testata ADUC
Razzismo e fanatismo sono nel nostro DNA?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
4 aprile 2021 11:54
 
 Il fanatismo è nel nostro DNA, un residuo della nostra paura dell'"altro" quando era necessario? Se è così, perché alcuni combattono con i loro istinti mentre altri li abbracciano? Peter, 71 anni, Darlington
“Io, Pencil, per quanto semplice sembri, merito la tua meraviglia e il tuo timore reverenziale ... se puoi diventare consapevole della miracolosità che io simbolizzo, puoi aiutare a salvare la libertà che l'umanità sta perdendo così infelicemente. Ho una lezione profonda da insegnare. E posso insegnare questa lezione meglio di un'automobile, un aereo o una lavastoviglie meccanica perché ... beh, perché apparentemente sono così semplice.
Semplice? Eppure, nessuna persona sulla faccia di questa Terra sa come farmi”.


Gli esseri umani sono le specie più cooperative del pianeta, fanno tutti parte di un enorme ecosistema interconnesso. Abbiamo costruito vaste città, collegate da un sistema articolato globale di strade, rotte marittime e fibre ottiche. Abbiamo inviato migliaia di satelliti che ruotano intorno al pianeta. Anche oggetti apparentemente semplici come una matita di grafite sono opera di migliaia di mani di tutto il mondo, come descrive il meraviglioso saggio I-Pencil, citato sopra, di Leonard Read.

Eppure possiamo anche essere sorprendentemente intolleranti l'uno dell'altro. Se siamo completamente onesti, forse c'è un po' di xenofobia, razzismo, sessismo e fanatismo nel profondo di tutti noi, se solo lo permettessimo. Fortunatamente, possiamo scegliere di controllare e sopprimere tali tendenze per il nostro benessere e il bene della società.
La maggior parte degli atteggiamenti e dei comportamenti umani ha una componente sia genetica che ambientale. Questo vale anche per la nostra paura di altri che sono diversi da noi - la xenofobia - e per l'intolleranza dei loro punti di vista - il fanatismo. Nella regione dell'amigdala del cervello è cablato un riflesso della paura che viene innescato dall'incontro con il non familiare.
In tempi pre-moderni, aveva senso avere paura degli altri gruppi. Avrebbero potuto essere violenti, rubare le nostre risorse o introdurre nuove malattie a cui non eravamo adattati. Al contrario, è stato utile fidarsi di coloro che ci somigliano: è più probabile che siano imparentati. E quando aiutiamo questi parenti, è più probabile che i nostri geni vengano trasmessi alle generazioni future. Inoltre, se l'altra persona ricambia la buona azione, ne beneficiamo ancora di più.
Al di là di tali influenze genetiche, la nostra cultura umana influenza fortemente i nostri atteggiamenti e comportamenti, modificando le pulsioni umane innate, sopprimendole o incoraggiandole ulteriormente. Se tolleriamo e ci fidiamo di qualcuno o lo temiamo e lo rifiutiamo, dipende molto da questa cultura.
La civiltà moderna in generale incoraggia l'estensione di atteggiamenti come il rispetto e la tolleranza al di là di coloro che ci sembrano simili, a coloro con i quali non abbiamo alcuna relazione. Rafforziamo e codifichiamo questi valori, insegnandoli ai nostri figli, mentre i leader spirituali religiosi e secolari li promuovono nei loro insegnamenti. Questo perché generalmente portano a una società più armoniosa e reciprocamente vantaggiosa.

Il problema con il tribalismo
Questo è esattamente ciò che ci ha reso una specie così cooperativa. Ma a volte le nostre culture possono essere meno progressiste. Ciò che le persone intorno a noi dicono e fanno inconsciamente influenza il nostro modo di pensare. Assorbiamo questo contesto culturale come una spugna e modelliamo sottilmente i nostri atteggiamenti e comportamenti. Se siamo circondati da persone che stigmatizzano chi è diverso da loro, questo incoraggia anche la sfiducia o l'aggressività in noi.
Premono i pulsanti di certi atteggiamenti xenofobi profondamente radicati dentro di noi. In effetti, scoraggiano le risposte inibitorie apprese a fatica nella corteccia prefrontale del cervello che si accumulano in contesti più progressivi.
Movimenti come il nazismo hanno apertamente promosso la xenofobia e il fanatismo. Incoraggiano una forte lealtà tribale al "in-group" (il proprio gruppo), mentre stigmatizzano (e nel caso del nazismo, giustiziando) gli altri. Preso troppo lontano, un sano orgoglio per il proprio paese può facilmente sfociare in un nazionalismo malsano, in cui ci identifichiamo con la nostra nazione escludendo gli altri.

Le cose sembrano andare in questa direzione oggi. Leader come il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro e il primo ministro indiano, Narendra Modi, sono più spesso al centro della scena. Nel Regno Unito, figure come Nigel Farage, un architetto chiave della Brexit, utilizza piattaforme multimediali per promuovere opinioni ingenue e bigotte - un esempio è questo tweet sull'epidemia di coronavirus del 2020: "È davvero giunto il momento che tutti lo diciamo. La Cina ha causato questo incubo".
Quando i media, e specialmente le persone di cui ci fidiamo, parlano in questo modo, ha un profondo effetto sulle nostre menti che recepiscono. Può persino plasmare le nostre convinzioni su ciò che potremmo pensare siano questioni puramente razionali. Ad esempio, la convinzione che gli esseri umani stiano causando il cambiamento climatico è fortemente associata all'appartenenza ai partiti politici statunitensi.
Questo perché tendiamo ad adottare una posizione comune su un argomento per segnalare che facciamo parte di un gruppo, proprio come i tifosi di calcio indossano determinati colori o hanno tatuaggi per mostrare la loro lealtà tribale. Anche gli individui forti che resistono a regimi oppressivi hanno in genere ideali condivisi e norme con altri membri di un movimento di resistenza.
Questo tribalismo può sembrare tutto molto viscerale e naturale perché, beh, in un certo senso lo è. Accende le parti primarie del nostro cervello progettate per tali risposte. Tuttavia, ci sono altri atteggiamenti naturali, come la compassione e la considerazione per gli altri, che possono essere soppressi in tali circostanze. Le culture squilibrate producono cervelli squilibrati.
Questa combinazione di natura ed educazione che plasma i nostri atteggiamenti e comportamenti è evidente in molte caratteristiche umane, e scartare alcuni di questi esempi può aiutarci a vedere le opportunità per guidare il processo.

Consideriamo la tendenza a diventare sovrappeso nella società moderna. In epoca pre-moderna, i cibi zuccherati e grassi erano rari e preziosi per l'uomo. Adesso sono ovunque. Un tratto biologico - il desiderio di cibi zuccherati o grassi - che era adattivo in tempi pre-moderni, è diventato dannoso e disadattivo.
Sicuramente le nostre culture moderne possono proteggerci da queste pulsioni innate quando sono malsane per noi stessi e per la società? Dopotutto, reprimiamo efficacemente i comportamenti violenti nella società attraverso il modo in cui educhiamo i bambini, la polizia e il sistema carcerario.
Invece di riconoscere e proteggerci dalla spinta innata ad abbuffarsi di cibo malsano, tuttavia, le nostre culture moderne (almeno in molti paesi) in realtà aggravano quel particolare problema. Il risultato sono 2 miliardi di persone - oltre un quarto della popolazione mondiale - in sovrappeso o obese, mentre altri 2 miliardi soffrono di qualche tipo di carenza di micronutrienti.
Quando capiamo come i nostri impulsi cablati interagiscono con un contesto culturale inutile, possiamo iniziare a progettare interventi positivi. Nel caso dell'obesità, ciò potrebbe significare meno marketing di cibo spazzatura e alterazione della composizione del cibo prodotto. Possiamo anche cambiare il nostro comportamento, ad esempio stabilendo nuove routine e abitudini alimentari più sane.

Il cambiamento climatico potrebbe aumentare il fanatismo
Ma che dire del fanatismo e della xenofobia? Non possiamo semplicemente progettare le giuste correzioni per loro? Questo può dipendere dalla gravità dei problemi che dovremo affrontare in futuro. Ad esempio, le crescenti crisi ecologiche - cambiamento climatico, inquinamento e perdita di biodiversità - possono effettivamente portare ad atteggiamenti più bigotti e xenofobi.
Lo psicologo culturale Michele Gelfand ha mostrato come gli shock ambientali inducono le società a diventare "più strette" - il che significa che la tendenza a essere fedeli al "gruppo" diventa più forte. È più probabile che tali società eleggano leader autoritari e mostrino pregiudizi verso gli estranei.
Ciò è stato osservato sotto le passate minacce ecologiche come la scarsità di risorse e le epidemie di malattie, e in scenari di cambiamento climatico ci aspettiamo che queste minacce, in particolare eventi meteorologici estremi e insicurezza alimentare, possano solo peggiorare. Lo stesso vale per la pandemia di coronavirus. Mentre molti sperano che tali focolai possano portare a un mondo migliore, potrebbe accadere esattamente l'opposto.
Questa maggiore lealtà alla nostra tribù locale è un meccanismo di difesa che ha aiutato i gruppi umani del passato a riunirsi e superare le difficoltà. Ma non è vantaggioso in un mondo globalizzato, dove le questioni ecologiche e le nostre economie trascendono i confini nazionali. In risposta alle questioni globali, diventare bigotti, xenofobi e ridurre la cooperazione con altri paesi non farà che peggiorare l'impatto sulle proprie nazioni.

Nel 2001, un'iniziativa delle Nazioni Unite chiamata Millennium Ecosystem Assessment ha cercato di fare il punto sulle tendenze ambientali globali e, soprattutto, di esplorare come queste tendenze potrebbero svilupparsi in futuro. Uno degli scenari è stato chiamato "Order from Strength" e rappresentava "un mondo regionalizzato e frammentato che si occupa di sicurezza e protezione ... Le nazioni vedono la cura dei propri interessi come la migliore difesa contro l'insicurezza economica e la circolazione di merci, persone, e l'informazione è fortemente regolamentata e controllata”.
Successive iterazioni dello scenario sono state soprannominate "mondo fortezza" descrivendo una visione distopica in cui l'ordine è imposto attraverso un sistema autoritario di apartheid globale con élite in enclave protette e una maggioranza impoverita all'esterno.

Quando si pensa a come Trump parlava di costruire un muro al confine con il Messico, incoraggiato dalle ovazioni della folla, dobbiamo chiederci quanto siamo vicini a questo scenario. Su scala più ampia, i paesi ricchi "sviluppati", principalmente responsabili della causa del cambiamento climatico, stanno facendo molto poco per affrontare la difficile situazione dei paesi più poveri.
Sembra esserci una mancanza di empatia, disprezzo e intolleranza per gli altri che non hanno avuto la fortuna di nascere nella "nostra" tribù. In risposta a una catastrofe ecologica che stanno causando, i paesi ricchi discutono semplicemente sul modo migliore per prevenire il potenziale afflusso di migranti.

Ricablare il cervello
Per fortuna, possiamo usare il pensiero razionale per sviluppare strategie per superare questi atteggiamenti. Possiamo rafforzare i valori positivi, costruendo fiducia e compassione, riducendo la distinzione tra il nostro gruppo e l'“altro”.
Un primo passo importante è apprezzare la nostra connessione con le altre persone. Ci evolviamo tutti dallo stesso antenato simile a un batterio, e in questo momento condividiamo oltre il 99% del nostro DNA con tutti gli altri sul pianeta. Le nostre menti sono strettamente collegate attraverso i social network e le cose che creiamo sono spesso l'inevitabile passo successivo di una serie di innovazioni interdipendenti.
L'innovazione fa parte di un grande sforzo umano creativo collegato senza rispetto per la razza o i confini nazionali. Di fronte a prove schiaccianti da molteplici discipline scientifiche (biologia, psicologia, neuroscienze) ci si può persino chiedere se esistiamo come individui discreti o se questo senso di individualità sia un'illusione (come sostengo nel mio libro The Self Delusion).
Ci siamo evoluti per credere di essere individui discreti perché portava benefici per la sopravvivenza (come la formazione della memoria e la capacità di tenere traccia delle interazioni sociali complesse). Ma portato troppo lontano, l'individualismo egocentrico può impedirci di risolvere i problemi collettivi.
Oltre alla teoria, è necessaria anche la pratica per ricablare letteralmente il nostro cervello, rafforzando le reti neurali attraverso le quali nasce il comportamento compassionevole. È stato dimostrato che le attività della comunità all'aperto aumentano la nostra connessione psicologica con gli altri. Allo stesso modo, gli approcci di meditazione alterano le reti neurali nel cervello e riducono il nostro senso di identità isolata, promuovendo invece la compassione verso gli altri. Anche i giochi per computer e i libri possono essere progettati per aumentare l'empatia.
Infine, a livello sociale, abbiamo bisogno di un dibattito franco e aperto sul cambiamento ambientale e sui suoi impatti umani attuali e futuri - in modo cruciale, come i nostri atteggiamenti e valori possono influenzare altre vite e mezzi di sussistenza. Abbiamo bisogno di un dialogo pubblico sulla migrazione umana guidata dal clima e su come rispondiamo a questa come società, permettendoci di mitigare la reazione istintiva di svalutare gli altri.
Disinnesciamo questa bomba a orologeria etica e facciamo vergogna a coloro che alimentano le fiamme del fanatismo sotto di essa. Invece, possiamo aprirci a un atteggiamento più espansivo di connessione, dandoci il potere di lavorare insieme in collaborazione con i nostri simili umani.
È possibile guidare le nostre culture e ricablare il nostro cervello in modo che la xenofobia e il fanatismo scompaiano del tutto. In effetti, lavorare in modo collaborativo oltre i confini per superare le sfide globali del XXI secolo dipende da noi che facciamo proprio questo.

(Tom Oliver - Professor of Applied Ecology, University of Reading, su The Conversation del 02/04/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori