testata ADUC
Le sfide 'post-covid' che devono affrontare le nuove generazioni
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 settembre 2020 0:57
 
Cosa succederà ai bambini che non torneranno mai a scuola? Quanti potrebbero morire per malattie prevenibili a causa di una cattiva alimentazione? In che modo l’isolamento per pandemia influisce sulla salute mentale dei più piccoli? Come sopravviveranno le famiglie più vulnerabili alla mancanza di reddito? Queste sono alcune delle tante domande che riguardano la situazione dei bambini e che la società, in generale, e le organizzazioni internazionali, in particolare, si sono poste dall'inizio della pandemia.
Dallo scoppio del Covid-19, i bambini e gli adolescenti del mondo sono stati descritti come le vittime "nascoste e invisibili" di questa crisi sanitaria. Sebbene il virus SARS-CoV-2 sia stato, fino ad oggi, un malattia a bassa incidenza di contagiati e mortalità tra i più giovani, sono già molti gli effetti collaterali che hanno iniziato a mostrare le conseguenze che i bambini subiranno. Nell'ultimo mese, alcune voci e diversi rapporti avvertono che la malnutrizione infantile, mancanza di reddito, malattie mentali e disuguaglianze nell'istruzione e nel genere sono sfide fondamentali che devono essere affrontate per non condannare le generazioni future.

Istruzione per tutti, senza digital device
All'inizio di marzo, il mondo ha chiuso le sue scuole e circa un miliardo di studenti e giovani in tutto il mondo sono stati colpiti dall'epidemia di covid-19, secondo i dati dell'UNESCO. Già ad agosto l'Onu aveva avvertito della "catastrofe generazionale" che avrebbe significato non riaprire immediatamente le scuole. Oggi, sei mesi dopo, almeno 53 paesi rimangono con le scuole chiuse e molti altri hanno concluso l'anno accademico. "Anche prima della pandemia, milioni di bambini e giovani stavano perdendo opportunità di istruzione e formazione di qualità perché non avevano accesso a Internet. Ora il covid-19 ha peggiorato la situazione", ha detto il direttore esecutivo dell'UNICEF Henrietta Fore, in un discorso all'inizio di settembre organizzato da Generation Unlimited, a cui hanno partecipato leader di tutto il mondo, sotto gli auspici delle Nazioni Unite.

"Abbiamo un'opportunità unica per colmare il divario digitale e rendere l'accesso a Internet una realtà per tutti i bambini, i giovani e in tutte le scuole e le comunità", ha aggiunto Fore. Un recente rapporto dell'UNICEF ha evidenziato che almeno uno studente su tre in tutto il mondo non è stato in grado di accedere alla formazione a distanza dopo la chiusura delle scuole, e questo per la mancanza di accesso alla tecnologia digitale. Se si guarda all'Africa, l'Unicef ??stima che almeno la metà dei bambini in età scolare nella regione subsahariana non abbia accesso a Internet. "Investire risorse nell'apprendimento digitale e nella formazione dei giovani è essenziale per costruire la coesione sociale e ridurre le disuguaglianze insostenibili che bloccano lo sviluppo umano e la crescita economica", ha affermato il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, nello stesso evento in cui, inoltre, le organizzazioni si sono impegnate a raggiungere 3,5 miliardi di bambini e giovani con un'istruzione di qualità, comprese le soluzioni digitali, entro il 2030.

Ma il digitale non è l'unico divario che il covid-19 ha scoperto nel mondo dell'istruzione. L'altra barriera importante che riguarda le organizzazioni è quella del genere. L'Unesco teme che circa 10 milioni di ragazze in età da scuola secondaria possano non tornare a scuola dopo la pandemia, portando ad un aumento dei matrimoni infantili e allo sfruttamento del lavoro, tra le altre conseguenze.
"Le ragazze di livelli socioeconomici inferiori corrono un rischio maggiore di non tornare a scuola. In queste famiglie, molte delle quali vivevano nell'economia informale, i redditi sono stati ridotti o completamente scomparsi, quindi non possono permettersi i costi dell'istruzione e quindi devono lasciare le figlie a occuparsi della casa e della famiglia, facendo i lavori domestici mentre gli altri vanno a lavorare. Ciò significherebbe una battuta d'arresto di circa 20 anni nel progresso verso l'uguaglianza di genere", spiega Julia López, regista di comunicazione e incidenza politica di Plan International in Spagna. La ONG ha lanciato la campagna #GirlsInCrisis con la quale intende coinvolgere 20 milioni di persone, soprattutto ragazze e adolescenti, di 52 paesi e garantire così l'accesso all'istruzione in modo sicuro e inclusivo, la protezione dei bambini contro la violenza e promuovere l'occupazione delle giovani donne.

All'inizio di settembre è stata lanciata anche Reinforcing Equality: A Guide to Returning Girls to School, un'iniziativa di Fonds Malala, Plan International, UNESCO, Ungei e Unicef, per aiutare i responsabili dei Ministeri dell'Istruzione alle dimensioni dei fenomeni di genere relativamente alle chiusure scolastiche legate al covid-19. Nella guida ci sono informazioni che enfatizzano un approccio basato sul "rafforzamento dell'uguaglianza", attraverso misure con una prospettiva di genere che trasformano i sistemi educativi, danno priorità alla resilienza e affrontano i principali ostacoli e limiti per l'istruzione delle ragazze, come spiegato dai partner del Gender Reference Group della World Coalition for Education covid-19 dell'UNESCO.

Insicurezza alimentare e malnutrizione infantile
Quasi 20 milioni di persone in più soffrono di fame acuta nel mondo, come annunciato la scorsa settimana dal Global Network Against Food Crises all'Assemblea annuale delle Nazioni Unite. E i bambini e i giovani sono uno dei gruppi più colpiti. "Il Covid-19 è una leva per la mortalità infantile", afferma David del Campo, direttore dell'azione umanitaria e della cooperazione internazionale di Save The Children.
L'organizzazione umanitaria ha avvertito che 67.000 bambini rischiano di morire di fame nell'Africa sub-sahariana prima della fine dell'anno a causa del grave impatto della crisi Covid-19. Queste cifre, che provengono da una nuova analisi che la Ong ha effettuato con i dati pubblicati su The Lancet, rivelano che circa 426 bambini possono morire ogni giorno se non vengono prese misure urgenti.
Save The Children ricorda che nel primo trimestre del 2020 diversi studi hanno stimato che il covid-19 aumenterebbe la povertà nell'Africa subsahariana del 23% e avverte che i rapporti più recenti indicano già che entro il 2030 potrebbero esserci 433 milioni di persone che soffrono di malnutrizione nel continente. “La vita era dura per me e la mia famiglia, ma ho lavorato sodo e siamo sopravvissuti. Il coronavirus ha peggiorato la situazione perché c'è poco lavoro e troppo spazio. Mangiavamo solo una volta al giorno, al mattino. Ho visto i miei figli andare a dormire affamati. Il peggior sentimento per una madre è vedere che non può nutrire i suoi figli", spiega Ubah, madre di sei figli nel Puntland (Somalia) a Save The Children, che le fornisce assistenza alimentare.

Prima della pandemia, l'Africa subsahariana era una delle regioni più insicure al mondo e si teme che se le tendenze attuali continueranno, sarà la casa di più della metà delle persone cronicamente affamate del mondo. “Ogni giorno più bambini vengono nelle nostre cliniche con sintomi di malnutrizione e questo è solo l'inizio. Se aspettiamo che le cliniche siano piene, sarà troppo tardi. La crisi alimentare potrebbe uccidere decine di migliaia di bambini se non ricevono assistenza umanitaria immediata”, spiega Ian Vale, Direttore regionale di Save The Children per l'Africa orientale e meridionale.

Un'altra delle conseguenze che colpiscono direttamente i bambini e che è stata aggravata dalla pandemia è la malnutrizione infantile. In Brasile, terzo Paese più infetto al mondo, il 49% dei brasiliani ha segnalato cambiamenti nelle abitudini alimentari, con un notevole aumento del consumo di cibo spazzatura, dall'inizio della pandemia. Tra le famiglie che convivono con bambini e adolescenti, l'impatto è stato ancora maggiore: il 58% ha dichiarato di aver cambiato dieta, secondo i dati della ricerca condotta dall'Unicef ??dal titolo “Impatti primari e secondari del COVID-19 su bambini e adolescenti”.

"Siamo di fronte a un preoccupante scenario di malnutrizione. Da un lato abbiamo assistito a un aumento del consumo di cibi malsani, che contribuisce in modo significativo all'aumento del sovrappeso e delle malattie croniche non trasmissibili. Dall'altro, assistiamo all'aumento dellla insicurezza alimentare e nutrizionale che può portare a malnutrizione e carenze di micronutrienti. Questa situazione colpisce principalmente le popolazioni più vulnerabili ed ha effetti a lungo termine. È essenziale agire immediatamente per invertire questo scenario", afferma Cristina Albuquerque, responsabile della salute di Unicef ??in Brasile.

Ansia e incertezza per il futuro
Gli abusi sui minori durante la quarantena, la depressione, gli abusi e lo stress del confinamento, così come l'incertezza sul futuro, sono alcune delle grandi preoccupazioni in relazione ai più piccoli. Nove ragazze su dieci nel mondo confessano di avere un livello di ansia alto o medio a causa della pandemia, secondo il nuovo studio dell'ONG “Plan International, Vite interrotte: l'impatto del COVID-19 su ragazze e giovani donne”. Le paure più frequenti tra gli intervistati, che comprende le esperienze di oltre 7.000 adolescenti tra i 15 e i 19 anni provenienti da 14 paesi, sono il benessere delle loro famiglie, che preoccupa il 40%, così come la propria salute, un tema che preoccupa il 33%.

La ricerca, che è stata condotta negli Stati Uniti, Brasile, Ecuador, Nicaragua, Spagna, Francia, India, Australia, Vietnam, Zambia, Etiopia, Ghana, Egitto e Mozambico, mostra che esiste una correlazione tra il grado di ansia e il loro status socioeconomico: più è basso, maggiori sono i livelli di stress delle giovani donne. “Questo studio serve come campanello d'allarme per i governi affinché includano un approccio di genere ed età nelle loro risposte alla pandemia. Per le ragazze e gli adolescenti, soprattutto i più vulnerabili, questa crisi ha portato a un aumento della disuguaglianza e dei rischi che hanno affrontato", spiega Concha López, Direttore generale di Plan International.

Il rapporto evidenzia le sfide e le preoccupazioni che le ragazze e gli adolescenti stanno affrontando a causa della pandemia nei diversi ambiti della loro vita, dalla loro istruzione alla loro capacità di diventare indipendenti e socializzare. Tutti allarmi da tenere in considerazione per il futuro delle nuove generazioni.

(articolo di Belén Hernández, su Planeta-Futuro del 22/09/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori