testata ADUC
Quando la ricchezza dà l'illusione della competenza
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
26 maggio 2019 18:10
 
Per sembrare competente quando non lo sei, ci vuole un sacco di coraggio. E per avere quel coraggio, l'appartenenza a una classe benestante può aiutare? Questa è la domanda di uno studio pubblicato lunedì 20 maggio nel "Journal of Personality and Social Psychology".
Precedenti indagini scientifiche hanno già dimostrato che "nei gruppi sociali, le persone che sovrastimano se stesse hanno maggiori probabilità di parlare, usano un tono preciso e sicuro e mostrano un comportamento calmo e rilassato", affermano gli autori. Di conseguenza, gli osservatori considerano queste persone come competenti e meritevoli di elevata reputazione sociale."
I ricercatori hanno misurato la tendenza degli individui a sopravvalutare se stessi rispetto agli altri, prima di determinare se questo orgoglio fosse correlato alla loro classe sociale e se potesse influenzare la percezione che gli altri avevano delle loro capacità, in quattro esperimenti.
Sentirsi ricco ti rende sicuro
In totale hanno partecipato oltre 150.000 persone, principalmente in Messico e negli Stati Uniti. Si potrebbe stabilire una forte correlazione tra percepire una classe benestante e sovrastimare le proprie capacità. Pensarsi ricchi può implicare di dare l'illusione, a se stessi, di essere competente.
D'altra parte, questa correlazione non è sistematicamente evidente quando si considera la vera categoria socio-professionale a cui appartiene il soggetto.
Per l'ultimo esperimento, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di fare un semplice test. I soggetti dovevano valutare le loro prestazioni. In questo caso, si è riscontrato che "individui di una classe sociale relativamente alta si sono sovrastimati di più delle loro controparti di classe inferiore."
I partecipanti hanno poi fatto una simulazione di colloquio di lavoro, ed è emerso chiaramente che "le persone che si percepivano come appartenenti a una classe sociale benestante venivano valutate con maggiore probabilità di essere assunte rispetto alle loro controparti nelle categorie occupazionali inferiori. ."
Accadeva lo stesso, tra i benestanti, chi sopravvalutava se stesso e chi era considerato tra i migliori candidati? Questo è ciò che lo studio ha difficoltà a mostrare: "Alla luce della precedente analisi delle competenze, ci sono prove che le famiglie ad alto reddito ... sono state valutate con maggiore probabilità di essere assunte rispetto a quelle di uno stato inferiore. Ma questi effetti non hanno raggiunto un livello abitualmente significativo."
In altre parole, lo studio non dice che essere nati benestanti sia sufficiente per essere percepito come competente quando non lo si è. Sembra piuttosto che tutti i fattori debbano essere combinati per apparire come verosimilmente utili per un lavoro.

(articolo di Remy Demichelis, pubblicato sul quotidiano Les Echos del 22/05/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori