testata ADUC
Riscaldamento climatico. A quale temperatura il Pianeta diventerebbe invivibile?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 luglio 2019 16:03
 
 Secondo i diversi scenari del IPCC (organismo intergovernativo e scientifico che valuta il cambiamento climatico), le temperature del Globo potrebbero aumentare da 2 a 5 gradi centigradi entro il 2100. Ma alcuni scienziati allertano su una temperatura che potrebbe anche essere di +13 gradi. Per quanto tempo l’umanità potrebbe far fronte a questa temperatura?

Un Pianeta invivibile a 35 gradi
La temperatura normale del corpo umano è di 37 gradi ma quella della pelle deve restare al di sotto di 35 per evacuare il calore metabolizzato dal corpo. Quando si va oltre i 37 o 38 gradi, la temperatura del corpo raggiunge una soglia letale (42-43 gradi) e l’ipotermia. Ma questo dipende dall’umidità che riduce la capacità di evaporazione.
In un deserto, dove l’aria è secca, il corpo può resistere senza conseguenze a temperature anche oltre i 50 gradi. Al contrario, nelle zone tropicali dove il tasso di umidità va spesso oltre il 90%, uscire all’aria aperta diventa mortale dopo i 40 gradi, il corpo “cuoce” la sua parte interna. I ricercatori hanno anche calcolato che, su una Terra dove la cosiddetta temperatura del "termometro bagnato" (tenendo conto dell'umidità relativa e del movimento dell'aria) supererebbe in media i 35 gradi, gli umani e la maggior parte dei mammiferi potrebbero sopravvivere solo poche ore all’esterno.

Uragani, città inghiottite dalle acque e morte dei raccolti
Ma l’ipotermia non è lungi dall'essere il primo problema causato dal riscaldamento climatico: un Pianeta da 4 a 5 gradi più caldo provocherebbe un susseguirsi di conseguenze drammatiche: esondazioni dei fiumi, moltiplicazione degli uragani, morte della biodiversità delle coltivazioni. La fusione delle calotte polari provocherebbe da sola una aumento del livello degli oceani, inghiottendo le regioni costiere dove abitano centinaia di milioni di persone. “Con una Terra trasformata in un'incubatrice, molte zone diventerebbero inabitabili", avverte uno studio del 2018. Otto isole del Pacifico sono già scomparse e milioni di rifugiati climatici sono attesi se la tendenza persiste.
Al di là del riscaldamento globale, la Terra diventerà inabitabile comunque in 1,75 miliardi di anni, col sole diventato così caldo da far evaporare gli oceani. A quel punto, molti eventi avrebbero potuto sradicare l'umanità: meteoriti giganti, guerre nucleari o pandemie globali.

(articolo di Céline Deluzarche, pubblicato su Futura-Science del 03/07/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori