testata ADUC
Il Riscaldamento climatico rende 600 volte più probabili le ondate di calore come quelle della Siberia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
19 luglio 2020 20:10
 
 Il 20 giugno 2020, vicino alla stazione di Verkhoyansk, nel nord della Siberia orientale, il mercurio è salito a 38° C. Un record assoluto a tale latitudine - se la misurazione è confermata! Più in generale, la regione ha sperimentato, tra gennaio e giugno, temperature di + 5° C superiori alle medie per il periodo 1981-2010. E anche + 10° C sopra la norma per il solo mese di giugno. Un'ondata di calore prolungata che i ricercatori di diverse università hanno studiato. La loro conclusione è chiara: senza il riscaldamento globale, un tale evento climatico appare molto improbabile.
Secondo le loro simulazioni al computer, senza intervento umano, un'ondata di calore prolungata come questa si verifica solo una volta ogni 80.000 anni. Anche nelle attuali condizioni climatiche - già più di 1° C più calde di prima dell'era industriale - tali eventi si verificano solo una volta ogni 130 anni.

Un assaggio di ciò che potrebbe succedere
I cambiamenti climatici indotti dalle emissioni di gas a effetto serra hanno reso tali eventi almeno 600 volte più probabili. Secondo i ricercatori, se la stessa ondata di calore si fosse verificata da qualche parte verso la fine del XX secolo, le temperature registrate sarebbero state inferiori di almeno 2° C.
“Le ondate di calore sono di gran lunga gli eventi meteorologici estremi più mortali nella maggior parte del mondo. Devono essere presi molto sul serio", ha affermato Friederike Otto, un ricercatore dell'Università di Oxford (Regno Unito) in una dichiarazione dell'Organizzazione meteorologica mondiale. "Stiamo iniziando a sperimentare eventi estremi che non avrebbero quasi possibilità di accadere senza l'intervento umano sul sistema climatico. Ci resta poco tempo per stabilizzare il riscaldamento globale. Per mantenerlo a +1,5° C - il che implicherebbe già maggiori rischi di tali eventi estremi di calore - dobbiamo ridurre le nostre emissioni di CO2 di almeno la metà entro il 2030 ", avverte Sonia Seneviratne, ricercatore presso l'ETH di Zurigo (Svizzera) e autore principale di numerosi rapporti IPCC.

(articolo di Nathalie Mayer, pubblicato su Futurq-Planète del 18/07/2020)

 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori