in partite di 10 milioni. Il testimone ha spiegato che il denaro che stava scendendo dal cielo è stato successivamente introdotto nel sistema bancario: "Se me lo avessero chiesto, avrei detto che era a causa di un'attività di esportazione di pomodori".
La guerra
I benefici delle attività illecite sono stati utilizzati anche per acquistare proprietà con falsa identità al fine di riciclare il denaro della droga o istituire società di copertura in modo che l'impresa criminale potesse svolgere le sue operazioni, come la spedizione di cocaina in lattine jalapeño. Il denaro è andato anche a pagare tangenti alle forze dell'ordine in Messico, all'acquisizione di case su entrambi i lati del confine per la costruzione di tunnel e alla lotta contro il cartello rivale di Tijuana.
La guerra che è stata aperta con i fratelli Arellano-Felix ha avuto due momenti chiave che hanno dato rilevanza alla figura di El Chapo: le riprese al nightclub Christine e l'assassinio del cardinale Juan Jesús Posadas Ocampo. "Tutti sono diventati famosi tra stampa e politici", ha detto, "è divenne molto difficile operare perché le loro foto erano diffuse in catene nazionali televisive ogni dieci minuti". Guzmán finì per essere arrestato nel giugno 1993, quando stava cercando di fuggire in El Salvador.
El Gordo ha temporaneamente assunto tutte le sue incombenze e corrotto un funzionario della prigione per "prendersi cura" di El Chapo. È riuscito a passare un telefono cellulare in modo che potesse comunicare con il mondo esterno e continuare a gestire l'organizzazione. Guzmán gli ha anche chiesto di prendersi cura di tutte le sue donne e della sua famiglia. "Non aveva un persona di livello simile al suo per prendere il suo posto e guidare il cartello", ha ammesso.

(articolo di Sandro Pozzi, corrispondente da New York, pubblicato su El Pais del 28/11/2018)

Nella foto: riproduzione in disegno di El Chapo, realizzata dall’artista Jane Rosenberg (EFE)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori